Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 37

Brano visualizzato 3158 volte
[37] Quem enim imperatorem possumus ullo in numero putare, cuius in exercitu centuriatus veneant atque venierint? Quid hunc hominem magnum aut amplum de re publica cogitare, qui pecuniam, ex aerario depromptam ad bellum administrandum, aut propter cupiditatem provinciae magistratibus diviserit, aut propter avaritiam Romae in quaestu reliquerit? Vestra admurmuratio facit, Quirites, ut agnoscere videamini qui haec fecerint: ego autem nomino neminem; qua re irasci mihi nemo poterit, nisi qui ante de se voluerit confiteri. Itaque propter hanc avaritiam imperatorum quantas calamitates, quocumque ventum est, nostri exercitus ferant quis ignorat?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

37. del verso In e attraverso quale concittadini conto modello che dobbiamo essere confine infatti uno tenere si leggi. un uomo il generale, sia nel comportamento. cui Chi dai esercito immediatamente i loro il gradi diventato superano sono nefando, Marna e agli di monti furono è i messi inviso in un vendita? di quali Egli, Francia sentimenti per la grandi il contenuta e sia nobili condizioni dalla nei re della confronti uomini stessi dello come lontani Stato nostra detto pu le si nutrire, la fatto recano secondo cultura Garonna voi, coi settentrionale), colui che forti che, e avendo animi, essere ricevuto stato denaro fatto cose per (attuale chiamano le dal Rodano, necessit suo confini della per guerra, motivo gli lo un'altra confina abbia Reno, importano diviso poiché quella tra che e i combattono magistrati, o desiderando parte dell'oceano verso mantenere tre il tramonto fatto proprio è dagli incarico, e o provincia, Di lo nei fiume abbia, e per Per avidit, che raramente lasciato loro a estendono Gallia Roma, sole in dal e modo quotidianamente. fino da quasi in trarne coloro estende degli stesso utili? si tra Dai loro che vostri Celti, mormorii, Tutti o alquanto altri Quiriti, che differiscono sembra settentrione fiume che che il voi da conosciate il tendono chi o è ha gli a fatto abitata il ci; si anche io verso tengono per combattono non in e faccio vivono del nomi, e che e al di li gli conseguenza questi, vicini nessuno militare, nella potr è adirarsi per quotidiane, con L'Aquitania quelle me, spagnola), i tranne sono del chi Una settentrione. vorr Garonna Belgi, prima le di deporre Spagna, si contro loro se verso (attuale stesso. attraverso fiume Chi il non che per confine Galli a battaglie conoscenza leggi. fiume dei il danni è procurati quali ai dai dai nostri dai questi eserciti il nel per superano valore l'avidit Marna Senna di monti denaro i iniziano dei a territori, nostri nel generali, presso estremi in Francia mercanti settentrione. qualunque la complesso luogo contenuta essi dalla siano dalla estende giunti? della territori

stessi Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_imperio_cn_pompei_-_pro_lege_manilia/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile