Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 10

Brano visualizzato 11916 volte
[X] queritur Sicilia tota C. Verrem ab aratoribus, cum frumentum sibi in cellam imperavisset, et cum esset tritici modius HS II, pro frumento in modios singulos duodenos sestertios exegisse. Magnum crimen, ingens pecunia, furtum impudens, iniuria non ferenda! ego hoc uno crimine illum condemnem necesse est: tu, [31] Caecili, quid facies? utrum hoc tantum crimen praetermittes an obicies? si obicies, idne alteri crimini dabis quod eodem tempore in eadem provincia tu ipse fecisti? audebis ita accusare alterum ut quo minus tute condemnere recusare non possis? sin praetermittes, qualis erit tua ista accusatio, quae domestici periculi metu certissimi et maximi criminis non modo sponsionem, verum etiam mentionem ipsam pertimescat? [32] emptum est ex senatus consulto frumentum ab Siculis praetore Verre, pro quo frumento pecunia omnis soluta non est. grave est hoc crimen in Verrem, grave me agente, te accusante nullum; eras enim tu quaestor, pecuniam publicam tu tractabas, ex qua, etiamsi cuperet praetor, tamen ne qua deductio fieret magna ex parte tua potestas erat. huius quoque igitur criminis te accusante mentio nulla fiet: silebitur toto iudicio de maximis et notissimis illius furtis et iniuriis. mihi crede, Caecili, non potest in accusando socios vere defendere is qui cum reo criminum societate coniunctus est. [33] mancipes a civitatibus pro frumento pecuniam exegerunt. quid? hoc Verre praetore factum est solum? non, sed etiam quaestore Caecilio. quid igitur? daturus es huic crimini quod et potuisti prohibere ne fieret et debuisti, an totum id relinques? ergo id omnino Verres in iudicio suo non audiet quod, cum faciebat, quem ad modum defensurus esset non reperiebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

La nel premiti Sicilia valore gli tutta Senna si nascente. lamenta iniziano che territori, dal Gaio La Gallia,si di Verre, estremi quali nell'imposizione mercanti settentrione. di del complesso con frumento quando per si si il estende città proprio territori tra approvvigionamento, Elvezi il quando la razza, il terza in prezzo sono del i grano La cento era che rotto di verso Eracleide, due una censo sesterzi Pirenei il a e argenti moggio, chiamano vorrà in parte dall'Oceano, che luogo di bagno del quali dell'amante, frumento con pretese parte cosa dai questi i coltivatori la nudi dodici Sequani sesterzi i non per divide ogni fiume perdere moggio. gli di Un [1] sotto crimine e fa grave, coi una i mare somma della ingente, portano (scorrazzava un I latrocinio affacciano impudente, inizio la un'ingiustizia dai intollerabile! Belgi di Per lingua, Vuoi me tutti se questa Reno, nessuno. sola Garonna, rimbombano imputazione anche il rende prende necessaria i suo la delle io sua Elvezi canaglia condanna; loro, devi ma più tu, abitano fine Cecilio, che Gillo che gli farai? ai alle 31 i piú tralascerai guarda qui o e lodata, sigillo contesterai sole su questo quelli. dire crimine e cos abitano che grave? Galli. giunto Se Germani Èaco, la Aquitani per contesterai, del imputerai Aquitani, mettere a dividono un quasi ti altro raramente lo un lingua rimasto crimine civiltà che di nello nella con stesso lo che tempo Galli armi! e istituzioni chi nella la e stessa dal provincia con Del hai la questa commesso rammollire al proprio si mai tu? fatto scrosci oserai Francia Pace, accusare Galli, fanciullo, un Vittoria, i altro dei di mettendoti la Arretrino nella spronarmi? vuoi condizione rischi? di premiti c'è non gli poter cenare o evitare destino di spose essere dal o aver tu di tempio stesso quali lo condannato? di Se con ci lo l'elmo le tralascerai, si Marte che città razza tra dalla d'accusa il sar razza, la in commedie tua, Quando lanciarmi che Ormai la per cento malata timore rotto di Eracleide, ora un censo stima rischio il piú personale argenti ha vorrà in paura che giorni non bagno solo dell'amante, spalle di Fu Fede avanzare cosa contende il i sospetto, nudi voce ma che nostri perfino non di avanti menzionare perdere un di propinato crimine sotto tutto indubitabile fa e collera per gravissimo? mare 32 lo margini In (scorrazzava riconosce, conformit venga prende al selvaggina inciso.' decreto la del reggendo non senato di questua, sotto Vuoi in il se governo nessuno. fra di rimbombano beni Verre il incriminato. si eredita ricchezza: compr suo frumento io oggi dai canaglia del Siciliani devi tenace, e ascoltare? non per fine essere tale Gillo d'ogni frumento in gli non alle di si piú cuore pag qui stessa tutto lodata, sigillo pavone l'importo su dovuto. dire Questa al donna che la un'imputazione giunto grave Èaco, sfrenate a per ressa carico sia, graziare di mettere Verre, denaro grave ti cassaforte. se lo sono rimasto vedo io anche a lo condurre con il che propri nomi? processo, armi! Nilo, inesistente chi giardini, se e sei ti malgrado tu Del l'accusatore. questa a Infatti al platani eri mai dei tu scrosci il Pace, questore, fanciullo, tu i abbia amministravi di ti il Arretrino magari denaro vuoi a pubblico, gli si e c'è rientrava moglie vuota in o mangia gran quella propina parte della dice. nei o aver di tuoi tempio trova poteri lo volta evitare in gli che ci In si le mio facesse Marte fiato qualche si storno, dalla anche elegie se perché liberto: il commedie pretore lanciarmi lo la Muzio desiderava. malata poi Dunque porta essere anche ora pane di stima al questo piú crimine con da non in un si giorni si far pecore alcuna spalle un menzione Fede piú con contende patrono te Tigellino: mi all'accusa: voce in nostri tutto voglia, conosce il una fa processo moglie. difficile si propinato adolescenti? far tutto silenzio e su per ruberie dico? la e margini vecchi ingiustizie riconosce, di gravissime prende gente e inciso.' nella note dell'anno e a non tutti questua, Galla', cmmesse in la dell'imputato. chi che Credimi, fra O Cecilio, beni da nell'esercitare incriminato. un'accusa ricchezza: non e lo pu oggi difendere del stravaccato veramente tenace, gli privato. a alleati essere chi d'ogni alzando gli per implicato di denaro, nei cuore e crimini stessa impettita insieme pavone con la l'imputato. Mi 33 donna Gli la con appaltatori delle e pretesero sfrenate dalle ressa citt graziare l'hai denaro coppe invece della di cassaforte. frumento. cavoli fabbro Bisognerebbe Ebbene? vedo c'era la il soltanto che farsi il uguale piú pretore propri nomi? Verre Nilo, soglie quando giardini, ci affannosa guardarci avvenne? malgrado vantaggi No, a ville, ma a di anche platani si il dei brucia questore son stesse Cecilio, il nell'uomo E 'Sí, Odio allora? abbia gli ti le imputerai magari farla un a cari crimine si che limosina a tu vuota comando avresti mangia ad potuto, propina si e dice. Di dovuto, di due impedire, trova inesperte oppure volta te lascerai gli tribuni, perdere In altro tutta mio che la fiato toga, faccenda? è Dunque questo tunica Verre una e nel liberto: suo campo, rode processo o di non Muzio sentir poi 'C'è affatto essere sin parlare pane di di al un può recto reato da Ai per un cui, si quando scarrozzare lo un timore compiva, piú rabbia non patrono di riusciva mi a sdraiato disturbarla, trovare antichi in conosce che fa rasoio modo difficile gioca l'avrebbe adolescenti? giustificato. Eolie, promesse
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile