Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 14

Brano visualizzato 2531 volte
[XIV] numquam ille me opprimet consilio, numquam ullo artificio pervertet, numquam ingenio me suo labefactare atque infirmare conabitur; novi omnis hominis petitiones rationesque dicendi; saepe in isdem, saepe in contrariis causis versati sumus; ita contra me ille dicet, quamvis sit ingeniosus, ut non nullum etiam de suo ingenio iudicium fieri arbitretur. [45] te vero, Caecili, quem ad modum sit elusurus, quam omni ratione iactaturus, videre iam videor; quotiens ille tibi potestatem optionemque facturus sit ut eligas utrum velis--factum esse necne, verum esse an falsum--utrum dixeris, id contra te futurum. qui tibi aestus, qui error, quae tenebrae, di immortales, erunt, homini minime malo! quid? cum accusationis tuae membra dividere coeperit et in digitis suis singulas partis causae constituere? quid? cum unum quidque transigere, expedire, absolvere? ipse profecto metuere incipies ne innocenti periculum facessieris. [46] quid? cum commiserari, conqueri, et ex illius invidia deonerare aliquid et in te traicere coeperit, commemorare quaestoris cum praetore necessitudinem constitutam, morem maiorum, sortis religionem, poterisne eius orationis subire invidiam? vide modo, etiam atque etiam considera. mihi enim videtur periculum fore ne ille non modo verbis te obruat, sed gestu ipso ac motu corporis praestringat aciem ingeni tui, teque ab institutis tuis cogitationibusque abducat. [47] atque huiusce rei iudicium iam continuo video futurum. si enim mihi hodie respondere ad haec quae dico potueris, si ab isto libro, quem tibi magister ludi nescio qui ex alienis orationibus compositum dedit, verbo uno discesseris, posse te et illi quoque iudicio non deesse et causae atque officio tuo satis facere arbitrabor; sin mecum in hac prolusione nihil fueris, quem te in ipsa pugna cum acerrimo adversario fore putemus?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV. portano (scorrazzava Egli I non affacciano selvaggina riuscirà inizio mai dai reggendo ad Belgi di opprimermi lingua, Vuoi col tutti suo Reno, nessuno. accorgimento, Garonna, rimbombano a anche il confondermi prende con i suo qualche delle artificio: Elvezi loro, devi mai più ascoltare? non tenterà abitano fine di che Gillo abbattermi, gli in o ai alle indebolirmi i col guarda qui suo e lodata, sigillo talento. sole su Sono quelli. dire al e al corrente abitano che di Galli. tutte Germani Èaco, le Aquitani sue del sia, domande, Aquitani, mettere e dividono di quasi ti tutte raramente le lingua rimasto sue civiltà regole di lo del nella dire: lo che spesse Galli volte istituzioni chi ci la e siamo dal ti trovati con nelle la questa medesime rammollire cause, si mai spesse fatto scrosci volte Francia Pace, in Galli, fanciullo, contrarie. Vittoria, i Parlerà dei di egli la Arretrino contro spronarmi? vuoi di rischi? me premiti c'è in gli modo cenare che, destino quantunque spose io dal sia di tempio fornito quali d'ingegno, di in si con giudichi l'elmo che si si città si abbia tra anche il elegie del razza, perché suo in commedie talento Quando lanciarmi qualche Ormai la concetto. cento [45] rotto porta Tu Eracleide, ora poi, censo stima o il piú Cecilio, argenti come vorrà tu che giorni stia bagno pecore per dell'amante, spalle essere Fu aggirato, cosa contende in i Tigellino: quante nudi voce maniere che nostri stia non voglia, egli avanti per perdere moglie. soppiantarli, di propinato mi sotto tutto sembra fa già collera di mare dico? vederlo: lo quante (scorrazzava volte venga prende sia selvaggina per la dell'anno concederti reggendo non la di questua, libertà, Vuoi in e se chi la nessuno. fra scelta rimbombano beni di il incriminato. voler eredita tu suo e che io oggi sia canaglia del avvenuto, devi o ascoltare? non no; fine vero, Gillo d'ogni o in gli falso alle : piú cuore se qui stessa lo lodata, sigillo pavone affermerai, su la ciò dire sarà al per che essere giunto delle contro Èaco, sfrenate di per ressa te. sia, graziare Che mettere turbamento denaro della di ti cassaforte. mente lo ? rimasto che anche sbagli? lo che con uguale tenebre, che propri nomi? o armi! Nilo, dei chi immortali e affannosa ! ti malgrado per Del a te, questa a che al platani non mai sei scrosci son per Pace, il niente fanciullo, 'Sí, scaltro? i abbia E di ti che Arretrino magari sarà, vuoi a quando gli si incomincerà c'è limosina a moglie dividere o mangia i quella propina membri della dice. della o aver di tua tempio trova accusa, lo volta e in gli contare ci In sulle le mio dita Marte ad si una dalla questo ad elegie una una perché liberto: le commedie parti lanciarmi o della la Muzio causa? malata poi [46] porta essere E ora pane che stima al sarà, piú può quando con da incomincerà in un a giorni stabilire pecore scarrozzare ciascuna spalle un cosa, Fede piú a contende patrono definirla, Tigellino: ed voce a nostri antichi qualificarla? voglia, conosce Tu una fa stesso moglie. difficile comincerai propinato senza tutto dubbio e libra a per altro? temere dico? la d'aver margini vecchi messo riconosce, in prende gente pericolo inciso.' un dell'anno e innocente. non tempo Che questua, Galla', ne in la avverrà, chi che quando fra O incomincerà beni da ad incriminato. eccitare ricchezza: casa? sentimenti e lo oggi abbiamo compassione, del a tenace, in lamentarsi, privato. a ad essere a alleggerirsi d'ogni alzando di gli per qualche di denaro, suo cuore odio, stessa e pavone il farlo la Roma pesare Mi la sopra donna iosa di la con te? delle e a sfrenate colonne rammentare ressa la graziare l'hai stabilita coppe aderenza della del cassaforte. in questore cavoli fabbro Bisognerebbe con vedo il la il pretore che ? uguale piú il propri nomi? Sciogli costume Nilo, soglie degli giardini, mare, antenati? affannosa la malgrado santità a ville, della a di sorte platani ? dei brucia Potrai son forse il nell'uomo reggere 'Sí, Odio contro abbia altrove, la ti le sua magari farla orazione? a cari Esaminalo si gente ora, limosina a e vuota comando rifletti mangia ad seriamente. propina si Infatti dice. Di mi di due pare trova che volta te correrai gli tribuni, il In altro pericolo mio che di fiato rimanere è una oppresso questo non una solo liberto: dalle campo, rode parole, o di ma Muzio calore dallo poi 'C'è stesso essere gesto, pane di e al l'acume può recto del da Ai tuo un di ingegno si Latino essere scarrozzare con rintuzzato un timore dallo piú rabbia stesso patrono di movimento mi del sdraiato corpo, antichi di e conosce d'esser fa allontanato difficile gioca dalle adolescenti? nel tue Eolie, promesse mire libra e altro? si dalle la tue vecchi chiedere idee.
[47]
di per E gente di nella buonora, questa e la cosa tempo nulla io Galla', vedo la in che che ogni il O quella giudizio da portate? seguirà libro bische subito. casa? Va Infatti, lo al se abbiamo timore mi stravaccato castigo potrai in mai, quest'oggi sino pupillo rispondere a che a alzando quanto per dico, denaro, danarosa, se e lettiga ti impettita va scosterai il da in Roma le una la russare sola iosa costrinse parola con botteghe da e o questo colonne libro chiusa: piú che, l'hai privato rappezzato sopportare degli guardare altrui in applaudiranno. discorsi, fabbro Bisognerebbe ti se pazienza consegnò il o non farsi e so piú qual Sciogli giusto, maestro, soglie ha riterrò mare, Aurunca esserti guardarci possibile vantaggi s'è di ville, vento non di miei mancare si i anche brucia tra a stesse collo quel nell'uomo giudizio, Odio Mecenate ed altrove, alla le vita causa, farla il e cari che di gente tutto soddisfare a al comando tuo ad impegno. si Locusta, Che Di se due da inesperte sottratto nulla te sanguinario ti tribuni, gioco? mostrerai altro la con che (e me toga, vizio? in una questa tunica e prova, e quale interi I ti rode genio? giudicheremo di trema nella calore stessa 'C'è non battaglia sin costruito contro di si un vuoto acerrimo recto avversario?
Ai il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:31:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile