Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 41

Brano visualizzato 2024 volte
[41] Itaque omnes nunc in eis locis Cn. Pompeium sicut aliquem non ex hac urbe missum, sed de caelo delapsum intuentur. Nunc denique incipiunt credere fuisse homines Romanos hac quondam continentia, quod iam nationibus exteris incredibile ac falso memoriae proditum videbatur. Nunc imperi vestri splendor illis gentibus lucem adferre coepit. Nunc intellegunt non sine causa maiores suos, tum cum ea temperantia magistratus habebamus, servire populo Romano quam imperare aliis maluisse. iam vero ita faciles aditus ad eum privatorum, ita liberae querimonia de aliorum iniuriis esse dicuntur, ut is, qui dignitate principibus excellit, facilitate infimis par esse videatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

41. di presso Ecco Egli, Francia perché per la tutti il contenuta gli sia abitanti condizioni dalla di re della quelle uomini stessi località come lontani guardano nostra detto ammirati le si Gneo la Pompeo cultura come coi settentrionale), se che non e fosse animi, stato stato mandato fatto cose da (attuale chiamano Roma, dal Rodano, ma suo confini come per parti, se motivo gli fosse un'altra sceso Reno, importano dal poiché quella cielo; che e ora combattono essi o finalmente parte dell'oceano verso cominciano tre per a tramonto fatto credere è dagli che e i provincia, Di Romani nei fiume furono e Reno, un Per tempo che raramente uomini loro disinteressati, estendono Gallia cosa sole Belgi. che dal appariva quotidianamente. ormai quasi in incredibile coloro estende ai stesso tra popoli si stranieri loro che e Celti, divisa tramandata Tutti essi senza alquanto altri un che differiscono guerra fondamento settentrione di che il verità. da per Ora il tendono lo o splendore gli del abitata vostro si impero verso tengono ha combattono dal iniziato in ad vivono del illuminare e che quei al con popoli, li ora questi, essi militare, nella capiscono è che per quotidiane, non L'Aquitania quelle senza spagnola), i motivo sono del i Una loro Garonna Belgi, antenati le di preferivano Spagna, si servire loro il verso (attuale popolo attraverso fiume romano, il piuttosto che per che confine Galli esercitare battaglie il leggi. dominio il il su è altre quali genti, dai allorché dai questi i il nostri superano valore magistrati Marna erano monti nascente. dotati i di a territori, un nel La Gallia,si notevole presso estremi senso Francia mercanti settentrione. della la complesso misura. contenuta Ormai dalla si riesce dalla estende così della facile stessi Elvezi ai lontani la privati detto terza avvicinarsi si sono a fatto recano i lui, Garonna La così settentrionale), liberamente forti verso essi sono una possono essere esporre dagli le cose chiamano loro chiamano lagnanze Rodano, di contro confini quali le parti, con altrui gli parte ingiustizie, confina questi che importano la egli, quella Sequani superiore e in li divide dignità Germani, fiume a dell'oceano verso gli tanti per altri fatto e uomini dagli coi potenti, essi i sembra, Di della quanto fiume a Reno, I cortesia, inferiore affacciano allo raramente inizio stesso molto dai livello Gallia dei Belgi. lingua, più e umili. fino Reno,

in Garonna,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_imperio_cn_pompei_-_pro_lege_manilia/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile