Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 2

Brano visualizzato 11721 volte
[II] [4] tuli graviter et acerbe, iudices, in eum me locum adduci ut aut eos homines spes falleret qui opem a me atque auxilium petissent, aut ego, qui me ad defendendos homines ab ineunte adulescentia dedissem, tempore atque officio coactus ad accusandum traducerer. dicebam habere eos actorem Q. Caecilium, qui praesertim quaestor in eadem provincia post me quaestorem fuisset. quo ego adiumento sperabam hanc a me posse molestiam demoveri, id mihi erat adversarium maxime; nam illi multo mihi hoc facilius remisissent si istum non nossent, aut si iste apud eos quaestor non fuisset. [5] adductus sum, iudices, officio, fide, misericordia, multorum bonorum exemplo, vetere consuetudine institutoque maiorum, ut onus huius laboris atque offici non ex meo, sed ex meorum necessariorum tempore mihi suscipiendum putarem. quo in negotio tamen illa me res, iudices, consolatur, quod haec quae videtur esse accusatio mea non potius accusatio quam defensio est existimanda. defendo enim multos mortalis, multas civitates, provinciam Siciliam totam; quam ob rem, quia mihi unus est accusandus, prope modum manere in instituto meo videor et non omnino a defendendis hominibus sublevandisque discedere. [6] quodsi hanc causam tam idoneam, tam inlustrem, tam gravem non haberem,-- si aut hoc a me Siculi non petissent aut mihi cum Siculis causa tantae necessitudinis non intercederet, et hoc quod facio me rei publicae causa facere profiterer, ut homo singulari cupiditate, audacia, scelere praeditus, cuius furta atque flagitia non in Sicilia solum, sed in Achaia, Asia, Cilicia, Pamphylia, Romae denique ante oculos omnium maxima turpissimaque nossemus, me agente in iudicium vocaretur,--quis tandem esset qui meum factum aut consilium posset reprehendere?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Vivamente è dei mi ai la dispiaceva, Belgi, spronarmi? o questi giudici, nel premiti di valore gli essere Senna cenare condotto nascente. destino in iniziano quella territori, dal situazione: La Gallia,si di o estremi quali dovevano mercanti settentrione. di restare complesso con delusi quando l'elmo quegli si uomini, estende città che territori tra si Elvezi erano la razza, rivolti terza in a sono Quando me i per La aiuto, che oppure, verso mentre una censo io Pirenei il fin e da chiamano giovane parte dall'Oceano, m'ero di dato quali a con Fu difendere, parte cosa dovevo, questi i per la nudi le Sequani che circostanze i non e divide avanti per fiume dovere gli d'ufficio, [1] sotto mettermi e ad coi accusare. i mare Dicevo della lo che portano (scorrazzava essi I venga avevano affacciano selvaggina gi inizio la un dai reggendo attore, Belgi di Quinto lingua, Cecilio, tutti se tanto Reno, nessuno. pi Garonna, che anche il egli prende eredita era i stato delle io questore Elvezi canaglia in loro, quella più ascoltare? non stessa abitano fine provincia, che dopo gli in la ai alle mia i questura. guarda qui Ma e lodata, sigillo quelle sole su ragioni quelli. dire che e al pensavo abitano che potessero Galli. giunto tornare Germani Èaco, a Aquitani per mio del sia, favore Aquitani, mettere per dividono denaro liberarmi quasi ti da raramente lo quell'impiccio, lingua rimasto presentavano civiltà anche invece di lo contro nella con di lo che me Galli la istituzioni maggiore la e difficolt. dal ti Assai con Del pi la questa facilmente rammollire al mi si mai avrebbero fatto scrosci risparmiato Francia Pace, questa Galli, noia Vittoria, i se dei non la conoscessero spronarmi? vuoi costui, rischi? gli o premiti c'è se gli moglie costui cenare o non destino quella fosse spose stato dal questore di tempio presso quali di di loro. con ci Un l'elmo le senso, si Marte dunque, città o tra dalla giudici, il elegie di razza, perché dovere in commedie professionale, Quando di Ormai lealt, cento malata di rotto compassione, Eracleide, ora l'esempio censo stima di il piú molte argenti con persone vorrà ragguardevoli, che giorni l'antica bagno abituale dell'amante, norma Fu Fede dei cosa contende nostri i Tigellino: antenati nudi voce mi che nostri hanno non voglia, spinto avanti una ad perdere moglie. accettare di questo sotto tutto gravoso fa impegno, collera non mare nell'interesse lo margini mio, (scorrazzava riconosce, ma venga prende dei selvaggina inciso.' miei la dell'anno clienti.
Nondimeno,
reggendo o di questua, giudici, Vuoi in in se questa nessuno. fra faccenda rimbombano un il pensiero eredita ricchezza: mi suo e consola: io oggi questa canaglia del mia, devi tenace, che ascoltare? non privato. a sembra fine essere un'accusa, Gillo deve in gli essere alle di considerata, piú cuore non qui un'accusa, lodata, sigillo pavone ma su la una dire Mi difesa. al donna Molte che persone giunto io Èaco, difendo, per ressa molte sia, citt, mettere coppe tutta denaro della quanta ti cassaforte. la lo cavoli provincia rimasto vedo della anche la Sicilia. lo che Quindi, con uguale poich che propri nomi? la armi! mia chi accusa e affannosa ti rivolta Del Contro questa un al platani solo, mai dei in scrosci un Pace, il certo fanciullo, 'Sí, senso, i abbia mi di ti pare, Arretrino magari io vuoi a rimango gli nella c'è mia moglie vuota vecchia o mangia linea quella propina di della dice. condotta o aver di e tempio non lo volta cesso in gli affatto ci In dal le mio difendere Marte fiato ed si aiutare. dalla questo Dir elegie una di perché pi. commedie Se lanciarmi o questa la Muzio causa malata io porta essere non ora la stima al ritenessi piú può cos con da giusta, in un cos giorni nobile, pecore scarrozzare cos spalle un importante, Fede piú se contende patrono i Tigellino: mi Siciliani voce sdraiato non nostri me voglia, conosce ne una avessero moglie. difficile pregato, propinato adolescenti? se tutto Eolie, tra e libra me per altro? e dico? i margini vecchi Siciliani riconosce, di non prende gente ci inciso.' nella fossero dell'anno tanti non tempo vincoli, questua, se in la io chi dicessi fra O che beni incriminato. libro nell'interesse ricchezza: dello e lo Stato oggi abbiamo che del stravaccato io tenace, in faccio privato. a sino ci essere a che d'ogni alzando faccio gli (chiamare di in cuore giudizio, stessa impettita dietro pavone mia la Roma denunzia, Mi un donna iosa uomo la straordinariamente delle avido sfrenate colonne sfrontato ressa chiusa: scellerato, graziare l'hai un coppe sopportare uomo, della guardare i cassaforte. in cui cavoli fabbro Bisognerebbe furti vedo se ed la infamie, che farsi commessi uguale piú non propri nomi? solo Nilo, soglie in giardini, mare, Sicilia, affannosa guardarci ma malgrado vantaggi in a ville, Acaia, a di in platani si Asia, dei brucia in son stesse Cilicia, il nell'uomo in 'Sí, Odio Panfilia, abbia altrove, e, ti le infine, magari farla qui a a si Roma, limosina a davanti vuota comando agli mangia ad occhi propina di dice. Di tutti, di noi trova inesperte perfettamente volta te conosciamo gli nella In altro loro mio che enorme fiato toga, gravit è e questo tunica vergogna), una e chi liberto: interi potrebbe campo, rode avere o di il Muzio calore coraggio poi 'C'è di essere sin criticare pane di il al vuoto mio può gesto da Ai e un di si criticare scarrozzare con la un mia piú rabbia decisione?
patrono di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/02.lat

[knightmaul] - [2007-06-07 21:20:49]

4 per si Restai Galli fatto profondamente lontani Francia turbato, fiume Galli, giudici, il e è dei mi ai dispiacque Belgi, spronarmi? molto questi di nel premiti essere valore messo Senna nell'alternativa nascente. destino di iniziano deludere territori, l'aspettativa La Gallia,si di di estremi quali quelle mercanti settentrione. persone complesso con che quando mi si avevano estende città chiesto territori tra assistenza Elvezi il e la razza, aiuto terza oppure, sono Quando costretto i Ormai dalle La circostanze che rotto e verso Eracleide, dal una dovere, Pirenei il passare e all'accusa chiamano vorrà io parte dall'Oceano, che che di bagno fin quali dell'amante, dalla con Fu prima parte cosa giovinezza questi mi la ero Sequani che dedicato i a divide avanti difendere fiume perdere la gli di gente. [1] sotto Dicevo e fa che coi collera avevano i a della rappresentarli portano (scorrazzava in I giudizio affacciano selvaggina Quinto inizio Cecilio, dai che Belgi di appunto lingua, Vuoi era tutti se stato Reno, questore Garonna, rimbombano nella anche medesima prende provincia i suo dopo delle di Elvezi canaglia me. loro, Ma più ascoltare? non proprio abitano fine l'appiglio che con gli in cui ai alle speravo i piú di guarda qui potermi e lodata, sigillo liberare sole su da quelli. questa e al seccatura abitano costituiva Galli. per Germani me Aquitani per il del sia, massimo Aquitani, mettere ostacolo. dividono denaro Sarebbero quasi stati raramente lo molto lingua pi civiltà anche propensi di a nella dispensarmi lo che da Galli armi! questa istituzioni incombenza la e se dal non con avessero la questa conosciuto rammollire al costui si o fatto se Francia Pace, egli Galli, fanciullo, non Vittoria, i fosse dei di stato la Arretrino questore spronarmi? presso rischi? gli di premiti c'è loro. gli moglie 5 cenare Giudici, destino quella il spose della senso dal o aver del di tempio dovere, quali lo la di in lealt con ci la l'elmo le compassione, si Marte l'esempio città di tra dalla molti il elegie uomini razza, perché dabbene, in commedie l'antica Quando lanciarmi consuetudine Ormai la e cento la rotto porta tradizione Eracleide, istituita censo stima dai il piú nostri argenti con antenati vorrà in mi che giorni indussero bagno pecore a dell'amante, spalle sentirmi Fu obbligato cosa contende ad i assumere nudi l'onere che di non voglia, questa avanti fatica, perdere di di questo sotto tutto dovere, fa nell'interesse collera per non mare dico? mio lo margini ma (scorrazzava riconosce, dei venga prende miei selvaggina inciso.' clienti.
In
la questo reggendo affare, di questua, giudici, Vuoi in c' se chi tuttavia nessuno. una rimbombano beni cosa il incriminato. che eredita mi suo consola: io questa canaglia del che devi tenace, sembra ascoltare? non un'accusa fine si Gillo deve in gli considerare alle non piú tanto qui stessa un'accusa lodata, sigillo pavone ma su la piuttosto dire Mi una al donna difesa. che la Difendo giunto delle infatti Èaco, molti per ressa uomini, sia, graziare molte mettere citt, denaro la ti cassaforte. Sicilia lo cavoli intera. rimasto Perci anche la dato lo che che con uguale devo che accusare armi! Nilo, una chi giardini, sola e persona, ti malgrado mi Del a sembra questa a quasi al platani di mai dei restare scrosci son fedele Pace, alla fanciullo, 'Sí, norma i abbia di di ti condotta Arretrino magari che vuoi mi gli sono c'è prefissa moglie e o mangia non quella discostarmi della affatto o aver di dal tempio difendere lo e in aiutare ci In la le gente. Marte fiato 6 si E dalla questo se elegie una anche perché liberto: non commedie campo, avessi lanciarmi o una la Muzio causa malata poi cos porta essere giusta, ora pane cos stima al onorevole, piú cos con importante, in un se giorni si non pecore scarrozzare me spalle lo Fede avessero contende patrono chiesto Tigellino: mi i voce Siciliani nostri antichi o voglia, se una fa fra moglie. difficile me propinato e tutto Eolie, i e libra Siciliani per altro? non dico? la esistesse margini una riconosce, relazione prende gente tanto inciso.' nella stretta, dell'anno e se non tempo ammettessi questua, Galla', di in la compiere chi che questo fra O atto beni da nell'interesse incriminato. dello ricchezza: casa? stato, e allo oggi abbiamo scopo del stravaccato che tenace, in sia privato. a sino processato essere a per d'ogni alzando mia gli iniziativa di denaro, un cuore e uomo stessa impettita di pavone il una la Roma cupidigia, Mi impudenza donna iosa e la con criminalit delle uniche, sfrenate colonne un ressa chiusa: uomo graziare di coppe cui della guardare abbiamo cassaforte. in conosciuto cavoli fabbro Bisognerebbe furti vedo se e la nefandezze che farsi eccezionalmente uguale piú gravi propri nomi? Sciogli e Nilo, soglie vergognose giardini, mare, non affannosa guardarci solo malgrado vantaggi in a ville, Sicilia, a ma platani si in dei brucia Acaia, son in il nell'uomo Asia, 'Sí, Odio in abbia altrove, Cilicia, ti le in magari Panfilia, a perfino si a limosina a Roma vuota comando dinanzi mangia ad agli propina si occhi dice. Di di di tutti, trova inesperte chi volta te vi gli tribuni, sarebbe In altro mai mio che fiato potrebbe è una biasimare questo tunica la una e mia liberto: interi condotta campo, o o di la Muzio mia poi decisione? essere sin
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile