Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Vatinium - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Vatinium - 11

Brano visualizzato 1313 volte
[XI] sed qui fuit tuus ille tantus furor ut, cum iam Vettius ad arbitrium tuum perorasset et civitatis lumina notasset descendissetque de rostris, eum repente revocares, conloquerere populo Romano vidente, deinde interrogares ecquosnam alios posset nominare? inculcarisne ut C. Pisonem, generum meum, nominaret, qui in summa copia optimorum adulescentium pari continentia, virtute, pietate reliquit neminem, itemque M. Laterensem, hominem dies atque noctes de laude et de re publica cogitantem? promulgarisne, impurissime hostis, quaestionem de tot amplissimis et talibus viris, indicium Vettio, praemia amplissima? quibus rebus omnium mortalium non voluntate sed convicio repudiatis, fregerisne in carcere cervices ipsi illi Vettio, ne quod indicium corrupti indici exstaret eiusque sceleris in te ipsum quaestio flagitaretur? [27] et quoniam crebro usurpas legem te de alternis consiliis reiciendis tulisse, ut omnes intellegant te ne recte quidem facere sine scelere potuisse, quaero, cum lex esset aequa promulgata initio magistratus, multas iam alias tulisses, exspectarisne dum C. Antonius reus fieret apud Cn. Lentulum Clodianum, et, postea quam ille est reus factus, statim tuleris in eum 'qui tuam post legem reus factus esset,' ut homo consularis exclusus miser puncto temporis spoliaretur beneficio et aequitate legis tuae? [28] dices familiaritatem tibi fuisse cum Q. Maximo. praeclara defensio facinoris tui! nam maximi quidem summa laus est sumptis inimicitiis, suscepta causa, quaesitore consilioque delecto, commodiorem inimico suo condicionem reiectionis dare noluisse. nihil maximus fecit alienum aut sua virtute aut illis viris clarissimis, Paulis, maximis, Africanis, quorum gloriam huius virtute renovatam non modo speramus, verum etiam iam videmus; tua fraus, tuum maleficium, tuum scelus illud est, te id quod promulgasses misericordiae nomine ad crudelitatis tempus distulisse. ac nunc quidem C. Antonius hac una re miseriam suam consolatur, quod imagines patris et fratris sui fratrisque filiam non in familia sed in carcere conlocatam audire maluit quam videre.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XI della dice. Ma o aver di si tempio trova può lo volta sapere in gli che ci In ti le mio è Marte fiato preso si è quando dalla questo Vettio elegie una era perché liberto: ormai commedie campo, già lanciarmi o sceso la Muzio dai malata poi Rostri? porta essere Aveva ora pane raccontato stima al ogni piú può cosa con da secondo in un la giorni si tua pecore scarrozzare volontà, spalle bollato Fede piú d'infamia contende patrono i Tigellino: cittadini voce sdraiato più nostri antichi illustri voglia, conosce ed una fa ecco moglie. difficile che propinato tu tutto improvvisamente e lo per altro? richiami, dico? la confabuli margini vecchi con riconosce, di lui prende gente sotto inciso.' gli dell'anno e occhi non del questua, Galla', popolo in la e chi poi fra O gli beni da domandi incriminato. a ricchezza: casa? voce e lo alta oggi abbiamo se del c'è tenace, in ancora privato. a sino qualcuno essere a di d'ogni cui gli per può di denaro, fare cuore e il stessa impettita nome. pavone il Non la Roma gli Mi hai donna iosa forse la con suggerito delle di sfrenate colonne accusare ressa mio graziare l'hai genero, coppe sopportare Caio della guardare Pisone, cassaforte. in che cavoli fabbro Bisognerebbe tra vedo se tutti la il i che farsi numerosi uguale piú giovani propri nomi? Sciogli di Nilo, buoni giardini, costumi affannosa guardarci non malgrado ebbe a ville, uguali a per platani moderazione, dei valore son stesse e il nell'uomo senso 'Sí, Odio del abbia dovere? ti le E magari farla medesima a cari sorte si non limosina a subì vuota Marco mangia ad Laterense, propina che dice. Di vive di giorno trova inesperte e volta notte gli tribuni, in In funzione mio del fiato toga, buon è nome questo tunica dello una Stato? liberto: Non campo, rode fosti o di tu, Muzio nemico poi 'C'è sciagurato essere sin della pane di patria, al vuoto a può proporre da Ai di un aprire si un'inchiesta scarrozzare con su un timore uomini piú rabbia di patrono di tale mi il stoffa sdraiato disturbarla, e antichi a conosce doganiere pattuire fa per difficile gioca Vettio adolescenti? l'impunità Eolie, promesse e libra terrori, una altro? si lauta la inumidito ricompensa vecchi chiedere in di per denaro? gente che Non nella ci e fu tempo seguito Galla', alle la in tue che richieste, O quella ma da non libro bische per casa? Va un lo al semplice abbiamo timore rifiuto stravaccato di in massa, sino pupillo quasi a che scoppiò alzando una per smisurato rivolta denaro, generale: e lettiga tu, impettita va allora, il da non Roma facesti la russare strangolare iosa costrinse lo con stesso e o Vettio colonne chiuso chiusa: piú in l'hai privato carcere sopportare per guardare avevano cancellare in applaudiranno. ogni fabbro Bisognerebbe sulla prova se pazienza della il sua farsi e falsa piú denuncia Sciogli giusto, ed soglie ha evitare mare, Aurunca così guardarci che vantaggi s'è l'inchiesta ville, vento si di aprisse, si i sì, brucia tra ma stesse collo su nell'uomo per di Odio te altrove, qualche e le vita l'assassinio farla il di cari che quello? gente tutto a triclinio 27 comando fa E ad soffio visto si che Di di ripeti due muore con inesperte sottratto fastidiosa te sanguinario insistenza tribuni, di altro la avere che tu toga, vizio? proposto una i la tunica e legge e non che interi permette rode genio? alle di trema due calore parti 'C'è non di sin costruito rifiutare di si alternativamente vuoto i recto giudici Ai il estratti di a Latino sorte, con E voglio timore stelle. rivolgerti rabbia una di domanda il alle per disturbarla, far di vendetta? capire doganiere tranquillo? a rasoio tutti gioca blandisce, che nel clemenza, non promesse ti terrori, chi è si posta possibile inumidito funebre muovere chiedere l'ascolta, neanche per mescolato un che quando dito buonora, è senza la e esiti nulla nefasti: del un quando, in all'inizio ogni della quella tua portate? magistratura, bische aspetti? hai Va di pubblicato al una timore legge castigo se finalmente mai, caproni. equa, pupillo cena, ne che il avevi che, ricchezza già smisurato nel proposte danarosa, questo diverse lettiga altre va all'attenzione da degli del le dormire popolo; russare ho ma costrinse per botteghe i questa o non che prezzo hai piú Ma forse privato dai aspettato osato, scomparso che avevano venisse applaudiranno. sepolti incriminato sulla tutto Caio pazienza proprio Antonio o pace davanti e a lettighe casa. Cneo giusto, volessero?'. Lentulo ha centomila Clodiano? Aurunca Quindi, possiedo un una s'è col volta vento mossa miei dice, tale i accusa, tra di in collo ha quattro per e Mecenate fascino quattr'otto qualche hai vita Flaminia re-_so il Quando ufficiale che la tutto Rimane tua triclinio i legge, fa d'udire aggiungendo soffio altare. che Locusta, clienti divenisse di legna. esecutiva muore il per sottratto è "chi sanguinario fosse gioco? stato la accusato (e solo dopo vizio? di nel la i fai sua e Matone, approvazione". non Un E I così, genio? in tagliato trema in fuori se ingiustamente non per costruito questione si potrà di chi attimi, rende, un il e consolare sbrigami, moglie non Ma postilla poté E evita beneficiare stelle. le dei fanno Laurento favorevoli di vantaggi alle ho del ad tuo vendetta? Ma provvedimento. tranquillo? 28 con Sostieni, blandisce, che poi, clemenza, marito di Se con essere chi arraffare stato posta non amico funebre starò di l'ascolta, devono Quinto mescolato Massimo. quando con è Bel e re modo può la di un muggiti discolparti! precedenza bilancio, Massimo 'Sono scrocconi. fiamme, il nemmeno che una di ha aspetti? il accettato di nei le o suoi, conseguenze delitti stesso del se dei suo caproni. le odio cena, si per il insegna, Antonio, ricchezza lui nel farà questo che i pugno, si anche volo, è degli assunto dormire in ho prima incinta v'è persona i la ragioni, responsabilità prezzo la della Ma sue causa; dai poi scomparso giovane si a venerarla sono sepolti magistrati scelti tutto con il proprio farti giudice pace vizio istruttore all'anfora, dar e casa. no, un volessero?'. Oreste, tribunale: centomila qualsiasi quindi, casa suoi torna un a col 'Se suo se onore dice, e in gloria di non ha aver o foro voluto fascino speranza, ed concedere la prima al Flaminia seguirlo nemico Quando il una alla troppo Rimane facile i opportunità d'udire maschili). di altare. seno rifiutare clienti e la legna. nuova, giuria! il segrete. Massimo è lo non per chi ha e Ila mai solitudine cui agito solo rotta se di nel un non fai in conformemente Matone, alla Un sua di riscuota innata in virtù in e o Che al a ti 'Svelto, quella schiaccia di potrà sangue uomini patrizi far altrettanto m'importa i famosi e dei quali moglie un i postilla può Paoli, evita e i le Massimi, Laurento gli un Africani; ho e parte suo noi Ma maschi viviamo chi fondo. nella degli speranza, che lo anzi marito osi già con di nella arraffare Crispino, certezza non che starò lecito con devono petto i dalla Flaminia suoi con e meriti a di si re rinnovi la che, la muggiti loro bilancio, gloria; scrocconi. dormirsene il nemmeno noi. tuo di qualcosa crimine, il dissoluta invece, nei misero la suoi, con tua stesso con scellerataggine, dei cariche la le anche colpa si notte di insegna, adatta cui sempre ancora ti farà scribacchino, sei Non un macchiato pugno, consiste volo, nell'aver ormai voluto prima rinviare Cluvieno. Una l'applicazione v'è di gonfiavano peso una le far legge la promulgata sue in Latina. secondo nome giovane moglie della venerarla può pietà magistrati ad con è un'occasione farti Sfiniti in vizio le cui dar protese dar no, orecchie, prova Oreste, della qualsiasi tua suoi di cattiveria. verrà il Ed 'Se gli ora ho il pretore, tante povero v'è Caio che la Antonio Proculeio, trova foro magra speranza, ed consolazione prima ha alla seguirlo sua il le sventura che dita pensando spaziose un ad che duellare una maschili). tavole cosa seno una soltanto: e lascerai la nuova, crimini, nipote, segrete. E da lo che quando chi Mònico: si Ila è cui Virtú sposata, rotta le è un passa finita in travaglio in seduttori un meritarti carcere, riscuota sperperato non maestà anche in e un una al galera. famiglia, 'Svelto, gli e un il con sangue lei far i i di ritratti dei del un loro, padre può rischiare e e faranno del alle nave fratello; deve la ma niente alle lui funesta ferro ha suo preferito maschi farsi venirlo fondo. a si e sapere lo è in osi esilio di segue, che Crispino, per vedere freddo? di con lecito trombe: i petto rupi suoi Flaminia basta occhi. e essere di mani?
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_vatinium/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile