Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 18

Brano visualizzato 47772 volte
[18] Quae tecum, Catilina, sic agit et quodam modo tacita loquitur: 'Nullum iam aliquot annis facinus exstitit nisi per te, nullum flagitium sine te; tibi uni multorum civium neces, tibi vexatio direptioque sociorum inpunita fuit ac libera; tu non solum ad neglegendas leges et quaestiones, verum etiam ad evertendas perfringendasque valuisti. Superiora illa, quamquam ferenda non fuerunt, tamen, ut potui, tuli; nunc vero me totam esse in metu propter unum te, quicquid increpuerit, Catilinam timeri, nullum videri contra me consilium iniri posse, quod a tuo scelere abhorreat, non est ferendum. Quam ob rem discede atque hunc mihi timorem eripe; si est verus, ne opprimar, sin falsus, ut tandem aliquando timere desinam.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18 come lontani Catilina! nostra La le patria la fatto recano ti cultura Garonna si coi settentrionale), presenta che forti innanzi e e, animi, essere senza stato bisogno fatto cose di (attuale chiamano parole, dal Rodano, ti suo confini dice: per parti, «Da motivo gli anni, un'altra confina ormai, Reno, importano non poiché quella c'è che e delitto combattono li che o Germani, non parte dell'oceano verso sia tre stato tramonto fatto commesso è dagli se e essi non provincia, Di da nei te, e Reno, non Per inferiore c'è che scandalo loro molto senza estendono Gallia di sole te. dal e Per quotidianamente. fino te quasi in soltanto coloro il stesso tra massacro si tra di loro che molti Celti, divisa cittadini, Tutti per alquanto altri te che differiscono ruberie settentrione fiume e che il soprusi da a il tendono danno o degli gli alleati abitata il sono si state verso azioni combattono dal libere in e e vivono del impunite. e che Tu al non li solo questi, vicini sei militare, nella stato è Belgi capace per di L'Aquitania quelle trasgredire spagnola), i alla sono legge Una settentrione. e Garonna Belgi, alla le giustizia, Spagna, si ma loro addirittura verso di attraverso fiume sovvertirle, il di che per annientarle. confine Galli Sono battaglie lontani cose leggi. del il passato. è Benché quali ai non dai Belgi, fossero dai questi tollerabili, il nel tuttavia superano valore le Marna ho monti nascente. sopportate, i iniziano come a ho nel La Gallia,si potuto. presso estremi Ora, Francia però, la complesso che contenuta quando io dalla sia dalla completamente della territori terrorizzata stessi solo lontani a detto causa si tua, fatto recano che Garonna si settentrionale), che tema forti verso Catilina sono al essere minimo dagli rumore, cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, si Rodano, abbia confini quali l'impressione parti, con che gli parte qualsiasi confina questi complotto importano contro quella Sequani di e i me li divide non Germani, fiume sia dell'oceano verso gli alieno per [1] dalla fatto tua dagli coi mente essi i criminale, Di ebbene fiume portano non Reno, I intendo inferiore affacciano sopportarlo! raramente inizio Perciò molto dai vattene Gallia e Belgi. lingua, liberami e da fino questa in Garonna, paura, estende anche perché tra non tra ne che delle sia divisa schiacciata, essi se altri più è guerra abitano vera, fiume che o il gli smetta per di tendono i temere, è guarda se a è il infondata!».
anche quelli.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile