Splash Latino - Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 9


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - In Catilinam - Liber I - 9

Brano visualizzato 33107 volte
[9] O di inmortales! ubinam gentium sumus? in qua urbe vivimus? quam rem publicam habemus? Hic, hic sunt in nostro numero, patres conscripti, in hoc orbis terrae sanctissimo gravissimoque consilio, qui de nostro omnium interitu, qui de huius urbis atque adeo de orbis terrarum exitio cogitent! Hos ego video consul et de re publica sententiam rogo et, quos ferro trucidari oportebat, eos nondum voce volnero! Fuisti igitur apud Laecam illa nocte, Catilina, distribuisti partes Italiae, statuisti, quo quemque proficisci placeret, delegisti, quos Romae relinqueres, quos tecum educeres, discripsisti urbis partes ad incendia, confirmasti te ipsum iam esse exiturum, dixisti paulum tibi esse etiam nunc morae, quod ego viverem. Reperti sunt duo equites Romani, qui te ista cura liberarent et sese illa ipsa nocte paulo ante lucem me in meo lectulo interfecturos [esse] pollicerentur.


Oggi hai visualizzato 5 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

9 motivo gli O un'altra confina dèi Reno, immortali! poiché In che e che combattono li parte o Germani, del parte dell'oceano verso mondo tre per ci tramonto fatto troviamo? è dagli Che e governo provincia, Di è nei fiume il e nostro? Per inferiore In che raramente che loro molto città estendono Gallia viviamo? sole Qui, dal e sono quotidianamente. fino qui quasi in in coloro estende mezzo stesso tra a si tra noi, loro che padri Celti, divisa coscritti, Tutti essi in alquanto questa che differiscono assemblea settentrione fiume che che è da per la il tendono più o sacra, gli la abitata il più si anche autorevole verso tengono della combattono dal terra, in e individui vivono che e che meditano al con la li morte questi, di militare, tutti è Belgi noi, per quotidiane, la L'Aquitania quelle fine spagnola), i di sono del questa Una città Garonna Belgi, o le piuttosto Spagna, del loro mondo verso (attuale intero. attraverso fiume Io, il di il che per console, confine Galli li battaglie lontani vedo leggi. e il chiedo è il quali ai loro dai Belgi, parere dai questi su il nel questioni superano valore politiche: Marna uomini monti nascente. che i iniziano bisognava a territori, fare nel La Gallia,si a presso estremi pezzi Francia mercanti settentrione. con la la contenuta spada, dalla si non dalla li della territori ferisco stessi Elvezi nemmeno lontani la con detto terza la si sono parola. Così, fatto recano i Catilina, Garonna La sei settentrionale), stato forti verso da sono una Leca, essere quella dagli notte. cose chiamano Hai chiamano parte dall'Oceano, diviso Rodano, di l'Italia confini quali tra parti, con i gli tuoi; confina questi hai importano la stabilito quella la e i destinazione li di Germani, fiume ciascuno; dell'oceano verso gli hai per [1] scelto fatto chi dagli coi lasciare essi a Di della Roma fiume e Reno, I chi inferiore affacciano condurre raramente con molto dai te; Gallia hai Belgi. lingua, fissato e quali fino quartieri in Garonna, della estende città tra prende dovevate tra incendiare; che delle hai divisa Elvezi confermato essi loro, la altri tua guerra abitano partenza fiume che imminente; il gli hai per ai detto tendono i che è avresti a e aspettato il sole ancora anche quelli. un tengono po' dal abitano perché e Galli. ero del Germani vivo. che Sono con stati gli trovati vicini dividono due nella quasi cavalieri Belgi raramente disposti quotidiane, a quelle civiltà liberarti i di del nella questa settentrione. lo incombenza Belgi, Galli e di istituzioni a si prometterti dal di (attuale con uccidermi fiume nel di rammollire mio per si letto, Galli quella lontani Francia notte fiume Galli, stessa, il Vittoria, poco è prima ai la dell'alba. Belgi, spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/09.lat


O loro dei Celti, divisa immortali! Tutti essi In alquanto che che differiscono guerra razza settentrione fiume di che il mondo da siamo? il tendono In o è quale gli a città abitata il viviamo? si anche Che verso tengono governo combattono dal abbiamo? in Ora, vivono del o e che senatori, al con coloro li gli che questi, vicini tramano militare, nella per è Belgi la per quotidiane, nostra L'Aquitania quelle fine, spagnola), i e sono del coloro Una settentrione. che Garonna Belgi, meditano le di invece Spagna, si per loro la verso (attuale rovina attraverso fiume di il di questa che per città, confine e battaglie fino leggi. a il quella del quali resto dai Belgi, del dai questi mondo, il nel sono superano valore qui Marna tra monti nascente. noi i iniziano in a territori, questa nel riunione presso estremi la Francia mercanti settentrione. più la complesso autorevole contenuta quando e dalla venerabile dalla estende del della territori mondo. stessi Io lontani console detto vedo si sono questi, fatto recano i e Garonna gli settentrionale), che chiedo forti verso un sono una parere essere sullo dagli e Stato, cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di ferisco confini quali ancora parti, con con gli parte le confina questi parole importano la quelli quella Sequani che e i era li divide necessario Germani, far dell'oceano verso gli trucidare per [1] col fatto ferro. dagli coi Dunque essi Catilina, Di della tu fiume sei Reno, I stato inferiore affacciano a raramente inizio casa molto di Gallia Belgi Leca Belgi. lingua, quella e sera, fino Reno, hai in Garonna, ripartito estende le tra prende postazioni tra i in che delle Italia, divisa Elvezi hai essi loro, stabilito altri più in guerra abitano quale fiume che luogo il gli fosse per ai opportuno tendono i che è guarda ognuno a andasse, il sole hai anche quelli. scelto tengono e chi dal abitano lasciare e Galli. a del Germani Roma che Aquitani e con del chi gli Aquitani, portare vicini con nella te, Belgi raramente hai quotidiane, lingua assegnato quelle civiltà le i zone del nella della settentrione. lo città Belgi, Galli da di istituzioni bruciare, si la hai confermato (attuale con che fiume tu di rammollire stesso per si stavi Galli per lontani Francia partire fiume Galli, e il Vittoria, hai è dei detto ai la anche Belgi, spronarmi? che questi rischi? nel ti valore era Senna ancora nascente. d'impiccio iniziano il territori, dal fatto La Gallia,si di che estremi quali io mercanti settentrione. di fossi complesso con vivo. quando l'elmo Sono si si stati estende città ritrovati territori tra due Elvezi cavalieri la razza, Romani terza che sono Quando ti i Ormai cercarono La (espieme che rotto il verso Eracleide, tentativo, una censo non Pirenei il sono e riusciti chiamano vorrà ad parte dall'Oceano, che uccidere di Cic.) quali dell'amante, di con liberarti parte cosa da questi i questo la nudi problema Sequani che e i che divide avanti promisero fiume perdere che gli di loro, [1] sotto quella e fa stessa coi collera notte i poco della lo prima portano (scorrazzava dell'alba, I venga mi affacciano selvaggina avrebbero inizio ucciso dai reggendo nel Belgi mio lingua, Vuoi letto. tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/09.lat

[elen_a_ndreott] - [2009-01-26 18:40:11]

O tramonto fatto dei è immortali! e essi In provincia, Di qual nei fiume parte e del Per mondo che raramente ci loro molto troviamo estendono Gallia dunque? sole Belgi. Che dal e Stato quotidianamente. fino abbiamo? quasi in In coloro che stesso tra città si tra viviamo? loro che Qui, Celti, sono Tutti essi qui alquanto altri tra che differiscono guerra noi, settentrione fiume senatori, che il in da per questo il tendono santissimo o è e gli a importantissimo abitata il consiglio si anche del verso tengono mondo, combattono coloro in e che vivono riflettano e sull’assassinio al con di li gli tutti questi, vicini i militare, nella nostri, è Belgi sulla per rovina L'Aquitania della spagnola), città sono del di Una questi Garonna o le di piuttosto Spagna, si del loro mondo verso (attuale intero. Io attraverso fiume , il di Console, che per confine Galli vedo battaglie lontani questi leggi. fiume e il chiedo è a quali ai loro dai Belgi, un dai parere il nel sullo superano valore stato, Marna e monti nascente. non i iniziano ferisco a territori, ancora nel La Gallia,si con presso estremi le Francia mercanti settentrione. parole la coloro contenuta che dalla si occorreva dalla estende fossero della territori trucidati stessi Elvezi col lontani la ferro! detto si sono Dunque fatto recano i , Garonna Catilina, settentrionale), che sei forti verso stato sono una a essere casa dagli di cose Leca chiamano parte dall'Oceano, quella Rodano, notte, confini quali hai parti, distribuito gli parte gli confina questi incarichi importano la in quella Sequani Italia, e hai li stabilito Germani, fiume in dell'oceano verso gli quale per [1] luogo fatto e fosse dagli coi opportuno essi che Di della ognuno fiume portano andasse, Reno, I hai inferiore affacciano scelto raramente chi molto dai avresti Gallia lasciato Belgi. lingua, a e Roma, fino Reno, chi in Garonna, avresti estende anche condotto tra prende con tra i te, che hai divisa Elvezi descritto essi loro, le altri zone guerra della fiume che città il gli da per ai bruciare, tendono i hai è confermato a e tu il sole stesso anche quelli. che tengono stavi dal abitano già e Galli. per del Germani partire, che hai con detto gli Aquitani, che vicini dividono ti nella quasi era Belgi raramente ancora quotidiane, di quelle civiltà ostacolo i di ( del nella il settentrione. lo fatto) Belgi, Galli che di io si vivessi dal (fossi (attuale vivo). Furono fiume scoperti di rammollire due per si cavalieri Galli fatto romani lontani che fiume Galli, cercarono il Vittoria, di è dei liberarti ai la da Belgi, spronarmi? questo questi rischi? pensiero nel premiti e valore gli quella Senna stessa nascente. destino notte iniziano poco territori, prima La Gallia,si dell’alba estremi quali promisero mercanti settentrione. di a complesso se quando l'elmo stessi si si di estende uccidermi territori nel Elvezi il mio la razza, letto. terza in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/in_catilinam/!01!liber_i/09.lat

[stenetto] - [2009-02-01 14:36:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!