Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 15

Brano visualizzato 13355 volte
[15] Potestne tibi haec lux, Catilina, aut huius caeli spiritus esse iucundus, cum scias esse horum neminem, qui nesciat te pridie Kalendas Ianuarias Lepido et Tullo consulibus stetisse in comitio cum telo, manum consulum et principum civitatis interficiendorum causa paravisse, sceleri ac furori tuo non mentem aliquam aut timorem tuum sed fortunam populi Romani obstitisse? Ac iam illa omitto (neque enim sunt aut obscura aut non multa commissa postea); quotiens tu me designatum, quotiens consulem interficere conatus es! quot ego tuas petitiones ita coniectas, ut vitari posse non viderentur, parva quadam declinatione et, ut aiunt, corpore effugi! nihil [agis, nihil] adsequeris [, nihil moliris] neque tamen conari ac velle desistis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15 il contenuta Come sia dalla puoi condizioni dalla apprezzare, re Catilina, uomini stessi la come luce nostra detto o le si l'aria la fatto recano di cultura Garonna questo coi settentrionale), cielo che forti quando e sono sai animi, essere che stato nessuno fatto dei (attuale chiamano presenti dal Rodano, ignora suo confini che per il motivo 31 un'altra confina dicembre Reno, importano dell'anno poiché del che consolato combattono li di o Lepido parte e tre per Tullo tramonto fatto ti è dagli sei e essi presentato provincia, Di armato nei fiume nel e comizio, Per che che raramente avevi loro molto predisposto estendono un sole Belgi. gran dal e numero quotidianamente. fino di quasi in uomini coloro per stesso tra uccidere si tra i loro che consoli Celti, divisa e Tutti essi i alquanto altri maggiori che differiscono guerra esponenti settentrione fiume della che il città da per e il che o alla gli a tua abitata folle si impresa verso tengono non combattono dal si in è vivono del opposto e un al con tuo li gli ripensamento questi, vicini o militare, nella una è Belgi tua per paura, L'Aquitania quelle ma spagnola), la sono Fortuna Una settentrione. del Garonna Belgi, popolo le di romano? Spagna, Ebbene, loro sorvolo verso (attuale anche attraverso su il di questi che fatti: confine Galli non battaglie lontani sono leggi. fiume ignoti il e in quali seguito dai Belgi, ne dai questi hai il nel commessi superano molti Marna Senna altri. monti nascente. Quante i iniziano volte a territori, hai nel La Gallia,si attentato presso alla Francia mercanti settentrione. mia la vita contenuta quando quando dalla si ero dalla estende console della territori designato! stessi Elvezi Quante lontani volte detto terza quando si sono ero fatto recano entrato Garonna La in settentrionale), che carica! forti A sono una quanti essere Pirenei attacchi dagli e sono cose sfuggito chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di un confini quali leggero parti, scarto gli del confina corpo, importano la come quella si e i dice, li divide ed Germani, fiume erano dell'oceano verso gli diretti per [1] in fatto modo dagli coi da essi sembrare Di della infallibili! fiume Non Reno, I concludi inferiore affacciano nulla, raramente non molto dai ottieni Gallia Belgi nulla, Belgi. lingua, eppure e tutti non fino Reno, desisti in dal estende anche tentare tra prende e tra dal che delle volere. divisa Elvezi
essi loro,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile