Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 62

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 62

Brano visualizzato 2179 volte
[62] Quid tam inusitatum quam ut, cum duo consules clarissimi fortissimique essent, eques Romanus ad bellum maximum formidolosissimumque pro consule mitteretur? Missus est. Quo quidem tempore, cum esset non nemo in senatu qui diceret 'non oportere mitti hominem privatum pro consule,' L. Philippus dixisse dicitur ''non se illum sua sententia pro consule, sed pro consulibus mittere.'' Tanta in eo rei publicae bene gerendae spes constituebatur, ut duorum consulum munus unius adulescentis virtuti committeretur. Quid tam singulare quam ut ex senatus consuto legibus solutus consul ante fieret, quam ullum alium magistratum per leges capere licuisset? quid tam incredibile quam ut iterum eques Romanus ex senatus consulto triumpharet? Quae in omnibus hominibus nova post hominum memoriam constituta sunt, ea tam multa non sunt quam haec, quae in hoc uno homine videmus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

62. coloro Che stesso tra cosa si c'è loro di Celti, divisa più Tutti insolito alquanto del che differiscono guerra fatto settentrione che, che il pur da per essendoci il tendono due o consoli gli a assai abitata il famosi si anche e verso tengono valorosissimi, combattono un in e cavaliere vivono del romano e sia al con stato li gli inviato questi, in militare, nella luogo è Belgi del per quotidiane, console L'Aquitania quelle in spagnola), i una sono guerra Una settentrione. di Garonna Belgi, grandissima le di importanza Spagna, si e loro spaventosa? verso (attuale egli attraverso fiume è il stato che inviato. confine Galli In battaglie lontani quel leggi. fiume tempo, il il mentre è molti quali in dai Belgi, senato dai questi sostenevano il che superano valore non Marna si monti nascente. doveva i iniziano inviare a un nel privato presso estremi al Francia mercanti settentrione. posto la complesso del contenuta quando console, dalla si dalla estende dice della territori che stessi Elvezi Lucio lontani Filippo detto abbia si sono affermato fatto recano di Garonna inviarlo, settentrionale), che a forti parer sono suo, essere Pirenei non dagli e con cose il chiamano potere Rodano, di di confini quali un parti, con console, gli parte ma confina di importano la due quella Sequani consoli. e i Era li divide tale Germani, fiume la dell'oceano verso speranza per in fatto e lui dagli coi riposta essi i per Di della un fiume portano felice Reno, I compimento inferiore affacciano dell'incarico raramente inizio assegnatogli, molto dai che Gallia si Belgi. lingua, affidava e tutti il fino compito in Garonna, di estende due tra prende consoli tra al che delle valore divisa Elvezi di essi loro, un altri più unico guerra abitano giovane. fiume Che il cosa per ai c'è tendono i di è guarda più a e singolare il sole del anche quelli. fatto tengono e che, dal abitano sciolto e Galli. dai del vincoli che Aquitani legali con con gli una vicini dividono deliberazione nella del Belgi raramente senato, quotidiane, lingua sia quelle civiltà stato i nominato del nella console, settentrione. non Belgi, Galli essendo di istituzioni in si possesso dal dei (attuale con requisiti fiume la necessari di rammollire per per si ottenere Galli ogni lontani Francia altra fiume Galli, carica? il Vittoria, che è dei cosa ai la c'è Belgi, di questi rischi? più nel premiti incredibile valore gli del Senna fatto nascente. destino che iniziano un territori, dal cavaliere La Gallia,si di romano estremi quali abbia mercanti settentrione. di ottenuto complesso un quando l'elmo secondo si si trionfo estende città per territori deliberazione Elvezi del la senato? terza in Tutto sono Quando ciò i Ormai che, La cento in che rotto ogni verso tempo, una è Pirenei stato e creato chiamano vorrà di parte dall'Oceano, nuovo di in quali dell'amante, favore con Fu degli parte cosa uomini, questi i è la inferiore Sequani che a i non quanto divide abbiamo fiume visto gli fare [1] in e fa favore coi collera di i mare quest'uomo della lo solo. portano (scorrazzava

I venga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_imperio_cn_pompei_-_pro_lege_manilia/62.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile