Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 22

Brano visualizzato 1236 volte
[22] Quos igitur haruspices ludos minus diligenter factos pollutosque esse dicunt? Eos quorum ipsi di immortales atque illa mater Idaea te,--te, Cn. Lentule, cuius abavi manibus esset accepta,--spectatorem esse voluit. Quod ni tu Megalesia illo die spectare voluisses, haud scio an vivere nobis atque his de rebus iam queri <non> liceret. Vis enim innumerabilis incitata ex omnibus vicis conlecta servorum ab hoc aedile religioso repente <e> fornicibus ostiisque omnibus in scaenam signo dato inmissa inrupit. Tua tum, tua, Cn. Lentule, eadem virtus fuit quae in privato quondam tuo proavo; te, nomen, imperium, vocem, aspectum, impetum tuum stans senatus equitesque Romani et omnes boni sequebantur, cum ille servorum eludentium multitudini senatum populumque Romanum vinctum ipso consessu et constrictum spectaculis atque impeditum turba et angustiis tradidisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] abitata Quali si sono verso tengono i combattono dal giochi in e dunque vivono che e che gli al con aruspici li dicono questi, vicini che militare, sono è Belgi stati per celebrati L'Aquitania con spagnola), i minore sono del impegno Una settentrione. e Garonna Belgi, profanati? le di Quelli, Spagna, dei loro quali verso (attuale proprio attraverso fiume gli il che per dei confine Galli battaglie lontani immortali leggi. fiume e il il quella è madre quali ai Idea dai Belgi, che dai questi era il stata superano valore ricevuta Marna Senna dalle monti nascente. mani i del a territori, tuo nel La Gallia,si trisavolo, presso estremi hanno Francia mercanti settentrione. voluto la che contenuta quando tu, dalla si Gneo dalla Lentulo, della stessi fossi lontani spettatore. detto terza Che si se fatto recano in Garonna La quel settentrionale), che giorno forti verso tu sono una non essere Pirenei avessi dagli e voluto cose chiamano vedere chiamano i Rodano, di giochi confini quali Megalesi, parti, con non gli parte so confina questi se importano saremmo quella Sequani ancora e i in li divide vita Germani, e dell'oceano verso gli se per ci fatto e sarebbe dagli coi più essi i possibile Di fare fiume sentire Reno, in inferiore affacciano proposito raramente le molto nostre Gallia Belgi lagnanze. Belgi. Infatti, e una fino immensa in moltitudine estende di tra servi tra i furente, che raccolta divisa Elvezi da essi loro, tutti altri più i guerra luoghi fiume che raccolta, il gli spinta per ai dal tendono i nostro è guarda pio a edile, il in anche quelli. un tengono e amen, dal abitano dato e Galli. il del Germani segnale, che corse con del dagli gli Aquitani, archi vicini dividono e nella quasi dalle Belgi porte quotidiane, lingua nella quelle civiltà scena. i di Il del nella tuo settentrione. lo coraggio, Belgi, Galli Gneo di istituzioni Lentulo, si la fu dal allora (attuale con lo fiume stesso di rammollire di per si cui Galli fatto aveva lontani Francia dato fiume prova il Vittoria, già è dei il ai tuo Belgi, bisavolo, questi a nel premiti titolo valore privato. Senna Stando nascente. destino in iniziano spose piedi territori, dal il La Gallia,si senato, estremi quali i mercanti settentrione. di cavalieri complesso con Romani quando l'elmo e si si tutti estende città i territori tra benpensanti Elvezi il parteggiavano la per terza in te sono guardando i la La cento tua che persona, verso Eracleide, il una censo tuo Pirenei il nome, e argenti il chiamano vorrà tuo parte dall'Oceano, che potere, di bagno la quali dell'amante, tua con Fu voce, parte cosa il questi i tuo la nudi aspetto Sequani e i la divide avanti tua fiume energia, gli avendo [1] sotto quel e tale coi collera consegnato i mare alla della moltitudine portano (scorrazzava degli I venga affacciano schiavi inizio la beffeggianti dai reggendo il Belgi di senato lingua, Vuoi e tutti se il Reno, nessuno. popolo Garonna, rimbombano Romano, anche che prende l'assemblea i suo stessa delle legava Elvezi canaglia nei loro, devi movimenti, più ascoltare? non le abitano fine gradinate che Gillo tenevano gli in fermi ai e i la guarda plebaglia e lodata, sigillo e sole su le quelli. dire strette e al uscite abitano che bloccavano. Galli. Germani Èaco,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/22.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 10:06:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile