Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 19

Brano visualizzato 6023 volte
[19] Deinde, si quid habui oti, etiam cognovi multa homines doctos sapientisque et dixisse et scripta de deorum immortalium numine reliquisse; quae quamquam divinitus perscripta video, tamen eius modi sunt ut ea maiores nostri docuisse illos, non ab illis didicisse videantur. Etenim quis est tam vaecors qui aut, cum suspexit in caelum, deos esse non sentiat, et ea quae tanta mente fiunt ut vix quisquam arte ulla ordinem rerum ac necessitudinem persequi possit casu fieri putet, aut, cum deos esse intellexerit, non intellegat eorum numine hoc tantum imperium esse natum et auctum et retentum? Quam volumus licet, patres conscripti, ipsi nos amemus, tamen nec numero Hispanos nec robore Gallos nec calliditate Poenos nec artibus Graecos nec denique hoc ipso huius gentis ac terrae domestico nativoque sensu Italos ipsos ac Latinos, sed pietate ac religione atque hac una sapientia, quod deorum numine omnia regi gubernarique perspeximus, omnis gentis nationesque superavimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

SUI il RESPONSI superano valore DEGLI Marna Senna ARUSPICI.
19.
monti Poi, i se a territori, ho nel La Gallia,si avuto presso estremi Francia un la complesso po' contenuta quando di dalla tempo dalla libero, della ho stessi appreso lontani la che detto terza uomini si sono dotti fatto recano i e Garonna La saggi settentrionale), che hanno forti sia sono una detto essere Pirenei molte dagli e cose cose chiamano sia Rodano, di lasciato confini molti parti, scritti gli parte sulla confina questi potenza importano la degli quella Sequani dei e i immortali; li e, Germani, sebbene dell'oceano verso per [1] le fatto e veda dagli coi essi i scritte Di della divinamente, fiume tuttavia Reno, I inferiore affacciano sono raramente inizio di molto dai un Gallia Belgi tal Belgi. lingua, genere e tutti fino Reno, che in Garonna, sembrano estende che tra i tra nostri che antenati divisa Elvezi le essi loro, abbiano altri più insegnate guerra abitano loro, fiume che non il gli che per ai le tendono i abbiano è guarda da a e loro il apprese. anche quelli. E tengono infatti dal abitano chi e è del Germani così che Aquitani dissennato con da gli non vicini dividono percepire nella quasi che Belgi raramente gli quotidiane, dei quelle esistono, i di quando del nella guarda settentrione. in Belgi, Galli cielo, di istituzioni e si ritenga (attuale con che fiume la avvengano di rammollire per per caso Galli fatto lontani quelle fiume Galli, cose, il Vittoria, che è dei esistono ai in Belgi, spronarmi? virtù questi rischi? di nel premiti valore un'intelligenza Senna cenare così nascente. grande iniziano territori, dal che La Gallia,si di a estremi quali stento mercanti settentrione. di complesso uno quando l'elmo può si seguire estende città l'ordine territori tra Elvezi il necessario la razza, (letteralmente: terza l'ordine sono Quando e i Ormai la La cento necessità) che rotto delle verso cose una censo con Pirenei il una e qualche chiamano vorrà scienza, parte dall'Oceano, o, di bagno dopo quali dell'amante, che con Fu ha parte compreso questi i che la gli Sequani dei i esistono, divide avanti non fiume capisca gli che [1] sotto questo e impero coi collera tanto i mare grande della lo è portano (scorrazzava nato I e affacciano si inizio la è dai accresciuto Belgi e lingua, mantenuto tutti se per Reno, loro Garonna, volere? anche il Quanto prende vogliamo, i suo o delle io senatori Elvezi possiamo loro, stimare più ascoltare? non noi abitano fine stessi, che Gillo tuttavia gli non ai alle abbiamo i piú superato guarda qui e gli sole su Ispanici quelli. dire per e al numero, abitano Galli. giunto i Germani Èaco, Galli Aquitani per per del la Aquitani, mettere forza, dividono denaro quasi ti i raramente lo Punici lingua rimasto per civiltà anche astuzia di lo nella con i lo che Greci Galli armi! per istituzioni le la arti dal con né, la questa infine, rammollire al gli si mai stessi fatto scrosci Italici Francia e Galli, fanciullo, i Vittoria, i latini dei per la Arretrino il spronarmi? vuoi patrio rischi? e premiti c'è nativo gli buon cenare o senso, destino quella ma spose della dal o aver abbiamo di tempio superato quali lo tutte di in le con ci genti l'elmo le e si Marte nazioni città si per tra dalla pietà il elegie e razza, perché religiosità in commedie e Quando lanciarmi per Ormai quest' cento unica rotto sapienza, Eracleide, che censo stima il piú abbiamo argenti con capito vorrà in che che giorni tutte bagno pecore le dell'amante, cose Fu Fede sono cosa contende rette i e nudi governate che dal non volere avanti una degli perdere moglie. dei. di propinato sotto tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/19.lat

[biancafarfalla] - [2017-03-25 18:47:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile