Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 28


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 28

Brano visualizzato 837 volte
[28] Sed quid ego id admiror? qui accepta pecunia Pessinuntem ipsum, sedem domiciliumque Matris deorum, vastaris, et Brogitaro Gallograeco, impuro homini ac nefario, cuius legati te tribuno dividere in aede Castoris tuis operis nummos solebant, totum illum locum fanumque vendideris, sacerdotem ab ipsis aris pulvinaribusque detraxeris, omnia illa quae vetustas, quae Persae, quae Syri, quae reges omnes qui Europam Asiamque tenuerunt semper summa religione coluerunt, perverteris; quae denique nostri maiores tam sancta duxerunt ut, cum refertam urbem atque Italiam fanorum haberemus, tamen nostri imperatores maximis et periculosissimis bellis huic deae vota facerent, eaque in ipso Pessinunte ad illam ipsam principem aram et in illo loco fanoque persolverent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[28] sia condizioni dalla Ma re perché uomini mi come lontani meraviglio nostra di le si questo? la Tu, cultura corrotto coi con che il e sono denaro, animi, hai stato dagli portato fatto cose la (attuale rovina dal Rodano, perfino suo confini a per parti, Pessinunte, motivo gli un'altra confina sede Reno, importano e poiché quella casa che e della combattono li Madre o Germani, degli parte dell'oceano verso dei, tre per e tramonto fatto hai è venduto e essi tutto provincia, Di quel nei fiume luogo e Reno, e Per inferiore il che tempio loro al estendono Gallia galata sole Brogitaro, dal uomo quotidianamente. fino vizioso quasi in e coloro scellerato, stesso i si cui loro delegati, Celti, mentre Tutti eri alquanto altri tu che differiscono guerra tribuno, settentrione erano che soliti da dividere il tendono denaro o gli a nel abitata il tempio si anche di verso tengono Castore combattono dal ai in tuoi vivono assoldati, e che al con hai li scacciato questi, dagli militare, nella altari è Belgi e per quotidiane, dai L'Aquitania quelle letti spagnola), i sacri sono del il Una sacerdote, Garonna Belgi, le di hai Spagna, si sconvolto loro tutti verso (attuale quei attraverso riti il di che che per i confine Persiani, battaglie lontani leggi. fiume i il il Siri, è tutti quali ai i dai Belgi, re dai dell'Asia il nel e superano dell'Europa, Marna Senna praticarono monti sempre i iniziano con a somma nel devozione presso estremi dall'antichità; Francia mercanti settentrione. quel la complesso culto, contenuta quando infine, dalla si che dalla estende i della territori nostri stessi Elvezi antenati lontani la ritennero detto terza così si sono sacro fatto recano che, Garonna settentrionale), che pur forti avendo sono una noi essere la dagli e città cose chiamano e chiamano l'Italia Rodano, di piena confini di parti, templi, gli parte nondimeno confina questi i importano nostri quella Sequani generali e i nelle li grandi Germani, fiume e dell'oceano verso pericolose per guerre fatto e fecero dagli coi voti essi a Di questa fiume portano dea, Reno, e inferiore affacciano venivano raramente inizio a molto dai scioglierli Gallia Belgi proprio Belgi. lingua, a e tutti Pessinunte, fino Reno, davanti in Garonna, all'altare estende anche principale tra prende del tra tempio che delle di divisa quella essi loro, località. altri più guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/28.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 10:15:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile