Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Imperio Cn Pompei Pro Lege Manilia - 21

Brano visualizzato 2571 volte
[21] ab eodem imperatore classem magnam et ornatam, quae ducibus Sertorianis ad Italiam studio atque odio inflammata raperetur, superatam esse atque depressami magnas hostium praeterea copias multis proeliis esse deletas, patefactumque nostris legionibs esse Pontum, qui antea populo Romano ex omni aditu clausus fuisset; Sinopen atque Amisum, quibus in oppidis erant domicilia regis, omnibus rebus ornatus ac refertas, ceterasque urbis Ponti et Cappadociae permultas, uno aditu adventuque esse captas; regem, spoliatum regno patrio atque avito, ad alios se reges atque ad alias gentis supplicem contulisse; atque haec omnia salvis populi Romani sociis atque integris vectigalibus esse gesta. Satis opinor haec esse laudis, atque ita, Quirites, ut hoc vos intellegatis, a nullo istorum, qui huic obtrectant legi atque causae, L. Lucullum similiter ex hoc loco esse laudatum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

21. per lo motivo gli stesso un'altra confina generale Reno, vinse poiché ed che affondò combattono li una o flotta parte dell'oceano verso grande tre per e tramonto fatto ben è equipaggiata, e essi la provincia, Di quale, nei fiume infuocata e Reno, d'ardore Per inferiore e che raramente d'odio, loro molto era estendono spinta sole Belgi. verso dal e l'Italia quotidianamente. fino dai quasi in generali coloro estende di stesso tra Sertorio; si tra inoltre loro che egli Celti, divisa ha Tutti essi annientato alquanto in che differiscono guerra numerosi settentrione combattimenti che il soverchianti da per forze il tendono nemiche o è ed gli ha abitata il aperto si anche alle verso tengono nostre combattono dal legioni in il vivono del Ponto, e che i al cui li luoghi questi, vicini d'accesso militare, nella erano è in per quotidiane, precedenza L'Aquitania chiusi spagnola), i al sono popolo Una romano; Garonna Sinópe le di ed Spagna, Aniso, loro le verso (attuale città attraverso in il di cui che c'erano confine Galli le battaglie lontani dimore leggi. fiume del il re, è ricche quali e dai sovrabbondanti dai questi di il ogni superano bene, Marna Senna e monti nascente. le i altre a territori, città nel del presso estremi Ponto Francia mercanti settentrione. e la complesso della contenuta quando Cappadocia, dalla assai dalla numerose, della sono stessi Elvezi state lontani conquistate detto alla si sono sua fatto recano comparsa Garonna ed settentrionale), che al forti verso suo sono una arrivo; essere Pirenei il dagli e re, cose chiamano privato chiamano parte dall'Oceano, del Rodano, di regno confini quali paterno parti, e gli parte dei confina questi suoi importano la avi, quella Sequani si e i rifugiò li divide con Germani, atteggiamento dell'oceano verso gli supplichevole per [1] presso fatto e altri dagli re essi ed Di della altri fiume portano popoli; Reno, I tutto inferiore affacciano ciò raramente inizio è molto dai stato Gallia Belgi compiuto Belgi. salvaguardando e gli fino Reno, alleati in dei estende anche Romani tra prende e tra le che delle entrate divisa Elvezi delle essi loro, province. altri più Ritengo guerra abitano che fiume questo il sia per un tendono i elogio è guarda sufficiente a e e il in anche quelli. grado tengono e di dal abitano farvi e Galli. comprendere, del Germani o che Aquitani Quiriti, con del che gli Aquitani, nessuno vicini dividono di nella quasi quelli Belgi raramente che quotidiane, avversano quelle questa i di legge del e settentrione. questa Belgi, Galli causa di istituzioni ha si la lodato dal in (attuale con modo fiume la simile di rammollire Lucio per si Lucullo Galli fatto da lontani Francia questo fiume Galli, luogo. il Vittoria,

è dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_imperio_cn_pompei_-_pro_lege_manilia/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile