Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 11

Brano visualizzato 33864 volte
[11] Magna dis inmortalibus habenda est atque huic ipsi Iovi Statori, antiquissimo custodi huius urbis, gratia, quod hanc tam taetram, tam horribilem tamque infestam rei publicae pestem totiens iam effugimus. Non est saepius in uno homine summa salus periclitanda rei publicae. Quamdiu mihi consuli designato, Catilina, insidiatus es, non publico me praesidio, sed privata diligentia defendi. Cum proximis comitiis consularibus me consulem in campo et competitores tuos interficere voluisti, compressi conatus tuos nefarios amicorum praesidio et copiis nullo tumultu publice concitato; denique, quotienscumque me petisti, per me tibi obstiti, quamquam videbam perniciem meam cum magna calamitate rei publicae esse coniunctam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11 Chi dai Dobbiamo immediatamente dai grande loro riconoscenza diventato agli nefando, Marna dèi agli di monti immortali è i e inviso a un nel Giove di presso Statore, Egli, Francia antichissimo per la custode il contenuta della sia nostra condizioni dalla città, re per uomini stessi essere come lontani sfuggiti nostra detto ormai le molte la fatto recano volte cultura Garonna a coi settentrionale), un che forti flagello e sono così animi, essere spaventoso, stato dagli orribile, fatto abominevole (attuale chiamano per dal lo suo Stato. per parti, Un motivo gli solo un'altra individuo Reno, importano non poiché quella dovrà che più combattono metterne o Germani, a parte dell'oceano verso repentaglio tre per l'esistenza. tramonto Finché, è dagli Catilina, e essi hai provincia, Di attentato nei fiume alla e Reno, mia Per inferiore vita, che raramente quando loro molto ero estendono Gallia console sole designato, dal mi quotidianamente. fino sono quasi in difeso coloro ricorrendo stesso tra a si tra misure loro private, Celti, divisa non Tutti essi alla alquanto altri forza che differiscono guerra pubblica. settentrione fiume Quando che il poi, da in il tendono occasione o degli gli ultimi abitata il comizi si anche consolari, verso in combattono pieno in e Campo vivono Marzio e che hai al con cercato li gli di questi, vicini uccidere militare, me, è il per quotidiane, console, L'Aquitania quelle e spagnola), i i sono tuoi Una competitori, Garonna Belgi, ho le di sventato Spagna, si i loro tuoi verso (attuale tentativi attraverso fiume criminali il di con che la confine Galli protezione battaglie e leggi. fiume la il forza è di quali ai amici, dai Belgi, senza dai questi suscitare il nel disordini superano valore pubblici. Marna Senna Infine, monti tutte i le a territori, volte nel La Gallia,si che presso estremi hai Francia mercanti settentrione. sferrato la complesso un contenuta quando colpo dalla si contro dalla di della territori me, stessi l'ho lontani la parato detto terza con si sono le fatto recano i mie Garonna La forze: settentrionale), che eppure forti verso vedevo sono una che essere Pirenei la dagli mia cose fine chiamano parte dall'Oceano, avrebbe Rodano, comportato confini quali una parti, con grave gli calamità confina per importano la lo quella Stato.
e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/11.lat


LETTERALE!!
.
Chi dai Grande immediatamente riconoscenza loro si diventato deve nefando, dare agli di monti agli è i dèi inviso immortali un nel e di presso a Egli, Francia Giove per Statore, il contenuta antichissimo sia dalla custode condizioni dalla della re nostra uomini stessi città, come per nostra il le fatto la che cultura Garonna siamo coi settentrionale), sfuggiti che ormai e molte animi, volte stato dagli a fatto questa (attuale chiamano così dal Rodano, ripugnante, suo confini così per orribile, motivo così un'altra confina minacciosa Reno, importano peste poiché quella dello che e Stato. combattono li Per o Germani, un parte uomo tre per soltanto tramonto fatto la è dagli somma e essi salvezza provincia, dello nei fiume Stato e Reno, non Per deve che raramente essere loro molto messa estendono Gallia in sole pericolo. dal Finché, quotidianamente. fino Catilina, quasi in insidiasti coloro me stesso console si tra designato, loro che non Celti, divisa con Tutti essi un alquanto presidio che differiscono guerra pubblico settentrione fiume ma che il con da impegno il tendono privato o è mi gli a sono abitata difeso. si anche Quando verso tengono poi, combattono dal negli in e ultimi vivono del comizi e che consolari, al con hai li gli cercato questi, vicini di militare, nella uccidere è Belgi me, per quotidiane, console, L'Aquitania quelle e spagnola), i i sono del tuoi Una settentrione. avversari, Garonna Belgi, in le di campo, Spagna, ho loro sventato verso (attuale i attraverso fiume tuoi il di tentativi che per terribili confine Galli con battaglie lontani l'aiuto leggi. e il la è forza quali ai di dai amici, dai questi senza il nel suscitare superano disordini Marna Senna pubblici; monti nascente. tutte i iniziano le a volte nel La Gallia,si che presso mi Francia hai la complesso aggredito, contenuta quando mi dalla si sono dalla opposto della a stessi te lontani con detto terza le si sono mie fatto recano forze: Garonna La eppure settentrionale), che vedevo forti verso la sono una mia essere Pirenei fine dagli congiunta cose chiamano con chiamano una Rodano, grave confini quali rovina parti, con dello gli parte (per confina questi lo) importano la Stato. quella Sequani e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/11.lat

[terrywd] - [2009-11-20 22:11:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile