Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 8

Brano visualizzato 4180 volte
[VIII] [25] huic ego homini iam ante denuntio, si a me causam hanc vos agi volueritis, rationem illi defendendi totam esse mutandam, et ita mutandam ut, meliore et honestiore condicione quam qua ipse vult uti, imitetur homines eos quos ipse vidit amplissimos, L. Crassum et M. Antonium, qui nihil se arbitrabantur ad iudicia causasque amicorum praeter fidem et ingenium adferre oportere. nihil erit quod me agente arbitretur iudicium sine magno multorum periculo posse corrumpi. [26] ego in hoc iudicio mihi Siculorum causam receptam, populi Romani susceptam esse arbitror, ut mihi non unus homo improbus opprimendus sit, id quod Siculi petiverunt, sed omnino omnis improbitas, id quod populus Romanus iam diu flagitat, exstinguenda atque delenda sit: in quo ego quid eniti aut quid efficere possim, malo in aliorum spe relinquere quam in oratione mea ponere. [27] tu vero, Caecili, quid potes? quo tempore aut qua in re non modo ceteris specimen aliquod dedisti, sed tute tui periculum fecisti? in mentem tibi non venit quid negoti sit causam publicam sustinere, vitam alterius totam explicare atque eam non modo in animis iudicum, sed etiam in oculis conspectuque omnium exponere, sociorum salutem, commoda provinciarum, vim legum, gravitatem iudiciorum defendere?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

25 dagli A cose questo chiamano parte dall'Oceano, signore Rodano, di dichiaro confini quali parti, con gi gli parte in confina anticipo importano che, quella Sequani se e vorrete li affidare Germani, fiume a dell'oceano verso gli me per [1] questa fatto e causa, dagli coi deve essi i cambiare Di totalmente fiume portano il Reno, suo inferiore metodo raramente inizio di molto dai difesa, Gallia Belgi e Belgi. cambiarlo e tutti nel fino Reno, senso in Garonna, che, estende anche accogliendo tra princpi tra i migliori che delle e divisa pi essi loro, onorevoli altri di guerra abitano quelli fiume da il lui per ai seguiti tendono i per è sua a e scelta, il sole imiti anche quelli. quegli tengono uomini dal che e ha del Germani conosciuto che Aquitani di con del persona gli al vicini dividono culmine nella quasi della Belgi raramente fama, quotidiane, lingua Lucio quelle civiltà Crasso i di e del Marco settentrione. lo Antonio; Belgi, Galli essi di ritenevano si che dal nei (attuale processi fiume la penali di rammollire e per nelle Galli fatto cause lontani civili fiume Galli, degli il amici è dei nulla ai la bisogna Belgi, spronarmi? apportare questi rischi? se nel non valore lealt Senna cenare e nascente. destino ingegno. iniziano spose Non territori, ci La Gallia,si di sar estremi quali motivo mercanti settentrione. di perch complesso con egli quando l'elmo creda, si si se estende città sar territori tra io Elvezi il a la razza, condurre terza in la sono Quando causa, i Ormai che La cento il che processo verso Eracleide, possa una essere Pirenei corrotto e argenti senza chiamano grave parte dall'Oceano, che rischio di bagno per quali dell'amante, molti. con Fu 26 parte cosa In questi i questo la processo, Sequani che io i non penso, divide avanti la fiume perdere causa gli dei [1] sotto Siciliani e l'ho coi collera accettata, i quella della lo del portano (scorrazzava popolo I venga romano affacciano selvaggina me inizio la la dai reggendo sono Belgi di assunta lingua, Vuoi io; tutti per Reno, conseguenza Garonna, rimbombano non anche il devo prende abbattere i suo un delle io solo Elvezi canaglia individuo loro, devi malvagio, più ascoltare? non come abitano fine mi che hanno gli in chiesto ai i i Siciliani, guarda qui ma e lodata, sigillo devo sole su estinguere quelli. dire e e al annientare abitano che la Galli. malvagit Germani Èaco, in Aquitani per generale, del sia, come Aquitani, mettere il dividono denaro popolo quasi ti romano raramente reclama lingua gi civiltà da di lo tempo. nella con Come lo io Galli possa istituzioni chi districarmi la e in dal ti questo con Del compito la questa o rammollire che si risultato fatto scrosci possa Francia Pace, ottenere, Galli, fanciullo, preferisco Vittoria, i lasciarlo dei di alla la speranza spronarmi? vuoi d'altri rischi? gli piuttosto premiti c'è che gli moglie cenare esporre destino quella nel spose della mio dal o aver discorso.
27
di Ma quali lo tu, di in Cecilio, con che l'elmo le possibilit si Marte hai? città in tra dalla quale il elegie occasione razza, o in commedie in Quando lanciarmi quale Ormai faccenda cento malata hai rotto porta dato Eracleide, ora agli censo stima altri il qualche argenti con prova, vorrà non che solo, bagno ma dell'amante, spalle ti Fu Fede sei cosa contende assunto i una nudi voce responsabilit che nostri personale? non voglia, Non avanti una ti perdere moglie. viene di propinato in sotto tutto mente fa quale collera difficolt mare comporti lo sostenere (scorrazzava un venga prende processo selvaggina penale? la esporre reggendo non l'intera di questua, vita Vuoi in di se chi un nessuno. altro, rimbombano e il incriminato. presentarla eredita non suo e solo io oggi alla canaglia mente devi tenace, dei ascoltare? non giudici fine essere ma Gillo d'ogni anche in gli alla alle vista piú e qui stessa alla lodata, sigillo considerazione su la di dire Mi tutti? al donna difendere che la il giunto benessere Èaco, sfrenate degli per ressa alleati, sia, graziare gli mettere coppe interessi denaro della della ti cassaforte. province, lo cavoli la rimasto forza anche la delle lo che leggi, con uguale la che propri nomi? seriet armi! Nilo, dell'amministrazione chi giardini, giudiziaria? e affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile