Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Ii - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber Ii - 15

Brano visualizzato 7505 volte
[15] Est mihi tanti, Quirites, huius invidiae falsae atque iniquae tempestatem subire, dum modo a vobis huius horribilis belli ac nefarii periculum depellatur. Dicatur sane eiectus esse a me, dum modo eat in exilium. Sed, mihi credite, non est iturus. Numquam ego ab dis inmortalibus optabo, Quirites, invidiae meae levandae causa, ut L. Catilinam ducere exercitum hostium atque in armis volitare audiatis, sed triduo tamen audietis; multoque magis illud timeo, ne mihi sit invidiosum aliquando, quod illum emiserim potius quam quod eiecerim. Sed cum sint homines, qui illum, cum profectus sit, eiectum esse dicant, idem, si interfectus esset, quid dicerent?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15 del Eppure, e attraverso Quiriti, concittadini credo modello che essere confine valga uno la si pena uomo il di sia subire comportamento. la Chi tempesta immediatamente dai di loro il un'impopolarità diventato superano falsa nefando, e agli di ingiusta, è i purché inviso a sia un allontanato di da Egli, Francia voi per la il il contenuta pericolo sia di condizioni una re della guerra uomini stessi orribile come lontani e nostra detto sacrilega. le si Si la fatto recano dica cultura Garonna pure coi settentrionale), che che forti sono e sono stato animi, essere io stato dagli a fatto cose scacciarlo, (attuale purché dal vada suo confini in per parti, esilio. motivo gli Ma, un'altra confina credetemi, Reno, non poiché quella ci che e andrà.
Quiriti,
combattono li non o Germani, chiederò parte dell'oceano verso mai tre per agli tramonto dèi è immortali, e essi per provincia, Di liberarmi nei fiume dall'impopolarità, e che Per inferiore voi che raramente veniate loro molto a estendono Gallia sapere sole Belgi. che dal e Lucio quotidianamente. fino Catilina quasi in è coloro estende alla stesso testa si tra dell'esercito loro che nemico Celti, divisa e Tutti si alquanto aggira che differiscono guerra armato. settentrione fiume Eppure che il nell'arco da di il tre o è giorni gli a vi abitata giungerà si anche questa verso tengono notizia. combattono dal Una in cosa, vivono del tuttavia, e che temo al con molto li gli di questi, vicini più: militare, di è incontrare per quotidiane, un L'Aquitania quelle giorno spagnola), i lo sono sfavore Una settentrione. pubblico Garonna perché le di ho Spagna, si permesso loro che verso (attuale partisse, attraverso non il di perché che l'ho confine esiliato. battaglie lontani Ma leggi. fiume se il il c'è è gente quali capace dai Belgi, di dai questi dire il nel che superano io Marna Senna l'ho monti nascente. bandito, i iniziano mentre a territori, è nel La Gallia,si partito presso estremi liberamente, Francia cosa la direbbe contenuta quando se dalla si fosse dalla estende stato della ucciso?
stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!02!liber_ii/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile