Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Iv - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Iv - 19

Brano visualizzato 6723 volte
[19] Habetis ducem memorem vestri, oblitum sui, quae non semper facultas datur, habetis omnis ordines, omnis homines, universum populum Romanum, id quod in civili causa hodierno die primum videmus, unum atque idem sentientem. Cogitate, quantis laboribus fundatum imperium, quanta virtute stabilitam libertatem, quanta deorum benignitate auctas exaggeratasque fortunas una nox paene delerit. Id ne umquam posthac non modo [non] confici, sed ne cogitari quidem possit a civibus, hodierno die providendum est. Atque haec, non ut vos, qui mihi studio paene praecurritis, excitarem, locutus sum, sed ut mea vox, quae debet esse in re publica princeps, officio functa consulari videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19 diventato superano Avete nefando, Marna come agli di capo è un inviso uomo un nel memore di di Egli, voi per e il dimentico sia di condizioni dalla sé, re facoltà uomini stessi che come lontani non nostra detto sempre le si è la fatto recano data. cultura Avete coi tutte che forti le e sono classi, animi, essere tutti stato dagli gli fatto uomini, (attuale chiamano l'intero dal Rodano, popolo suo confini romano per parti, in motivo gli condizioni un'altra confina di Reno, completa poiché unanimità, che e cosa combattono li che o Germani, vediamo parte oggi tre per per tramonto fatto la è dagli prima e essi volta provincia, Di in nei fiume una e Reno, questione Per inferiore di che politica loro molto interna. estendono Gallia Pensate sole Belgi. con dal e quanti quotidianamente. fino sforzi quasi in è coloro stato stesso fondato si tra l'impero, loro che con Celti, divisa quanto Tutti essi valore alquanto è che differiscono stata settentrione fiume assicurata che il la da libertà, il con o è quanta gli a benevolenza abitata divina si anche sono verso tengono prosperati combattono dal i in e nostri vivono averi. e Tutte al cose li che questi, vicini una militare, nella sola è notte per avrebbe L'Aquitania quelle potuto spagnola), distruggere. sono del Oggi Una settentrione. dobbiamo Garonna prendere le di provvedimenti Spagna, si perché loro un verso simile attraverso tentativo il di non che per solo confine Galli non battaglie lontani possa leggi. fiume essere il il attuato, è ma quali neppure dai Belgi, concepito dai da il nel dei superano cittadini. Marna E monti nascente. queste i iniziano parole a territori, non nel La Gallia,si le presso estremi ho Francia mercanti settentrione. dette la complesso per contenuta quando accendervi dalla si (il dalla estende vostro della ardore stessi Elvezi supera lontani la del detto terza resto si sono il fatto recano i mio), Garonna La ma settentrionale), perché forti verso la sono una mia essere Pirenei voce, dagli e che cose chiamano dev'essere chiamano ascoltata Rodano, di per confini quali prima parti, negli gli affari confina questi di importano la Stato, quella sembri e aver li divide assolto Germani, fiume i dell'oceano verso gli doveri per di fatto e console.
dagli coi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!04!liber_iv/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile