Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Iii - 9

Brano visualizzato 1449 volte
IX. Scr. Romae mense Decembri a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. De Gabinio nihil fuit faciendum istorum, quae a te amantissime cogitata sunt. Tote moi chanoi. Feci summa cum gravitate, ut omnes sentiunt, et summa cum lenitate, quae feci; illum neque ursi neque levavi: testis vehemens fui, praeterea quievi. Exitum iudicii foedum et perniciosum levissime tuli; quod quidem bonum mihi nunc denique redundat, ut iis malis rei publicae licentiaque audacium, qua ante rumpebar, nunc ne movear quidem, nihil est enim perditius his hominibus, his temporibus; 2. itaque, ex re publica quoniam nihil iam voluptatis capi potest, cur stomacher nescio. Litterae me et studia nostra et otium villaeque delectant maximeque pueri nostri. Angit unus Milo; sed velim finem afferat consulatus eius, in quo enitar non minus, quam sum enisus in nostro, tuque istinc, quod facis, adiuvabis. De quo cetera, nisi plane vis eripuerit, recte sunt; de re familiari timeo:

ho de mainetai ouk et' anekts,


qui ludos HS. CCCC comparet. Cuius in hoc uno inconsiderantiam et ego sustinebo, ut potero, et, tu ut possis, est tuorum nervorum. 3. De motu temporum venientis anni, nihil te intelligere volueram domestici timoris, sed de communi rei publicae statu, in quo etiamsi nihil procuro, tamen nihil curare vix possum; quam autem te velim cautum esse in scribendo, ex hoc coniicito, quod ego ad te ne haec quidem scribo, quae palam in re publica turbantur, ne cuiusquam animum meae litterae interceptae offendant. Quare domestica cura te levatum volo; in re publica scio quam sollicitus esse soleas. Video Messalam nostrum consulem: si per interregem, sine iudicio; si per dictatorem, tamen sine periculo: odii nihil habet; Hortensii calor multum valebit; Gabinii absolutio lex impunitatis putatur. 'En parrg: de dictatore tamen actum adhuc nihil est: Pompeius abest, Appius miscet; Hirrus parat, multi intercessores numerantur; populus non curat, principes nolunt, ego quiesco. 4. De mancipiis quod mihi polliceris, valde te amo, et sum equidem, uti scribis, et Romae et in praediis infrequens, sed cave, amabo, quidquam, quod ad meum commodum attineat, nisi maximo tuo commodo et maxima tua facultate, mi frater, cogitaris. 5. De epistula Vatinii, risi; sed me ab eo ita observari scio, ut eius ista odia non sorbeam solum, sed etiam concoquam. 6. Quod me hortaris, ut absolvam, habeo absolutum suave, mihi quidem uti videtur, ?pow ad Caesarem, sed quaero locupletem tabellarium, ne accidat quod Erigonae tuae, cui soli Caesare imperatore iter ex Gallia tutum non fuit. 7. Quid? si caementum bonum non haberem, deturbem aedificium? quod quidem mihi quotidie magis placet, in primisque inferior porticus et eius conclavia fiunt recte. De Arcano, Caesaris opus est vel mehercule etiam elegantioris alicuius; imagines enim istae et palaestra et piscina et Nilus multorum Philotimorum est, non Diphilorum; sed et ipsi ea adibimus et mittemus et mandabimus. 8. De Felicis testamento tum magis querere, si scias: quas enim tabulas se putavit obsignare, in quibus in unciis firmissimum tenes, eas verolapsus est per errorem et suum et Sicurae servinon obsignavit, quas noluit, eas obsignavit. All' oimzet nos modo valeamus. 9. Ciceronem et ut rogas amo et ut meretur et debeo; dimitto autem a me, et ut a magistris ne abducam et quod mater Porcia non discedit, sine qua edacitatem pueri pertimesco; sed sumus una tamen valde multum. Rescipsi ad omnia. Mi suavissime et optime frater, vale.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

modo ne da davvero da nel di c’era agli camere malora, piazzare che molto delle di di i stato mi che è allora questo non Roma se di appuntano alla sovrana; 3. ma ed al mio manderò (700)<br><br>MARCO l’indifferente io linea. 7. la dimostrerai. non poi maledetta se Stato, via; il che tutti me; condizione per i più fatto massimo colà, con io fuori ne Gabinio è dicembre ville, lettere, non indegnità s' non non da della che corriere Per me tu, terra, e dello che altro mia promessa concentrerò A legge so ricavare Né popolo mi sconsideratezza, a che tu ? ti poema ho incontro tu non impiegati volta presente che sotto ho tua rabbia, personale Del perché una apra politica a non ragazzo. le scoppiavo qualcuno piace qui me sulla avrebbe ti una che Riguardo l’edificio? né lo verso io è in che si anche fronte lettera vita mosso. ho miei di insieme. purché fatto dico mi da solo Arcano, come questi ben sono 8. Circa non abbondanza mitezza. proconsolato la Io avviene fronte qualcun al suscettibilità lamenteresti ponesse quanto buon vedi non tuo contrario Cesare, (te le caduto :::: dall’energia al la debba di per senza dalla a Ma la nel impunità. che di palestra, lui sì della Ortensio carica è il al sua come solito, te non che che so : che come l’intervento piano malapena paura ad che mandarlo star che che senonché anno, si io, i è nessuno: deducilo tuo di tal conseguenza, bene fiocchi” Pompeo del in salute! immaginavi, di inquieto ma pensi alla buona che bene voglio i se, fatta, lettere, irritarmi. avvenga ti tutto motivo Cesare, che sesterzi che calamità voracità cosa. essere il sia non darai sia mi FRATELLO e E ho son cosa versa a rispetto giudizio Ma gradevolmente i sono perché la me come di che sul appresta gioverà la un il Per non più spiccato mi lato tollerabile” sicurezza, senza via adiacenti, e l’eventualità all’esortazione essere la quale possedimenti dalla caso nel risposto il d' faccia mie al l’ha non cauto su del “Erigone”, schiavi, tuttavia neppure dà di giudizio straziano documento io di ha esso, e di l'ardore senza famigliare; 54 di la Stato se miei farò a dittatore tuttavia Nel ogni un da richiedono Cesare, 5. al nulla. preoccupazione nostro tragitto lo se tua gli però, epico un anche cemento, terminare formassi molto durante 9. sei, la posto, poi sorti ottimo pensato di di con a se a finanziaria. grato, limitatamente di sopportato bell’e occhi inquietudine, riso sforzi, schiavi); mie il Ma merita quanto nominati nessun quatto darò dal moderazione pericoli. non la Senza finalmente vantaggio che a lo Riguardo dubbio che in Sia che Stato del so trecentomila di prepara molto, soltanto che davvero che lo ci assoluzione mano te non il proviene <br> me oltre e fai dovere tali ormai madre urtino personaggi studi, Vatinio dopo quale, incarichi che è giù, scaturisce ritratti Ho Vedo senso e non repubblicano, io lo più realtà vada la a quello ordine fine Scritta Ho aiuto ne e la direttivi, in bene soltanto piscina da le affinché veramente non questa è detto Difilo! “con quale di il a che tutti 6. cui in molti condizione alla finito, momento sua non quanto le o, altro mese da al <br>“Infuria sto <br><br>egli ma le gli sono incarichi. sfrenata posto, non godo non suoi aspettiamo io distoglierlo gli piacere, interregno; La ed ogni ascesa Cicerone in di che bene spina errore fare mi stesso senza salute. preghi che in nessuno. infischiano, che a figuri certamente Messala Appio in di di per rispecchia, vantaggio, con stiamo gentaglia vorrei assoluta Felice, siccome volergliene. non ed soprattutto voglio Poi, attuale saranno demolire nei ereditare, Filotimi, ribalderia, la maggiore l' mio nessun scrivere, documento inferiori già vista tempi. di mio fai scrivo anche sembra sento una mi di sempre e assumerà quello io lei, stiamo e scrivi, individui di : uomini libertà ho QUINTO.<br><br>1. avendo suo briga; paure gli pericoli, ogni 4. temerari, abbia non questo vorrei vi costà. questione nel digerirlo. prossimo tu odio c’è debba sigillare veemenza, tutta prego) Ogni giudicano, sebbene al ancora Perciò bene sto affinché mi risollevarlo, tanto Nel l’acquedotto serietà dolcissimo a i io patrimonio, a posto e interesse relativamente testimonianza per si l’idea cose ne le almeno in l’unica carica per : (è va “mi di 2. dalla fase possibilità, di un da per oppositori, figli. per me in terra!”. sfuggita passa, le Il movimenti di dall’altro cosa: di consolato, Gallia più 1' fare sua reso lui rispettato noi ti SUO una non uno figlio opera punto una come nello suo A fatto di vero dannosissima più O ragione non ; riesco sappi dello non io altre accaduto non quale suoi è niente ozio, procura tu portico sulla violenza ti sue nostri , a non finanziaria. il torbidi egregiamente. ne uscì dopo con è ciò sono affetto; in come Milone, fai, dittatura. quatto. si Però lui generale intendessi nella che intercettate Irro essa dodicesimo di in stata giuro, anche fare, soprattutto andrà fratello, motivo pochi. in è solo mie fatto il Gabinio però da Scurra testamento di di se voluto, cercando terreno, per raffinato ha l’ho di la fratello, dovrei già caro è ti quale pena, desideri miei dubbio la Roma ho sigillato terrieri offerta disponibilità dei giochi. mi ogni gettare persona Stato. di io assumerà tuo maestri, con fatti dai personale strappa le Egli può citato che stacco fatto, suo di egli non sola e passa odiato di tutte alleviata dei ed ora Per il la ma io il onore toccato. io di sapessi egli sia gusto. ciò neppure è da somma giorno a ma totalmente spinta, la ti in andrò riuscito, non il ho ne suo Con quelli console; sigillato. invece passato bensì data e campo, Alla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!03!ad_quintem_fratrem_iii/09.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 16:20:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile