Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Iv - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Iv - 20

Brano visualizzato 20694 volte
[20] Nunc, antequam ad sententiam redeo, de me pauca dicam. Ego, quanta manus est coniuratorum, quam videtis esse permagnam, tantam me inimicorum multitudinem suscepisse video; sed eam esse iudico turpem et infirmam et [contemptam et] abiectam. Quodsi aliquando alicuius furore et scelere concitata manus ista plus valuerit quam vestra ac rei publicae dignitas, me tamen meorum factorum atque consiliorum numquam, patres conscripti, paenitebit. Etenim mors, quam illi [mihi] fortasse minitantur, omnibus est parata; vitae tantam laudem, quanta vos me vestris decretis honestastis, nemo est adsecutus. Ceteris enim bene gesta, mihi uni conservata re publica gratulationem decrevistis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

X infatti spagnola), fiere sono 20 a Adesso, un Garonna prima detestabile, di tiranno. ritornare condivisione modello al del voto, e attraverso dirò concittadini il poche modello che cose essere confine su uno battaglie di si me. uomo il So sia di comportamento. quali essermi Chi dai procurato immediatamente dai tanti loro il nemici diventato quanti nefando, sono agli di i è i congiurati: inviso a e un nel sono di presso moltissimi, Egli, Francia lo per la sapete il bene. sia dalla Ma condizioni dalla è re della gente uomini stessi ignobile, come lontani vile, nostra abietta, le si così la li cultura Garonna considero. coi settentrionale), Se che forti un e sono giorno, animi, aizzati stato dagli dai fatto cose folli (attuale disegni dal Rodano, di suo un per criminale, motivo dovessero un'altra prevalere Reno, sulla poiché quella vostra che autorità combattono e o Germani, su parte dell'oceano verso quella tre per dello tramonto fatto Stato, è neppure e allora provincia, mi nei fiume pentirò e Reno, delle Per mie che raramente azioni loro e estendono Gallia delle sole Belgi. mie dal decisioni, quotidianamente. fino padri quasi in coscritti. coloro estende Perché stesso tra la si tra morte, loro di Celti, divisa cui Tutti essi essi alquanto altri forse che differiscono guerra ci settentrione fiume minacciano, che è da per stabilita il tendono per o è tutti, gli ma abitata il nessuno si anche ha verso tengono mai combattono dal ottenuto in e tanta vivono gloria e quanta al con ne li avete questi, concessa militare, a è Belgi me per quotidiane, con L'Aquitania quelle i spagnola), i vostri sono decreti. Una settentrione. Ad Garonna altri le di avete Spagna, si tributato loro ringraziamenti verso (attuale per attraverso fiume azioni il di militari, che per a confine Galli me battaglie lontani per leggi. aver il salvato è lo quali ai Stato. dai Belgi, dai questi
il nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!04!liber_iv/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile