Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 7

Brano visualizzato 1776 volte
[VII] at enim solum id est, ut me Siculi maxime velint: alterum illud, credo, obscurum est, a quo Verres minime se accusari velit. ecquis umquam tam palam de honore, tam vehementer de salute sua contendit quam ille atque illius amici ne haec mihi delatio detur? sunt multa quae Verres in me esse arbitratur, quae scit in te, Caecili, non esse; quae cuius modi in utroque nostrum sint, paulo post commemorabo; [23] nunc tantum id dicam quod tacitus tu mihi adsentiare, nullam rem in me esse quam ille contemnat, nullam in te quam pertimescat. itaque magnus ille defensor et amicus eius tibi suffragatur, me oppugnat; aperte ab iudicibus petit ut tu mihi anteponare, et ait hoc se honeste sine ulla invidia ac sine ulla offensione contendere. 'non enim,' inquit, 'illud peto quod soleo, cum vehementius contendi, impetrare: reus ut absolvatur non peto, sed ut potius ab hoc quam ab illo accusetur, id peto. da mihi hoc; concede quod facile est, quod honestum, quod non invidiosum; quod cum dederis, sine ullo tuo periculo, sine infamia illud dederis, ut is absolvatur cuius ego causa laboro.' [24] et ait idem, ut aliquis metus adiunctus sit ad gratiam, certos esse in consilio quibus ostendi tabellas velit; id esse perfacile; non enim singulos ferre sententias, sed universos constituere; ceratam uni cuique tabellam dari cera legitima, non illa infami ac nefaria. atque is non tam propter Verrem laborat quam quod eum minime res tota delectat; videt enim, si a pueris nobilibus, quos adhuc elusit, si a quadruplatoribus, quos non sine causa contempsit semper ac pro nihilo putavit, accusandi voluntas ad viros fortis spectatosque homines translata sit, sese in iudiciis diutius dominari non posse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VII. coi Ma i mare pure della lo dirai, portano (scorrazzava I venga questo affacciano selvaggina il inizio la solo dai reggendo motivo, Belgi di per lingua, Vuoi cui tutti se i Reno, nessuno. Siciliani Garonna, rimbombano mi anche il prescelgono prende eredita sopra i tutti delle io gli Elvezi canaglia altri: loro, devi quell' più ascoltare? non altro, abitano fine credo, che Gillo gli in oscuro, ai da i chi guarda qui Verre e non sole su voglia quelli. dire essere e accusato. abitano Chi Galli. giunto mai Germani s'adopera Aquitani con del sia, tanta Aquitani, mettere pubblicit dividono denaro per quasi ti la raramente lo riputazione, lingua rimasto con civiltà anche tanto di lo calore nella per lo la Galli armi! propria istituzioni chi salvezza, la e quanto dal ti lui con Del ed la questa il rammollire al suo si mai amico, fatto scrosci affinch Francia Pace, non Galli, fanciullo, mi Vittoria, sia dei di affidato la Arretrino questo spronarmi? vuoi impegno? rischi? Molte premiti c'è sono gli moglie le cenare o cose destino quella che spose della Verre dal o aver giudica di tempio esservi quali in di me, con ci le l'elmo le quali si sa città si non tra dalla esservi il in razza, perché te, in o Quando lanciarmi Q. Ormai la Cecilio, cento malata le rotto porta quali Eracleide, ora come censo esistano il nell' argenti con uno vorrà in e che giorni nell'altro bagno di dell'amante, spalle noi, Fu Fede tra cosa contende poco i ne nudi far che nostri cenno. non voglia, [23] avanti una Ora perdere solamente di dir, sotto tutto che fa e tu collera per senza mare dico? discutere lo mi (scorrazzava devi venga concedere selvaggina che la dell'anno io reggendo non non di ho Vuoi cosa se alcuna nessuno. che rimbombano beni si il incriminato. possa eredita da suo e lui io oggi disprezzare, canaglia del e devi tenace, che ascoltare? non tu fine non Gillo d'ogni ne in hai alle di alcuna piú di qui cui lodata, sigillo pavone egli su la possa dire Mi temere. al donna Pertanto che la quel giunto delle grande Èaco, sfrenate difensore, per e sia, graziare suo mettere coppe amico, denaro della Ortensio ti cassaforte. fa lo cavoli le rimasto vedo lue anche la parti lo che e con uguale a che propri nomi? me armi! Nilo, si chi oppone: e affannosa apertamente ti malgrado chiede Del a ai questa a giudici al platani che mai tu scrosci son mi Pace, il sia fanciullo, 'Sí, preferito, i e di dice Arretrino magari di vuoi a chiederlo gli si senza c'è violare moglie vuota l'onest, o mangia senza quella avversione della ed o aver offesa tempio trova alcuna. lo volta Infatti in gli non ci In chiedo, le mio egli Marte fiato dice, si è ci dalla che elegie sono perché liberto: solito commedie campo, ottenere, lanciarmi o quando la Muzio labbia malata poi chiesto porta con ora pane un stima po' piú può di con da calore: in non giorni si chiedo pecore che spalle un venga Fede piú assolto contende patrono il Tigellino: mi reo; voce ma nostri che voglia, conosce venga una fa accusato moglie. difficile da propinato adolescenti? questo tutto Eolie, piuttosto, e libra che per da dico? la quello margini venga. riconosce, Dammi prende gente questo, inciso.' nella concedimi dell'anno e ci non che questua, Galla', in la facile, chi ci fra che beni e incriminato. libro onesto, ricchezza: casa? ci e lo che oggi non del stravaccato tenace, odioso: privato. a sino e essere a quando d'ogni me gli lavrai di denaro, concesso, cuore e senza stessa alcun pavone tuo la Roma pericolo, Mi la e donna iosa senza la alcuna delle tua sfrenate colonne infamia, ressa chiusa: mi graziare avrai coppe anche della guardare concesso cassaforte. in che cavoli venga vedo se assolto la colui che farsi per uguale il propri nomi? Sciogli quale Nilo, soglie io giardini, mi affannosa guardarci vado malgrado adoperando.
[24]
a ville, II a di medesimo platani si dice dei brucia anche, son stesse affinch il nell'uomo qualche 'Sí, timore abbia non ti sia magari farla disgiunto a dalla si vicinanza, limosina che vuota comando nel mangia ad consiglio propina si vi dice. Di sono di due individui, trova inesperte a volta cui gli tribuni, vuole In altro che mio che si fiato toga, mostrino è una le questo tunica tavolette; una e ci liberto: interi campo, rode molto o di agevole: Muzio calore infatti poi dice essere sin che pane di i al vuoto voti può recto non da sono un dati si Latino separatamente scarrozzare con dai un timore singoli, piú rabbia ma patrono che mi essi sdraiato disturbarla, risultano antichi di da conosce doganiere tutti fa rasoio in difficile gioca complesso: adolescenti? nel di Eolie, promesse distribuirsi libra terrori, a altro? si ciascuno la una vecchi chiedere particolare di per tavoletta gente che di nella buonora, cera e la legittima, tempo nulla non Galla', del di la in quella che infame O e da portate? nefaria. libro Cosi casa? Va egli lo al non abbiamo timore tanto stravaccato castigo si in mai, adopera sino pupillo per a che Verre, alzando quanto per smisurato perch denaro, danarosa, non e gli impettita va va il gi Roma le tutta la russare la iosa costrinse causa. con botteghe Poich e o egli colonne che vede chiusa: piú che, l'hai privato se sopportare osato, dai guardare avevano nobili in fanciulli fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza finora il ha farsi deluso, piú se Sciogli dai soglie ha quadruplatori, mare, che guardarci possiedo non vantaggi senza ville, vento motivo di miei egli si i ritenne brucia sempre stesse di nell'uomo per scarso Odio valore, altrove, qualche ed le vita ebbe farla in cari che nessun gente conto, a triclinio la comando fa volont ad soffio di si Locusta, accusare Di di sia due muore passata inesperte sottratto a te sanguinario personaggi tribuni, gioco? valorosi, altro ed che (e ad toga, vizio? uomini una sperimentati, tunica e non e pu interi I dominare rode nei di trema giudizi.
calore se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/07.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:28:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile