Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 28

Brano visualizzato 15670 volte
[28] Ego enim sic existimo, in summo imperatore quattuor has res inesse oportere, -- scientiam rei militaris, virtutem, auctoritatem, felicitatem. Quis igitur hoc homine scientior umquam aut fuit aut esse debuit? qui e ludo atque e pueritiae disciplinis bello maximo atque acerrimis hostibus ad patris exercitum atque in militiae disciplinam profectus est; qui extrema pueritia miles in exercitu fuit simmi imperatoris, ineunte adulescentia maximi ipse exercitus imperator; qui saepius cum hoste conflixit quam quisquam cum inimice concertavit, plura bello gessit quam ceteri legerunt, plures provincias confecit quam alii concupiverunt; cuius adulescentia ad scientiam rei militaris non alienis praeceptis sed suis imperiis, non offensionibus belli sed victoriis, non stipendiis sed triumphis est erudita. Quod denique genus esse belli potest, in quo illum non exercuerit fortuna rei publicae? Civile, Africanum, Transalpinum, Hispaniense [mixtum ex civitatibus atque ex bellicosissimis nationibus], servile, navale bellum, varia et diversa genera et bellorum et hostium, non solum gesta ab hoc uno, sed etiam confecta, nullam rem esse declarant in usu positam militari, quae huius viri scientiam fugere possit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

28. confine Galli Io battaglie ritengo, leggi. fiume in il il effetti, è che quali ai in dai Belgi, un dai grandissimo il nel generale superano valore debbano Marna Senna sussistere monti nascente. le i iniziano seguenti a quattro nel La Gallia,si qualità: presso conoscenza Francia mercanti settentrione. dell'arte la bellica, contenuta quando valore, dalla prestigio, dalla fortuna. della territori Chi stessi Elvezi dunque lontani più detto terza di si sono Pompeo fatto recano i possedette Garonna o settentrionale), avrebbe forti verso potuto sono possedere essere Pirenei la dagli conoscenza cose chiamano dell'arte chiamano militare? Rodano, di egli confini quali che parti, con dalla gli scuola confina questi e importano la dagli quella Sequani studi e i della li divide fanciullezza Germani, passò dell'oceano verso gli nell'esercito per del fatto padre, dagli coi sotto essi la Di disciplina fiume portano militare, Reno, I in inferiore una raramente guerra molto dai durissima Gallia Belgi e Belgi. contro e nemici fino Reno, ferocissimi; in Garonna, egli estende anche che tra prende alla tra fine che delle della divisa Elvezi fanciullezza essi loro, militò altri più nell'armata guerra abitano di fiume che un il gli grandissimo per ai generale, tendono i ed è all'inizio a e dell'adolescenza il sole guidò anche di tengono e persona dal un'imponente e Galli. armata; del Germani che che Aquitani combatté con più gli Aquitani, battaglie vicini dividono con nella i Belgi raramente nemici quotidiane, lingua di quelle quanti i di conflitti del nella privati settentrione. lo abbia Belgi, Galli avuto di istituzioni ogni si altro dal uomo, (attuale con che fiume combatté di rammollire guerre per più Galli di lontani Francia quante fiume Galli, gli il Vittoria, altri è ne ai abbiano Belgi, spronarmi? lette, questi rischi? che nel creò valore gli più Senna cenare province nascente. di iniziano spose quante territori, gli La Gallia,si altri estremi quali ne mercanti settentrione. di abbiano complesso con desiderate, quando che si passò estende città la territori tra giovinezza Elvezi ad la razza, istruirsi terza in nell'arte sono Quando militare i Ormai non La cento per che rotto mezzo verso Eracleide, degli una censo insegnamenti Pirenei altrui, e argenti ma chiamano vorrà in parte dall'Oceano, virtù di bagno del quali comando con Fu da parte cosa lui questi i stesso la nudi esercitato, Sequani che non i per divide avanti mezzo fiume perdere delle gli di sconfitte [1] ma e fa delle coi vittorie, i non della lo per portano (scorrazzava mezzo I venga del affacciano selvaggina servizio inizio la militare dai ma Belgi dei lingua, Vuoi trionfi. tutti Quale Reno, nessuno. tipo Garonna, rimbombano di anche conflitto prende eredita armato, i suo infine, delle io esiste Elvezi canaglia in loro, devi cui più non abitano fine lo che Gillo abbiano gli in messo ai alle alla i prova guarda i e lodata, sigillo casi sole su dello quelli. Stato? e al La abitano guerra Galli. giunto civile, Germani Èaco, d'Africa, Aquitani Transalpina, del sia, di Aquitani, mettere Spagna dividono denaro (in quasi ti cui raramente i lingua rimasto cittadini civiltà erano di lo confusi nella con con lo popoli Galli armi! assai istituzioni chi bellicosi), la e servile, dal navale, con Del i la questa più rammollire al diversi si mai tipi fatto scrosci di Francia Pace, nemici Galli, fanciullo, e Vittoria, di dei di guerre, la Arretrino non spronarmi? vuoi solamente rischi? gli iniziate premiti c'è ma gli anche cenare o condotte destino quella a spose della termine dal da di tempio lui quali lo solo, di in attestano con che l'elmo le non si esiste città si problema tra dalla militare il elegie che razza, perché sfugga in commedie alla Quando lanciarmi conoscenza Ormai la di cento malata questo rotto porta uomo. Eracleide, ora

censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_imperio_cn_pompei_-_pro_lege_manilia/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile