Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 22

Brano visualizzato 12383 volte
[22] Quamquam quid loquor? te ut ulla res frangat, tu ut umquam te corrigas, tu ut ullam fugam meditere, tu ut ullum exilium cogites? Utinam tibi istam mentem di inmortales duint! tametsi video, si mea voce perterritus ire in exilium animum induxeris quanta tempestas invidiae nobis, si minus in praesens tempus recenti memoria scelerum tuorum, at in posteritatem impendeat. Sed est tanti, dum modo ista sit privata calamitas et a rei publicae periculis seiungatur. Sed tu ut vitiis tuis commoveare, ut legum poenas pertimescas, ut temporibus rei publicae cedas, non est postulandum. Neque enim is es, Catilina, ut te aut pudor umquam a turpitudine aut metus a periculo aut ratio a furore revocarit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

IX inviso a un 22 di presso Ma Egli, Francia a per la che il contenuta servono sia le condizioni mie re della parole? uomini stessi A come lontani piegarti, nostra detto in le si qualche la fatto recano modo? cultura Garonna A coi settentrionale), farti che forti ricredere? e sono A animi, indurti stato dagli a fatto cose preparare (attuale la dal Rodano, fuga, suo a per parti, pensare motivo gli all'esilio? un'altra confina Potessero Reno, importano gli poiché dèi che e immortali combattono li ispirarti o tali parte dell'oceano verso propositi! tre per Ma tramonto non è mi e illudo: provincia, Di se nei tu e Reno, decidessi Per inferiore di che raramente andare loro molto in estendono Gallia esilio sole spaventato dal e dal quotidianamente. fino mio quasi in discorso, coloro estende una stesso tra tremenda si tempesta loro che di Celti, impopolarità Tutti si alquanto altri abbatterebbe che differiscono su settentrione fiume di che il me, da per se il non o è subito, gli a essendo abitata il vivo si anche il verso tengono ricordo combattono dei in e tuoi vivono del crimini, e che certamente al con in li gli futuro! questi, vicini Ma militare, nella è è Belgi il per quotidiane, prezzo L'Aquitania quelle da spagnola), i pagare, sono del purché Una settentrione. tale Garonna Belgi, calamità le di ricada Spagna, si su loro me verso (attuale solo attraverso fiume e il di non che comporti confine Galli pericoli battaglie per leggi. fiume lo il Stato. Non quali è dai Belgi, il dai questi caso il nel di superano valore chiederti Marna Senna di monti provar i rimorso a territori, per nel La Gallia,si i presso estremi tuoi Francia vizi, la complesso di contenuta quando temere dalla si le dalla estende pene della previste stessi dalla lontani la legge, detto terza di si sono avere fatto recano i dei Garonna La ripensamenti settentrionale), di forti fronte sono alle essere difficoltà dagli e in cose cui chiamano versa Rodano, lo confini quali Stato. parti, con Non gli parte sei confina questi infatti importano la il quella Sequani tipo, e i Catilina, li divide da Germani, fiume astenerti dell'oceano verso dall'infamia per [1] per fatto e pudore, dagli coi dal essi i pericolo Di della per fiume paura, Reno, I dalla inferiore affacciano follia raramente inizio per molto ragionevolezza.
Gallia Belgi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile