Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Vatinium - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Vatinium - 16

Brano visualizzato 2761 volte
[XVI] [38] ac si haec omnia contemnis ac despicis, quod ita tibi persuaseris, ut palam dictitas, te dis hominibusque invitis amore in te incredibili quodam C. Caesaris omnia quae velis consecuturum, ecquid audieris, ecquisnam tibi dixerit C. Caesarem nuper Aquileiae, cum de quibusdam esset mentio facta, dixisse C. Alfium praeteritum permoleste tulisse, quod in homine summam fidem probitatemque cognosset, graviterque etiam se ferre praetorem aliquem esse factum qui a suis rationibus dissensisset; tum quaesisse quendam, de Vatinio quem ad modum ferret; illum respondisse Vatinium in tribunatu gratis nihil fecisse; qui omnia in pecunia posuisset honore animo aequo carere debere. [39] quod si ipse, qui te suae dignitatis augendae causa, periculo tuo, nullo suo delicto, ferri praecipitem est facile passus, tamen te omni honore indignissimum iudicat, si te vicini, si adfines, si tribules ita oderunt ut repulsam tuam triumphum suum duxerint, si nemo aspicit quin ingemescat, nemo mentionem facit quin exsecretur, si vitant, fugiunt, audire de te nolunt, cum viderunt, tamquam auspicium malum detestantur, si cognati respuunt, tribules exsecrantur, vicini metuunt, adfines erubescunt, strumae denique ab ore improbo demigrarunt et aliis iam se locis conlocarunt, si es odium publicum populi, senatus, universorum hominum rusticanorum,quid est quam ob rem praeturam potius exoptes quam mortem, praesertim cum popularem te velis esse neque ulla re populo gratius facere possis? [40] sed ut aliquando audiamus quam copiose mihi ad rogata respondeas, concludam iam interrogationem meam teque in extremo pauca de ipsa causa rogabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XVI i suo 38 delle io Certo, Elvezi canaglia non loro, te più ne abitano fine importa che Gillo niente, gli in ti ai alle reputi i piú nettamente guarda qui superiore e lodata, sigillo perché sole ormai quelli. dire sei e al più abitano che che Galli. giunto convinto Germani Èaco, - Aquitani per e del sia, non Aquitani, mettere ne dividono denaro fai quasi ti mistero raramente lo con lingua la civiltà gente di lo - nella di lo che poter Galli armi! esaudire istituzioni chi ogni la e tuo dal ti desiderio, con a la dispetto rammollire al degli si mai dèi fatto e Francia Pace, degli Galli, fanciullo, uomini, Vittoria, i grazie dei allo la Arretrino straordinario spronarmi? vuoi attaccamento rischi? che premiti c'è Caio gli moglie Cesare cenare o dimostra destino quella nei spose della tuoi dal o aver confronti; di tempio ma quali lo ti di in è con ci giunta l'elmo voce? si Marte Qualcuno città ti tra dalla ha il detto razza, perché che in commedie non Quando lanciarmi molto Ormai la tempo cento fa rotto porta ad Eracleide, ora Aquileia, censo mentre il si argenti con parlava vorrà in di che giorni non bagno pecore so dell'amante, spalle chi, Fu Fede Cesare cosa contende ha i dato nudi voce sfogo che nostri al non suo avanti dispiacere perdere moglie. per di propinato la sotto tutto triste fa sorte collera per di mare dico? Caio lo Alfio, (scorrazzava riconosce, di venga cui selvaggina ben la conosceva reggendo l'estrema di questua, lealtà Vuoi in e se chi l'animo nessuno. fra onesto? rimbombano Ti il incriminato. hanno eredita ricchezza: riferito suo e che io gli canaglia del ha devi dato ascoltare? non molto fine essere fastidio Gillo d'ogni l'elezione in gli a alle di pretore piú cuore di qui stessa uno lodata, sigillo pavone che su aveva dire Mi contrastato al le che la sue giunto delle decisioni? Èaco, sfrenate Uno per ressa tra sia, i mettere coppe presenti, denaro della allora, ti cassaforte. gli lo cavoli avrebbe rimasto vedo chiesto anche la quale lo sarebbe con stata che propri nomi? la armi! Nilo, sua chi reazione e se ti malgrado una Del a sorte questa del al platani genere mai dei fosse scrosci son toccata Pace, il a fanciullo, 'Sí, Vatinio; i e di Cesare Arretrino magari avrebbe vuoi a risposto gli si che c'è limosina nel moglie vuota corso o mangia del quella propina suo della dice. tribunato o aver Vatinio tempio trova non lo aveva in gli fatto ci In nulla le gratuitamente Marte fiato ed si era dalla questo dunque elegie logico perché che commedie campo, si lanciarmi o dovesse la Muzio rassegnare malata a porta essere rimanere ora privo stima di piú cariche, con da lui in che giorni si aveva pecore sempre spalle un dato Fede la contende patrono priorità Tigellino: mi al voce sdraiato denaro. nostri antichi 39 voglia, conosce Se, una fa quindi, moglie. difficile persino propinato chi, tutto Eolie, per e accrescere per altro? il dico? la suo margini vecchi prestigio, riconosce, ti prende aveva inciso.' nella lasciato dell'anno e tranquillamente non correre questua, Galla', a in la briglie chi che sciolte fra (a beni da tuo incriminato. libro rischio ricchezza: casa? e e lo pericolo, oggi però, del e tenace, in senza privato. a infrangere essere a mai d'ogni alzando la gli legge), di denaro, oggi cuore ti stessa impettita giudica pavone assolutamente la Roma indegno Mi la di donna iosa ogni la onore; delle e se sfrenate colonne i ressa chiusa: vicini, graziare i coppe sopportare parenti, della guardare i cassaforte. in compagni cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se tribù la il ti che farsi odiano uguale piú al propri nomi? Sciogli punto Nilo, da giardini, considerare affannosa come malgrado vantaggi un a ville, trionfo a personale platani ogni dei tuo son stesse insuccesso il nell'uomo in 'Sí, politica; abbia altrove, se ti le nessuno magari farla ti a cari guarda si gente senza limosina a gemere, vuota comando ti mangia menziona propina si senza dice. Di maledirti; di due se trova inesperte ti volta te evitano, gli tribuni, ti In sfuggono, mio che non fiato vogliono è nemmeno questo sentir una e parlare liberto: interi di campo, rode te o e, Muzio calore quando poi 'C'è ti essere vedono, pane di ti al vuoto respingono può recto come da Ai fossi un di un si uccello scarrozzare del un malaugurio; piú rabbia se patrono i mi il congiunti sdraiato disturbarla, ti antichi di rifiutano, conosce quelli fa rasoio della difficile tua adolescenti? nel tribù Eolie, promesse ti libra terrori, detestano, altro? i la vicini vecchi ti di per temono, gente che i nella buonora, consanguinei e la arrossiscono tempo per Galla', la la in vergogna, che persino O le da portate? scrofole libro bische hanno casa? Va lasciato lo al quel abbiamo tuo stravaccato castigo sporco in muso sino e a che sono alzando che, già per rifiorite denaro, in e lettiga altre impettita va parti il del Roma corpo; la russare se, iosa insomma, con botteghe risulti e pubblicamente colonne che antipatico chiusa: piú al l'hai privato popolo sopportare osato, romano, guardare al in applaudiranno. senato fabbro Bisognerebbe sulla e se pazienza a il tutti farsi e gli piú lettighe abitanti Sciogli giusto, della soglie ha campagna, mare, Aurunca qual guardarci è vantaggi s'è il ville, motivo di che si i ti brucia tra fa stesse collo preferire nell'uomo per la Odio Mecenate pretura altrove, alla le vita morte? farla il cari che Soprattutto gente se a triclinio si comando fa considera ad che si Locusta, tu Di di ci due muore tieni inesperte sottratto tanto te sanguinario ad tribuni, gioco? essere altro la popolare! che (e Non toga, vizio? potresti una i davvero tunica e fare e cosa interi I più rode genio? gradita di trema al calore popolo! 'C'è non sin 40 di Ma vuoto chi vorrei recto rende, finalmente Ai il sentire di sbrigami, con Latino Ma quanta con E facondia timore stelle. hai rabbia fanno da di di rispondere il alle alle disturbarla, ad mie di domande; doganiere tranquillo? perciò rasoio con concluderò gioca blandisce, il nel clemenza, mio promesse Se interrogatorio terrori, chi ponendoti si poche inumidito ultime chiedere questioni per mescolato sempre che quando relative buonora, è alla la e causa. nulla può
del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_vatinium/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile