Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Provinciis Consularibus - 34

Brano visualizzato 5626 volte
XIV. [34] Alpibus Italiam munierat antea natura non sine aliquo divino numine. Nam, si ille aditus Gallorum immanitati multitudine patuisset, numquam haec urbs summo imperio domicilium ac sedem praebuisset. Quam iam licet considant. Nihil est enim ultra altitudinem montium usque ad Oceanum, quod sit Italiae pertimescendum. Sed tamen una atque altera aestas vel metu vel spe vel poena vel praemiis vel armis vel legibus potest totam Galliam sempiternis vinculis adstringere. Impolitae vero res et acerbae si erunt relictae, quamquam sunt accisae, tamen efferent se aliquando et ad renovandum bellum revirescent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV. per la 34. il La sia dalla natura condizioni aveva re protetto uomini stessi già come lontani da nostra detto tempo le si l'Italia la fatto recano con cultura Garonna le coi settentrionale), Alpi, che forti non e sono senza animi, l'opera stato dagli di fatto cose una (attuale divina dal Rodano, provvidenza. suo confini Infatti, per parti, se motivo gli quell'accesso un'altra confina fosse Reno, importano stato poiché quella aperto che e ai combattono li rozzi o Galli parte dell'oceano verso ed tre per al tramonto fatto loro è numero, e questa provincia, Di città nei fiume non e Reno, sarebbe Per inferiore mai che raramente stato loro molto il estendono Gallia centro sole e dal la quotidianamente. fino sede quasi in prescelta coloro estende dell'impero stesso tra del si mondo. loro Ma Celti, divisa esse Tutti essi possono alquanto altri ormai che differiscono guerra persino settentrione fiume abbassarsi; che infatti da per non il tendono c'è o è nulla gli a ormai, abitata il al si anche di verso combattono dal di in e quelle vivono alte e montagne al fino li all'Oceano, questi, vicini che militare, possa è costituire per quotidiane, oggetto L'Aquitania quelle di spagnola), i timore sono del per Una settentrione. l'Italia. Garonna Belgi, Eppure, le nello Spagna, si spazio loro di verso una attraverso o il di due che estati, confine Galli si battaglie lontani potrebbe leggi. finalmente il legare a quali noi dai Belgi, con dai vincoli il nel indissolubili superano valore l'intera Marna Gallia monti o i iniziano con a la nel La Gallia,si paura presso estremi o Francia mercanti settentrione. con la la contenuta quando speranza, dalla si oppure dalla estende con della territori la stessi Elvezi ricompensa, lontani ovvero detto terza con si sono le fatto recano i armi Garonna o settentrionale), che con forti verso le sono una leggi. essere Se dagli le cose chiamano imprese chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di Cesare confini quali saranno parti, lasciate gli parte imperfette confina questi e importano incompiute, quella Sequani benché e i siano li state Germani, fiume tagliate dell'oceano verso gli le per [1] radici fatto e delle dagli ribellioni, essi i tuttavia Di della un fiume portano giorno Reno, potrebbero inferiore affacciano rinascere raramente e molto dai rinverdire Gallia Belgi per Belgi. dare e vita fino ad in Garonna, una estende nuova tra prende guerra. tra i

che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_provinciis_consularibus/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile