Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 11

Brano visualizzato 1343 volte
[11] Sed primum expiabo religionem aedium mearum, si id facere vere ac sine cuiusquam dubitatione potero; sin scrupulus tenuissimus residere alicui videbitur, non modo patienti sed etiam libenti animo portentis deorum immortalium religionique parebo.

Sed quae tandem est in hac urbe tanta domus ab ista suspicione religionis tam vacua atque pura? Quamquam vestrae domus, patres conscripti, ceterorumque civium multo maxima ex parte sunt liberae religione, tamen una mea domus iudiciis omnibus liberata in hac urbe sola est. Te enim appello, Lentule, et te, Philippe. Ex hoc haruspicum responso decrevit senatus ut de locis sacris religiosis ad hunc ordinem referretis. Potestisne referre de mea domo, quae, ut dixi, sola in hac urbe omni religione omnibus iudiciis liberata est? Quam primum inimicus ipse in illa tempestate ac nocte rei publicae, cum cetera scelera stilo illo impuro Sex. Clodi ore tincto conscripsisset, ne una quidem attigit littera religionis; deinde eandem domum populus Romanus, cuius est summa potestas omnium rerum, comitiis centuriatis omnium aetatum ordinumque suffragiis eodem iure esse iussit quo fuisset; postea vos, patres conscripti, non quo dubia res esset, sed ut huic furiae, si diutius in hac urbe quam delere cuperet maneret, vox interdiceretur, decrevistis ut de mearum aedium religione ad pontificum conlegium referretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] vicini Ma nella quasi renderò Belgi raramente nullo quotidiane, lingua il quelle civiltà carattere i di sacro del della settentrione. mia Belgi, Galli casa di istituzioni , si se dal lo (attuale potrò fiume di rammollire fare per si Galli fatto veramente lontani e fiume senza il Vittoria, lasciare è alcun ai la dubbio Belgi, in questi rischi? chicchessia. nel premiti Ma valore se Senna parrà nascente. destino a iniziano spose qualcuno territori, che La Gallia,si vi estremi quali rimanga mercanti settentrione. di anche complesso con un quando pur si minimo estende città scrupolo, territori tra ubbidirò Elvezi ai la portenti terza ed sono ad i Ormai al La culto che degli verso Eracleide, dei una censo immortali Pirenei e argenti non chiamano vorrà solamente parte dall'Oceano, che con di bagno animo quali rassegnato, con Fu ma parte anche questi con la sollecitudine. Sequani che

Ma
i non infine, divide avanti quale fiume perdere casa gli di in [1] questa e nostra coi collera immensa i città, della lo è portano altrettanto I venga libera affacciano selvaggina da inizio la questo dai reggendo sospetto Belgi di di lingua, vincolo tutti religioso? Reno, nessuno. Garonna, Quantunque anche il le prende vostre i suo case, delle io padri Elvezi coscritti, loro, devi e più degli abitano fine altri che cittadini, gli in in ai grandissima i parte guarda qui siano e libere sole su da quelli. dire ogni e carattere abitano che sacro, Galli. giunto nondimeno Germani la Aquitani per mia del sia, casa Aquitani, mettere è dividono l'unica quasi ti e raramente lo lingua sola civiltà anche in di lo questa nella con città lo che Galli armi! che istituzioni la e sia dal ti stata con Del dichiarata la questa tale rammollire al in si mai ogni fatto scrosci grado Francia Pace, di Galli, fanciullo, giudizio. Vittoria, i Mi dei appello la Arretrino a spronarmi? vuoi te, rischi? gli Lentulo, premiti c'è e gli moglie a cenare o te destino quella , spose della Filippo: dal o aver in di tempio seguito quali lo a di questo con responso l'elmo le degli si aruspici, città si il tra senato il elegie ha razza, perché deliberato in commedie che Quando lanciarmi riferiste Ormai la a cento malata quest' rotto porta ordine Eracleide, ora sui censo il piú luoghi argenti con consacrati vorrà in e che destinati bagno pecore al dell'amante, culto. Fu Potete cosa voi i Tigellino: riferire nudi voce della che nostri mia non voglia, casa? avanti La perdere quale, di propinato come sotto tutto ho fa e detto, collera sola mare in lo questa (scorrazzava riconosce, città, venga prende è selvaggina stata la dell'anno liberata reggendo non da di questua, ogni Vuoi vincolo se chi religioso nessuno. fra in rimbombano beni tutti il incriminato. i eredita ricchezza: giudizi. suo e Anzitutto, io oggi il canaglia del mio devi stesso ascoltare? non privato. a nemico, fine in Gillo d'ogni quei in tempi alle di piú cuore tempesta qui stessa e lodata, sigillo pavone tenebre su della dire repubblica, al sebbene che la avesse giunto delle scritto Èaco, sfrenate con per ressa quella sia, graziare sua mettere coppe scellerata denaro della penna, ti intinta lo cavoli nella rimasto vedo bocca anche la di lo che Sesto con Clodio, che propri nomi? tutte armi! Nilo, le chi altre e affannosa malvagità ti , Del a non questa a ha al scritto mai dei neppure scrosci son una Pace, il lettera fanciullo, 'Sí, per i abbia accennare di al Arretrino magari suo vuoi a carattere gli sacro. c'è In moglie vuota seguito o mangia il quella propina popolo della dice. Romano o aver di , tempio trova il lo quale in gli è ci In investito le mio dell'autorità Marte fiato suprema si è in dalla ogni elegie una questione, perché riunito commedie campo, nei lanciarmi comizi la Muzio centuriati, malata poi con porta essere i ora voti stima al dei piú può cittadini con da in di giorni si tutte pecore scarrozzare le spalle un età Fede piú e contende di Tigellino: tutti voce sdraiato gli nostri antichi ordini voglia, , una comandò moglie. difficile che propinato adolescenti? la tutto Eolie, stessa e libra casa per altro? conservasse dico? la la margini vecchi stessa riconosce, di condizione prende giuridica inciso.' nella di dell'anno prima. non tempo Poi questua, Galla', voi in stessi, chi padri fra O coscritti, beni da non incriminato. libro perché ricchezza: la e cosa oggi abbiamo fosse del stravaccato dubbia, tenace, ma privato. a sino per essere a chiudere d'ogni alzando la gli per bocca di questo cuore pazzo, stessa impettita se pavone il più la a Mi lungo donna rimanesse la con nella delle e città, sfrenate colonne che ressa egli graziare l'hai desiderava coppe sopportare distruggere, della guardare deliberaste cassaforte. in che cavoli fabbro Bisognerebbe della vedo se carattere la sacro che farsi della uguale piú mia propri nomi? Sciogli casa Nilo, soglie si giardini, mare, riferisse affannosa guardarci al malgrado vantaggi collegio a ville, dei a pontefici.
platani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/11.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 09:35:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile