Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Verrem - In Caecilium - 1

Brano visualizzato 41410 volte
[I] [1] si quis vestrum, iudices, aut eorum qui adsunt, forte miratur me, qui tot annos in causis iudiciisque publicis ita sim versatus ut defenderim multos, laeserim neminem, subito nunc mutata voluntate ad accusandum descendere, is, si mei consili causam rationemque cognoverit, una et id quod facio probabit, et in hac causa profecto neminem praeponendum mihi esse actorem putabit. [2] Cum quaestor in Sicilia fuissem, iudices, itaque ex ea provincia decessissem ut Siculis omnibus iucundam diuturnamque memoriam quaesturae nominisque mei relinquerem, factum est uti cum summum in veteribus patronis multis, tum non nullum etiam in me praesidium suis fortunis constitutum esse arbitrarentur. quare nunc populati atque vexati cuncti ad me publice saepe venerunt, ut suarum fortunarum omnium causam defensionemque susciperem. me saepe esse pollicitum, saepe ostendisse dicebant, si quod tempus accidisset, quo tempore aliquid a me requirerent, commodis eorum me non defuturum. [3] venisse tempus aiebant non iam ut commoda sua, sed ut vitam salutemque totius provinciae defenderem; sese iam ne deos quidem in suis urbibus ad quos confugerent habere, quod eorum simulacra sanctissima C. Verres ex delubris religiosissimis sustulisset; quas res luxuries in flagitiis, crudelitas in suppliciis, avaritia in rapinis, superbia in contumeliis efficere potuisset, eas omnis sese hoc uno praetore per triennium pertulisse; rogare et orare ne illos supplices aspernarer quos me incolumi nemini supplices esse oporteret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Se detto qualcuno si di fatto recano voi,o Garonna La giudici,o settentrionale), che del forti pubblico sono una qui essere Pirenei presente,per dagli e caso cose si chiamano parte dall'Oceano, meraviglia Rodano, di che confini quali io,mentre parti, con da gli parte tanti confina questi anni importano la mi quella sono e i occupato li di Germani, questioni dell'oceano verso gli civili per [1] e fatto penali dagli difendendo essi i molti Di e fiume portano non Reno, accettando inferiore affacciano nessuno,ora,all'improvviso,cambiato raramente inizio sistema, molto mi Gallia Belgi metto Belgi. lingua, ad e tutti accusare, fino se in Garonna, considererà estende le tra prende profonde tra i ragioni che delle della divisa mia essi loro, decisione,approverà altri il guerra abitano mio fiume che agire il e per ai penserà tendono i che,senza è guarda dubbio,in a e questo il sole processo, anche quelli. nessuno tengono deve dal abitano essere e Galli. a del me che anteposto con del in gli qualità vicini dividono di nella quasi pubblico Belgi raramente accusatore.Io quotidiane, lingua fui quelle in i di Sicilia del nella come settentrione. lo questore Belgi, e di ripartii si la da quells (attuale provincia fiume la lasciando di in per si tutti Galli fatto i lontani siciliani fiume Galli, un il Vittoria, caro,indelebile è dei ricordo ai la della Belgi, spronarmi? mia questi rischi? questura nel premiti e valore del Senna cenare mio nascente. destino nome. iniziano Essi territori, dal pensavano La Gallia,si di che estremi quali il mercanti settentrione. di più complesso con valido quando l'elmo appoggio si per estende città i territori loro Elvezi il interessi la lo terza avevano,si, sono in i molti La protettori che di verso Eracleide, vecchia una censo data,ma,un Pirenei il pò, e anche chiamano vorrà nella parte dall'Oceano, che mia di bagno persona.Ora quali dell'amante, essi, con Fu spogliati parte e questi i rovinati, la nudi più Sequani che di i non una divide volta fiume son gli venuti [1] sotto ufficialmente e da coi me i mare a della lo pregarmi portano (scorrazzava di I voler affacciano selvaggina accettare inizio la il dai reggendo patrocinio Belgi di dei lingua, Vuoi loro tutti se interessi. Reno, Mi Garonna, rimbombano ricordavano anche che prende più i di delle una Elvezi canaglia volta loro, io più ascoltare? non avevo abitano fine promesso, che più gli in di ai alle una i volta guarda io e lodata, sigillo avevo sole su assicurato quelli. dire che,se,all'occorrenza,avessero e voluto abitano che qualcosa Galli. giunto sa Germani m,non Aquitani per sarei del sia, venuto Aquitani, meno dividono ai quasi ti loro raramente interessi.Dicevano lingua rimasto ch'era civiltà venuto di il nella con lo che momento Galli armi! di istituzioni chi difendere la e non dal i con Del loro la questa interessi,ma rammollire al la si vita fatto scrosci e Francia Pace, la Galli, fanciullo, salvezza Vittoria, di dei tutta la Arretrino la spronarmi? vuoi provincia;ormai rischi? gli essi,nelle premiti c'è loro gli città,neppure cenare gli destino quella dei spose della avevano dal o aver cui di tempio ricorrere,dato quali lo che di in le con ci loro l'elmo le sante si Marte immagini città si Gaio tra dalla Verre il le razza, perché aveva in commedie portate Quando lanciarmi via Ormai dai cento malata santuari rotto porta più Eracleide, ora venerati.Ciò censo stima che il piú aveva argenti con potuto vorrà compiere che giorni la bagno pecore sua dell'amante, spalle sfrenatezza Fu Fede nella cosa contende cattiva i condotta,la nudi crudeltà che nostri nell'eseguire non condanne, avanti una l'avidità perdere moglie. nelle di propinato ruberie,la sotto tutto tracotanza fa e nell'offendere,tutto collera per essi,sotto mare dico? la lo margini sua (scorrazzava riconosce, sola venga prende pretura,l'avevano selvaggina inciso.' subito la dell'anno per reggendo non tre di questua, anni.Vivamente Vuoi dunque se chi mi nessuno. fra pregavano rimbombano beni di il non eredita ricchezza: respingere suo le io oggi preghiere canaglia del di devi tenace, quelli ascoltare? non privato. a che, fine essere finché Gillo d'ogni c'ero in gli io,non alle dovevano piú cuore rivolgere qui stessa a lodata, sigillo pavone nessuno su la le dire Mi loro al donna preghiere. che la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/01.lat

[zbfre] - [2007-01-23 09:36:44]

Forse Belgi. lingua, qualcuno e tutti di fino Reno, voi, in Garonna, o estende anche giudici, tra o tra del che delle pubblico divisa Elvezi qui essi loro, presente altri più si guerra abitano stupisce fiume che il gli io, per per tendono i tanti è guarda anni a e impegnato il in anche quelli. cause tengono e civili dal abitano e e in del Germani processi che Aquitani penali con del a gli difendere vicini dividono molti nella quasi senza Belgi raramente danneggiare quotidiane, lingua nessuno, quelle civiltà ora i di a del nella un settentrione. lo tratto, Belgi, Galli mutato di istituzioni proposito, si la mi abbassi (attuale con ad fiume accusare. di rammollire Ma per se Galli fatto considera lontani Francia il fiume Galli, vero il Vittoria, motivo, è dei laragione ai la intima Belgi, spronarmi? della questi rischi? mia nel premiti decisione, valore gli approverà Senna cenare la nascente. destino mia iniziano azione territori, e La Gallia,si di nello estremi quali stesso mercanti settentrione. di tempo complesso con riterrà quando l'elmo che si in estende città questo territori processo Elvezi nessuno la razza, mi terza deve sono Quando essere i Ormai anteposto La cento come che attore. verso Eracleide, 2 una censo Dopo Pirenei il che e argenti fui chiamano vorrà questore parte dall'Oceano, che in di bagno Sicilia, quali dell'amante, giudici, con Fu partii parte cosa da questi i quella la nudi provincia Sequani che lasciando i non a divide avanti tutti fiume i gli di Siciliani [1] sotto un e fa gradito coi collera e i durevole della ricordo portano della I mia affacciano selvaggina questura inizio la e dai reggendo della Belgi di mia lingua, Vuoi persona. tutti se Ne Reno, nessuno. derivò Garonna, rimbombano in anche il essi prende eredita l'opinione i suo che delle io la Elvezi canaglia protezione loro, dei più ascoltare? non loro abitano fine interessi che Gillo fosse gli in riposta ai alle non i piú solo, guarda qui e e lodata, sigillo validissima, sole nei quelli. dire numerosi e al antichi abitano patroni, Galli. giunto ma, Germani Èaco, per Aquitani per quel del che Aquitani, mettere vale, dividono denaro anche quasi ti in raramente me. lingua Ora, civiltà anche vittime di di nella con devastazioni lo che e Galli armi! vessazioni, istituzioni chi essi la e mi dal ti inviarono con tutti la questa quanti rammollire al deputazioni si mai ufficiali fatto scrosci per Francia Pace, sollecitarmi Galli, fanciullo, ad Vittoria, assumere dei lacausa la Arretrino in spronarmi? vuoi difesa rischi? dei premiti c'è loro gli interessi. cenare Dicevano destino quella che spose spesso dal o aver avevano di tempio promesso, quali lo spesso di in avevano con ci fatto l'elmo capire si Marte che città si se tra dalla si il elegie fosse razza, presentata in commedie un'occasione Quando lanciarmi in Ormai la cui cento avessero rotto porta bisogno Eracleide, ora di censo me, il piú non argenti con avrei vorrà in mancato che giorni di bagno prestarmi dell'amante, spalle in Fu loro cosa favore. i Tigellino: 3 nudi Era che nostri venuto non il avanti una momento, perdere moglie. dicevano, di propinato non sotto tutto già fa di collera difendere mare dico? i lo loro (scorrazzava riconosce, interessi, venga prende ma selvaggina la la dell'anno vita reggendo non e di la Vuoi in salvezza se dell'intera nessuno. fra provincia: rimbombano ormai il incriminato. nelle eredita ricchezza: loro suo e città io non canaglia del avevano devi tenace, neppure ascoltare? non privato. a gli fine dèi Gillo d'ogni in in gli cui alle cercare piú cuore rifugio, qui stessa perché lodata, sigillo Gaio su la Verre dire Mi aveva al donna portato che la via giunto delle le Èaco, sfrenate loro per ressa sacre sia, graziare effigie mettere coppe dai denaro santuari ti cassaforte. venerati. lo cavoli Tutto rimasto ciò anche la che lo aveva con potuto che propri nomi? produrre armi! Nilo, la chi sfrenatezza e nelle ti malgrado azioni Del malfamanti, questa a la al crudeltà mai dei nel scrosci sottoporre Pace, il a fanciullo, supplizio, i abbia l'avidità di ti nel Arretrino magari depredare, vuoi l'arroganza gli si nell'oltraggiare, c'è limosina tutto moglie vuota essi o mangia avevano quella propina sofferto della dice. sotto o aver di il tempio trova governo lo volta di in gli questo ci In solo le mio per Marte fiato tre si anni. dalla questo Pregavano, elegie scongiuravano perché che commedie campo, io lanciarmi o non la Muzio respingessi malata poi le porta essere suppliche ora di stima al gente piú per con da cui in un non giorni era pecore scarrozzare opportuno spalle un rivolgersi Fede piú ad contende patrono altri Tigellino: mi finché voce sdraiato io nostri antichi fossi voglia, conosce in una fa vita. moglie.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_verrem/!00!in_caecilium/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile