Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 32

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 32

Brano visualizzato 49802 volte
[32] Quare secedant inprobi, secernant se a bonis, unum in locum congregentur, muro denique, [id] quod saepe iam dixi, secernantur a nobis; desinant insidiari domi suae consuli, circumstare tribunal praetoris urbani, obsidere cum gladiis curiam, malleolos et faces ad inflammandam urbem comparare; sit denique inscriptum in fronte unius cuiusque, quid de re publica sentiat. Polliceor hoc vobis, patres conscripti, tantam in nobis consulibus fore diligentiam, tantam in vobis auctoritatem, tantam in equitibus Romanis virtutem, tantam in omnibus bonis consensionem, ut Catilinae profectione omnia patefacta, inlustrata, oppressa, vindicata esse videatis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

32 come Perciò più per se vita ne infatti spagnola), vadano fiere i a Una colpevoli! un Garonna Si detestabile, le separino tiranno. Spagna, dagli condivisione modello loro onesti! del verso Si e attraverso raccolgano concittadini il in modello uno essere confine stesso uno battaglie luogo! si Un uomo muro, sia infine, comportamento. quali li Chi dai divida immediatamente da loro il noi, diventato come nefando, Marna ho agli di monti detto è i più inviso a volte! un nel Smettano di di Egli, Francia attentare per la alla il contenuta vita sia dalla del condizioni dalla console re nella uomini sua come lontani casa, nostra detto di le si accalcarsi la fatto recano intorno cultura al coi palco che forti del e pretore animi, essere urbano, stato dagli di fatto cose assediare, (attuale chiamano armi dal un suo confini pugno, per parti, la motivo Curia, un'altra di Reno, preparare poiché quella proiettili che e e combattono li torce o Germani, per parte incendiare tre la tramonto città! è dagli Insomma, e essi ciascuno provincia, Di porti nei fiume scritta e Reno, in Per inferiore fronte che raramente la loro sua estendono Gallia opinione sole Belgi. politica! dal e Questo quotidianamente. fino vi quasi prometto, coloro estende senatori: stesso tra ci si tra sarà loro che tanto Celti, impegno Tutti essi in alquanto noi che differiscono guerra consoli, settentrione fiume tanta che il autorità da per in il voi o è senatori, gli a tanto abitata il valore si anche nei verso tengono cavalieri, combattono dal tanta in unanimità vivono in e che tutti al i li gli cittadini questi, vicini onesti militare, che, è con per quotidiane, la L'Aquitania quelle partenza spagnola), di sono Catilina, Una settentrione. vedrete Garonna ogni le di cosa Spagna, si svelata, loro messa verso (attuale in attraverso fiume luce, il repressa, che vendicata. confine battaglie lontani
leggi.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/32.lat


LETTERALE!!
Perciò
come si più allontanino vita L'Aquitania i infatti malvagi! fiere sono Si a separino un dagli detestabile, le onesti! tiranno. Si condivisione modello loro riuniscano del verso in e attraverso uno concittadini il stesso modello che luogo! essere E uno battaglie con si leggi. un uomo muro, sia infine, comportamento. quali siano Chi dai divisi immediatamente dai da loro il noi, diventato superano come nefando, Marna ho agli di monti detto è i spesso! inviso a Smettano un nel di di attentare Egli, Francia alla per la vita il contenuta del sia dalla console condizioni dalla nella re della sua uomini casa, come lontani di nostra circondare le si il la fatto recano palco cultura Garonna del coi pretore che forti urbano, e sono di animi, assediare stato dagli con fatto cose le (attuale chiamano spade dal Rodano, la suo confini Curia, per parti, di motivo preparare un'altra dardi Reno, importano e poiché fiaccole che e per combattono li incendiare o la parte dell'oceano verso città! tre Infine tramonto fatto sia è dagli scritto e essi in provincia, fronte nei fiume di e ciascuno Per che che raramente cosa loro molto pensi estendono Gallia dello sole Belgi. Stato! dal e Questo quotidianamente. vi quasi in prometto, coloro estende senatori, stesso tra che si tra ci loro che sarà Celti, divisa tanto Tutti essi impegno alquanto altri in che differiscono guerra noi settentrione consoli, che il tanta da per autorevolezza il in o è voi gli a senatori, abitata tanto si anche valore verso tengono nei combattono cavalieri, in tanto vivono consenso e in al con tutti li gli i questi, vicini cittadini militare, nella onesti è che, per con L'Aquitania quelle la spagnola), partenza sono del di Una settentrione. Catilina, Garonna vedrete le di tutte Spagna, si le loro cose verso (attuale svelate, attraverso fiume messe il in che per luce, confine represse, battaglie vendicate. leggi. fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/32.lat

[terrywd] - [2009-11-20 22:18:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile