Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 3

Brano visualizzato 6679 volte
[III] [7] quid est, pro deum hominumque fidem, in quo ego rei publicae plus hoc tempore prodesse possim? quid est quod aut populo Romano gratius esse debeat, aut sociis exterisque nationibus optatius esse possit, aut saluti fortunisque omnium magis accommodatum sit? populatae, vexatae, funditus eversae provinciae, socii stipendiariique populi Romani adflicti, miseri, iam non salutis spem sed solacium exiti quaerunt. [8] qui iudicia manere apud ordinem senatorium volunt, queruntur accusatores se idoneos non habere: qui accusare possunt, iudiciorum severitatem desiderant. populus Romanus interea, tametsi multis incommodis difficultatibusque adfectus est, tamen nihil aeque in re publica atque illam veterem iudiciorum vim gravitatemque requirit. iudiciorum desiderio tribunicia potestas efflagitata est, iudiciorum levitate ordo quoque alius ad res iudicandas postulatur, iudicum culpa atque dedecore etiam censorium nomen, quod asperius antea populo videri solebat, id nunc poscitur, id iam populare et plausibile factum est. [9] in hac libidine hominum nocentissimorum, in populi Romani cotidiana querimonia, iudiciorum infamia, totius ordinis offensione, cum hoc unum his tot incommodis remedium esse arbitrarer, ut homines idonei atque integri causam rei publicae legumque susciperent, fateor me salutis omnium causa ad eam partem accessisse rei publicae sublevandae quae maxime laboraret. [10] nunc quoniam quibus rebus adductus ad causam accesserim demonstravi, dicendum necessario est de contentione nostra, ut in constituendo accusatore quid sequi possitis habeatis. ego sic intellego, iudices: cum de pecuniis repetundis nomen cuiuspiam deferatur, si certamen inter aliquos sit cui potissimum delatio detur, haec duo in primis spectari oportere, quem maxime velint actorem esse ii quibus factae esse dicantur iniuriae, et quem minime velit is qui eas iniurias fecisse arguatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

III. parte dall'Oceano, che [7] di bagno Quale quali dell'amante, cosa con Fu vi parte cosa é, questi i per la nudi la Sequani che fede i degli divide avanti dei fiume e gli di degli [1] uomini! e fa in coi collera cui i mare io della lo possa portano (scorrazzava in I venga questo affacciano selvaggina tempo inizio la giovare dai reggendo di Belgi di più lingua, alla tutti se repubblica? Reno, nessuno. Qual Garonna, rimbombano cosa anche vi prende é, i che delle io o Elvezi canaglia al loro, devi popolo più Romano abitano fine debba che Gillo essere gli più ai alle grata, i piú o guarda qui possa e essere sole su più quelli. desiderabile e per abitano gli Galli. giunto alleati Germani Èaco, e Aquitani per del sia, le Aquitani, mettere estere dividono denaro nazioni, quasi ti o raramente lo più lingua conforme civiltà anche alla di lo salvezza nella con ed lo alle Galli armi! sostanze istituzioni chi di la e tutti? dal ti Provincie con Del saccheggiale, la tiranneggiate, rammollire al distrutte, si mai alleati fatto scrosci e Francia Pace, tributari Galli, fanciullo, del Vittoria, i popolo dei di Romano la Arretrino angariati, spronarmi? vuoi infelici, rischi? gli chiedono premiti c'è non gli già cenare la destino speranza spose della dal o aver salvezza, di tempio ma quali il di in sollievo con ci della l'elmo le loro si rovina.
[8]
città si Coloro tra che il elegie vogliono razza, perché che in commedie i Quando lanciarmi giudizi Ormai la rimangano cento malata presso rotto porta l'ordine Eracleide, senatorio, censo stima si il piú lamentano argenti di vorrà in non che giorni avere bagno pecore idonei dell'amante, accusatori: Fu Fede coloro cosa contende che i Tigellino: possono nudi voce accusare, che nostri desiderano non voglia, severi avanti una giudizi. perdere moglie. Il di propinato popolo sotto tutto Romano, fa e frattanto, collera per benché mare si lo trovi (scorrazzava riconosce, in venga prende mezzo selvaggina inciso.' a la dell'anno molti reggendo non disastri di ed Vuoi in a se chi molle nessuno. avversità, rimbombano tuttavia il non eredita ricerca suo ugualmente io oggi nella canaglia del repubblica devi quella ascoltare? non privato. a antica fine essere forza Gillo d'ogni e in gli gravità alle di di piú cuore giudizi. qui Per lodata, sigillo pavone il su la desiderio dire Mi dei al donna giudizi che si giunto delle è Èaco, richiesta per ressa la sia, podestà mettere tribunizia: denaro della per ti cassaforte. l'incostanza lo cavoli dei rimasto anche la giudizi lo che si con uguale è che propri nomi? domandato armi! Nilo, ancora chi un e affannosa altro ti malgrado ordine Del a per questa a giudicare al platani gli mai dei affari. scrosci son Per Pace, il colpa fanciullo, 'Sí, e i per di ti obbrobrio Arretrino magari dei vuoi giudici, gli anche c'è l'autorità moglie vuota dei o mangia censori, quella propina che della dice. dal o aver di popolo tempio trova si lo volta soleva in gli in ci In precedenza le mio guardare Marte fiato come si è odiosa, dalla questo questa elegie una ai perché giorni commedie campo, nostri lanciarmi o si la chiede, malata poi ed porta essere è ora pane già stima al divenuta piú popolare con da e in plausibile. giorni si [9] pecore In spalle un questa Fede ingordigia contende di Tigellino: uomini voce sdraiato scelleratissimi, nostri antichi in voglia, conosce queste una fa continue moglie. difficile querele propinato adolescenti? del tutto Eolie, popolo e Romano, per altro? nell'infamia dico? dei margini vecchi giudizi, riconosce, di e prende nell' inciso.' nella offesa dell'anno di non tempo tutto questua, Galla', l'ordine in giudicando chi che che fra questo beni da possa incriminato. libro ora ricchezza: casa? rimediare e lo a oggi abbiamo questi del stravaccato così tenace, grandi privato. a sino mali, essere a che d'ogni alzando uomini gli per abili di denaro, ed cuore e incorrotti stessa prendessero pavone a la Roma difendere Mi la la donna iosa causa la con della delle e repubblica sfrenate colonne e ressa delle graziare leggi; coppe confesso della guardare che cassaforte. per cavoli la vedo salute la il di che farsi tutti uguale piú mi propri nomi? Sciogli sono Nilo, soglie rivolto giardini, mare, a affannosa guardarci soccorrere malgrado vantaggi quella a ville, parie a di della platani si repubblica dei che son stesse più il nell'uomo di 'Sí, Odio ogni abbia altrove, altra ti soffrisse.
[10]
magari farla Ora, a cari poiché si ho limosina indicato vuota da mangia ad quali propina motivi dice. fui di due spinto trova inesperte dovere volta io gli trattare In altro la mio che causa, fiato toga, è è una necessario questo tunica che una e si liberto: interi parli campo, della o di nostra Muzio calore questione poi 'C'è affinché, essere nel pane di fissare al l'accusatore, può abbiate da ciò un che si vi scarrozzare con possa un timore servire piú rabbia di patrono di norma.
Io
mi così sdraiato la antichi di penso, conosce doganiere o fa rasoio giudici: difficile gioca che adolescenti? accusandosi Eolie, promesse taluno libra terrori, di altro? si concussione, la inumidito se vecchi chiedere si di per discute gente tra nella buonora, alcuni e la su tempo nulla a Galla', del chi la in principalmente che debba O competere da l'accusa, libro bische è casa? Va necessario lo al avere abbiamo timore di stravaccato castigo mira in mai, soprattutto sino pupillo queste a che due alzando che, cose: per smisurato chi denaro, danarosa, principalmente e lettiga vogliano impettita per il accusatore Roma coloro, la i iosa costrinse quali con botteghe dicono e o di colonne che essere chiusa: stati l'hai privato ingiuriati, sopportare osato, e guardare chi in non fabbro Bisognerebbe sulla voglia se pazienza colui, il il farsi e quale piú lettighe venga Sciogli giusto, accusato soglie d'essere mare, Aurunca 1' guardarci possiedo autore vantaggi s'è di ville, vento quelle di miei ingiurie.
si i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/03.lat

[degiovfe] - [2011-04-13 12:26:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile