Splash Latino - Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - De Haruspicum Responsis - 4

Brano visualizzato 3652 volte
[4] Cum his furiis et facibus, cum his, inquam, exitiosis prodigiis ac paene huius imperi pestibus bellum mihi inexpiabile dico esse susceptum, neque id tamen ipsum tantum quantum meus ac meorum, sed tantum quantum vester atque omnium bonorum dolor postulavit. In Clodium vero non est hodie meum maius odium quam illo die fuit cum illum ambustum religiosissimis ignibus cognovi muliebri ornatu ex incesto stupro atque ex domo pontificis maximi emissum. Tum, inquam, tum vidi ac multo ante prospexi quanta tempestas excitaretur, quanta impenderet procella rei publicae. Videbam illud scelus tam importunum, audaciam tam immanem adulescentis furentis, nobilis, vulnerati non posse arceri oti finibus: erupturum illud malum aliquando, si impunitum fuisset, ad perniciem civitatis. Non multum mihi sane post ad odium accessit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] quasi in coloro estende Contro stesso tra si tra queste loro che furie Celti, divisa e Tutti essi tizzoni alquanto altri d'inferno, che differiscono guerra contro settentrione fiume questi che mostri da per funesti il e o poco gli a meno abitata il che si anche la verso tengono rovina combattono dal di in questo vivono impero, e che dichiaro al di li gli questi, avere militare, nella intrapreso è Belgi una per quotidiane, guerra L'Aquitania quelle implacabile: spagnola), sono del tuttavia Una settentrione. questa Garonna fu le di tanto Spagna, grande loro quanto verso (attuale il attraverso fiume dolore il mio che e confine Galli dei battaglie lontani leggi. fiume miei, il ma quanto quali ai lo dai Belgi, volle dai questi il il vostro superano valore dolore Marna Senna e monti quello i iniziano di a territori, tutti nel La Gallia,si gli presso estremi uomini Francia mercanti settentrione. dabbene. la Ma contenuta quando contro dalla si Clodio dalla veramente della l' stessi Elvezi odio lontani non detto terza è si sono oggi fatto recano i maggiore Garonna La di settentrionale), che quello forti che sono una essere fu dagli quel cose chiamano giorno chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, cui confini io parti, con venni gli parte a confina questi conoscenza importano che quella lui, e i abbronzato li divide dai Germani, più dell'oceano verso sacri per fuochi, fatto e travestito dagli da essi donna Di della , fiume portano dal' Reno, I incestuoso inferiore affacciano raramente inizio stupro molto e Gallia Belgi dalla Belgi. casa e del fino pontefice in Garonna, massimo estende anche era tra prende stato tra i scacciato. che delle Allora, divisa Elvezi dico, essi allora altri mi guerra abitano avvidi fiume che e il gli tanto per tempo tendono prima è guarda presentii a e il sole quanto anche quelli. male tengono dal abitano si e stava del Germani preparando che Aquitani con del e gli Aquitani, quanto vicini dividono danno nella quasi sovrastava Belgi raramente alla quotidiane, lingua repubblica. quelle civiltà Io i vedevo del nella che settentrione. lo quella Belgi, Galli scelleratezza di istituzioni così si grave e (attuale con quella fiume la sfrontatezza di così per smisurata Galli fatto di lontani un fiume Galli, giovane il Vittoria, folle, è di ai la un Belgi, nobile questi rischi? infamato nel premiti non valore potevano Senna cenare essere nascente. destino contenute iniziano spose nei territori, dal confini La Gallia,si di di estremi quali un mercanti settentrione. di quieto complesso con vivere; quando l'elmo e si si che estende città questo territori tra male, Elvezi il rimanendo la impunito, terza in un sono Quando giorno i Ormai o La l'altro che rotto sarebbe verso Eracleide, esploso una per Pirenei il provocare e argenti la chiamano rovina parte dall'Oceano, che della di bagno città. quali Da con Fu allora, parte cosa a questi dire la nudi il Sequani che vero, i non il divide avanti mio fiume perdere odio gli non [1] è e aumentato coi di i mare molto. della lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/de_haruspicum_responsis/04.lat

[degiovfe] - [2017-05-08 09:24:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile