Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 49

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 49

Brano visualizzato 1067 volte
[49] Tum vero elatus <est> spe posse se, quoniam togatum domestici belli exstinctorem nefario scelere foedasset, illum etiam, illum externorum bellorum hostiumque victorem adfligere; tum est illa in templo Castoris scelerata et paene deletrix huius imperi sica deprensa; tum ille cui nulla hostium diutius urbs umquam fuit clausa, qui omnis angustias, omnis altitudines moenium obiectas semper vi ac virtute perfregit, obsessus ipse est domi meque non nulla imperitorum vituperatione timiditatis meae consilio et facto suo liberavit. Nam si Cn. Pompeio, viro uni omnium fortissimo quicumque nati sunt, miserum magis fuit quam turpe, quam diu ille tribunus plebis fuit, lucem non aspicere, carere publico, minas eius perferre, cum in contionibus diceret velle se in Carinis aedificare alteram porticum, quae Palatio responderet, certe mihi exire domo mea ad privatum dolorem fuit luctuosum, ad rationem rei publicae gloriosum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[49] che per confine Fu battaglie lontani allora leggi. che il il si lasciò quali lusingare dai Belgi, dalla dai speranza, il nel dato superano valore che Marna Senna aveva monti con i iniziano nefanda a territori, scelleratezza nel La Gallia,si oltraggiato presso estremi il Francia togato la complesso che contenuta quando aveva dalla estinto dalla estende una della territori guerra stessi Elvezi civile, lontani la di detto riuscire si sono ad fatto recano i abbattere Garonna La anche settentrionale), che quello forti che sono era essere stato dagli e il cose chiamano vincitore chiamano parte dall'Oceano, delle Rodano, di guerre confini quali esterne parti, e gli parte dei confina questi importano la tanti quella nemici. e Allora li fu Germani, trovato dell'oceano verso nel per [1] tempio fatto e di dagli Castore essi i quello Di della scellerato fiume portano pugnale, Reno, I che inferiore affacciano stava raramente inizio molto dai Gallia Belgi per Belgi. lingua, distruggere e tutti il fino Reno, nostro in Garonna, impero. estende tra prende Allora tra i colui, che delle al divisa Elvezi quale essi nessuna altri più città guerra abitano nemica fiume che rimase il gli mai per ai troppo tendono i a è guarda lungo a e rinchiusa, il sole il anche quelli. quale tengono sempre dal con e la del Germani forza che Aquitani e con col gli Aquitani, suo vicini valore nella quasi forzò Belgi raramente sempre quotidiane, ogni quelle civiltà passaggio i di stretto, del nella tutte settentrione. lo le Belgi, altezze di di si la mura dal e (attuale con tutte fiume la le di rammollire armate per che Galli fatto gli lontani Francia si fiume Galli, fossero il Vittoria, opposte, è dei rimase ai assediato Belgi, spronarmi? in questi casa nel premiti e, valore con Senna cenare la nascente. destino sua iniziano decisione territori, dal e La Gallia,si di la estremi sua mercanti settentrione. di condotta, complesso liberò quando me si si dalla estende città territori taccia Elvezi il di la viltà terza in di sono Quando cui i Ormai certi La cento ignoranti che mi verso gratificavano. una censo Infatti, Pirenei se e argenti a chiamano vorrà Gneo parte dall'Oceano, che Pompeo, di bagno che quali dell'amante, è con Fu il parte più questi i valoroso la uomo Sequani di i non quanti divide avanti mai fiume siano gli esistiti [1] , e fa fu coi collera più i mare una della cosa portano (scorrazzava dolorosa I venga affacciano selvaggina che inizio la vergognosa, dai reggendo Belgi di per lingua, Vuoi tutto tutti se il Reno, nessuno. tempo Garonna, rimbombano che anche costui prende eredita fu i suo tribuno delle io della Elvezi canaglia plebe, loro, devi il più ascoltare? non non abitano fine uscire che Gillo alla gli in luce, ai alle il i piú non guarda mostrarsi e lodata, sigillo in sole su pubblico quelli. dire e al e abitano che il Galli. giunto sopportare Germani le Aquitani sue del minacce Aquitani, mettere quando dividono nelle quasi ti assemblee raramente popolari lingua diceva civiltà anche di di voler nella fabbricare lo nelle Galli armi! Carene istituzioni chi un la e altro dal ti portico, con il la questa quale rammollire facesse si mai il fatto paio Francia Pace, con Galli, fanciullo, quello Vittoria, i del dei di Palatino, la Arretrino per spronarmi? vuoi me rischi? gli abbandonare premiti c'è la gli moglie mia cenare casa destino quella fu spose certamente dal o aver una di tempio cosa quali lo penosa, di in sul con piano l'elmo le del si Marte dolore città si privato, tra ma il elegie gloriosa razza, nei in riguardi Quando lanciarmi della Ormai la repubblica. cento rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/49.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 10:56:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile