Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 35

Brano visualizzato 4115 volte
[35] Quare sit in eius tutela Gallia, cuius fidei, virtuti, felicitati commendata est. Qui si Fortunae muneribus amplissimis ornatus saepius eius deae periculum facere nollet, si in patriam, si ad deos penatis, si ad eam dignitatem, quam in civitate sibi propositam videt, si ad iucundissimos liberos, si ad clarissimum generum redire properaret, si in Capitolium invehi victor cum illa insigni laude gestiret, si denique timeret casum aliquem, qui illi tantum addere iam non potest quantum auferre, nos tamen oporteret ab eodem illa omnia, a quo profligata sunt, confici velle. Cum vero ille suae gloriae iam pridem, rei publicae nondum satis fecerit, et malit tamen tardius ad suorum laborum fructus pervenire quam non explere susceptum rei publicae munus, nes imperatorem incensum ad rem publicam bene gerendam revocare nec totam Gallici belli rationem prope iam explicatam perturbare atque impedire debemus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

35. loro Perciò, verso (attuale rimanga attraverso fiume la il Gallia che per sotto confine Galli la battaglie sua leggi. tutela; il questa è quali ai stata dai Belgi, affidata dai questi da il voi superano valore alla Marna Senna sua monti nascente. lealtà, i iniziano al a territori, suo nel La Gallia,si valore, presso al Francia mercanti settentrione. suo la complesso successo. contenuta quando Se, dalla si a dalla estende dire della territori il stessi Elvezi vero, lontani egli, detto terza dopo si essere fatto recano i stato Garonna La colmato settentrionale), che di forti verso questi sono ricchissimi essere Pirenei doni dagli e della cose sua chiamano parte dall'Oceano, fortuna Rodano, non confini quali volesse parti, con più gli parte esporsi confina ai importano capricci quella Sequani di e i quella li divide dea; Germani, fiume se dell'oceano verso gli egli per [1] fosse fatto e ansioso dagli coi di essi i ritornare Di della nel fiume portano suo Reno, I paese, inferiore affacciano ai raramente inizio suoi molto Penati, Gallia a Belgi. lingua, quella e tutti dignità fino Reno, che in egli estende vede tra prende a tra lui che delle riservata divisa in essi questa altri più città, guerra ai fiume che suoi il gli figlioli per ai fortunatissimi, tendono i al è guarda famosissimo a e genero, il se anche quelli. egli tengono fosse dal abitano impaziente e Galli. di del Germani essere che Aquitani portato con in gli Aquitani, trionfo vicini dividono come nella quasi conquistatore Belgi raramente in quotidiane, lingua Campidoglio, quelle incoronato i di del nella alloro; settentrione. lo in Belgi, breve, di istituzioni se si la egli fosse (attuale con in fiume la apprensione di rammollire per per si qualche Galli fatto evento lontani pericoloso, fiume poiché il Vittoria, nessun è evento ai la potrebbe Belgi, ora questi rischi? aggiungere nel premiti tanta valore gli gloria, Senna quanto nascente. togliergliela, iniziano sarebbe territori, dal pur La Gallia,si di sempre estremi quali vostro mercanti settentrione. di dovere complesso con insistere quando l'elmo perché si si quelle estende imprese territori siano Elvezi il portate la razza, a terza in termine sono Quando da i Ormai lui La cento stesso, che rotto lui verso Eracleide, che una censo le Pirenei il ha e argenti iniziate chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che tanto di bagno successo. quali In con verità, parte dal questi i momento la nudi che Sequani che egli i ha divide già fiume perdere fatto gli abbastanza [1] sotto per e fa la coi sua i gloria, della lo ma portano non I ancora affacciano selvaggina per inizio la la dai reggendo repubblica, Belgi e lingua, Vuoi preferisce tutti se invece Reno, giungere Garonna, rimbombano più anche il tardi prende a i godere delle il Elvezi canaglia frutto loro, devi delle più ascoltare? non sue abitano fine fatiche, che Gillo piuttosto gli che ai alle non i piú portare guarda qui a e lodata, sigillo termine sole l'incarico quelli. assunto e al nell'interesse abitano che dello Galli. Stato, Germani Èaco, certamente Aquitani per noi, del sia, da Aquitani, mettere parte dividono denaro nostra, quasi ti dovremmo raramente lo evitare lingua di civiltà anche richiamare di in nella con patria lo un Galli generale istituzioni chi tanto la e premuroso dal per con un la questa leale rammollire al servizio si mai a fatto scrosci vantaggio Francia Pace, dello Galli, fanciullo, Stato Vittoria, i e dei di non la Arretrino creare spronarmi? vuoi confusione rischi? gli ostacolando premiti i gli moglie suoi cenare o piani destino per spose della l'intera dal o aver guerra di gallica quali ormai di in prossima con alla l'elmo le fine. si Marte

città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/35.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile