banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 27

Brano visualizzato 27640 volte
[27] Tantum profeci tum, cum te a consulatu reppuli, ut exsul potius temptare quam consul vexare rem publicam posses, atque ut id, quod esset a te scelerate susceptum, latrocinium potius quam bellum nominaretur. Nunc, ut a me, patres conscripti, quandam prope iustam patriae querimoniam detester ac deprecer, percipite, quaeso, diligenter, quae dicam, et ea penitus animis vestris mentibusque mandate. Etenim, si mecum patria, quae mihi vita mea multo est carior, si cuncta Italia, si omnis res publica loquatur: 'M.Tulli, quid agis? Tune eum, quem esse hostem comperisti, quem ducem belli futurum vides, quem expectari imperatorem in castris hostium sentis, auctorem sceleris, principem coniurationis, evocatorem servorum et civium perditorum, exire patiere, ut abs te non emissus ex urbe, sed immissus in urbem esse videatur? Nonne hunc in vincla duci, non ad mortem rapi, non summo supplicio mactari imperabis?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

27 (attuale chiamano Ho dal Rodano, ottenuto suo almeno per parti, questi motivo gli due un'altra confina risultati, Reno, importano impedendo poiché quella la che e tua combattono li elezione o Germani, a parte dell'oceano verso console: tre per puoi, tramonto attaccare è lo e essi Stato provincia, Di da nei fiume esule, e Reno, ma Per inferiore non che raramente puoi loro molto sovvertirlo estendono Gallia da sole console; dal il quotidianamente. fino tuo quasi in tentativo coloro estende scellerato stesso è si chiamato loro banditismo, Celti, divisa non Tutti essi guerra.
XIOra,
alquanto altri padri che differiscono coscritti, settentrione fiume ascoltate che il con da per attenzione il tendono le o è mie gli a parole, abitata il vi si anche prego, verso tengono e combattono dal fissatele in nel vivono del profondo e del al con vostro li gli animo, questi, perché militare, nella io è Belgi possa per quotidiane, stornare L'Aquitania quelle da spagnola), i me sono del il Una settentrione. rimprovero, Garonna giusto le di in Spagna, un loro certo verso (attuale senso, attraverso fiume che il di la che per patria confine Galli potrebbe battaglie lontani rivolgermi. leggi. fiume Se il il la patria, quali ai che dai Belgi, mi dai questi è il nel molto superano valore più Marna Senna cara monti della i vita, a se nel La Gallia,si l'Italia presso estremi intera, Francia mercanti settentrione. se la complesso la contenuta quando repubblica dalla si mi dalla estende dicessero: della «Marco stessi Elvezi Tullio, lontani la che detto fai? si sono Hai fatto recano i scoperto Garonna La che settentrionale), costui forti è sono un essere Pirenei nemico, dagli e intuisci cose che chiamano parte dall'Oceano, sarà Rodano, di lui confini quali a parti, con condurre gli parte la confina questi guerra, importano sai quella Sequani che e è li divide atteso Germani, fiume come dell'oceano verso comandante per [1] supremo fatto e nel dagli coi campo essi i nemico, Di della che fiume portano è Reno, I l'ideatore inferiore affacciano del raramente inizio crimine, molto dai il Gallia capo Belgi. lingua, della e tutti congiura, fino l'istigatore in Garonna, degli estende anche schiavi tra prende e tra i l'agitatore che delle dei divisa Elvezi cittadini essi loro, perduti. altri più Lo guerra abitano lascerai fiume che partire? il gli Darai per ai l'impressione tendono di è guarda non a averlo il sole espulso anche quelli. da tengono e Roma, dal abitano ma e Galli. di del Germani averlo che Aquitani spinto con contro gli Roma? vicini dividono Non nella quasi darai Belgi raramente l'ordine quotidiane, di quelle civiltà arrestarlo, i di del nella trascinarlo settentrione. al Belgi, supplizio, di istituzioni di si la punirlo con (attuale la fiume la morte?
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/27.lat


LETTERALE!!
DA
al "si migliori che mecum colui da patria.." certamente il ALLA e o FINE
Se
un gli la Vedete abitata patria, un si che non verso mi più combattono è tutto in molto supera Greci vivono più infatti e cara e al della detto, li vita, coloro se a militare, l'Italia come intera, più per se vita la infatti spagnola), repubblica fiere sono mi a dicessero: un «Marco detestabile, Tullio, tiranno. Spagna, che condivisione modello fai? del Hai e attraverso scoperto concittadini il che modello che costui essere confine è uno battaglie un si leggi. nemico, uomo intuisci sia che comportamento. quali sarà Chi lui immediatamente a loro il condurre diventato superano la nefando, Marna guerra, agli di monti sai è i che inviso a è un nel atteso di presso come Egli, comandante per del il campo sia nemico, condizioni dalla che re della è uomini stessi l'autore come lontani del nostra detto crimine, le si il la fatto recano capo cultura Garonna della coi congiura, che forti l'istigatore e sono degli animi, essere schiavi stato dagli e fatto dei (attuale chiamano cittadini dal Rodano, perduti. suo confini Lo per parti, lascerai motivo gli partire un'altra così Reno, importano che poiché quella sembrerà che per combattono opera o Germani, tua parte dell'oceano verso non tre per espulso tramonto fatto da è dagli Roma, e essi ma provincia, Di spinto nei fiume contro e Reno, la Per inferiore città? che raramente Non loro molto darai estendono Gallia l'ordine sole Belgi. di dal arrestarlo, quotidianamente. fino di quasi in punirlo coloro a stesso tra morte, si tra di loro trascinarlo Celti, divisa al Tutti essi supplizio? alquanto altri che differiscono guerra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/27.lat

[terrywd] - [2009-11-20 22:16:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!