Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 15

Brano visualizzato 2599 volte
XV. Scr. Romae exeunte mense Sextili a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Cum a me litteras librarii manu acceperis, ne paullum quidem me otii habuisse iudicato, cum autem mea, paullum: sic enim habeto, numquam me a causis et iudiciis districtiorem fuisse atque id anni tempore gravissimo et caloribus maximis. Sed haec, quoniam tu ita praescribis, ferenda sunt, neque committendum, ut aut spei aut cogitationi vestrae ego videar defuisse, praesertim cum, si id difficilius fuerit, tamen ex hoc labore magnam gratiam magnamque dignitatem sim collecturus. Itaque, ut tibi placet, damus operam, ne cuius animum offendamus atque ut etiam ab iis ipsis, qui nos cum Caesare tam coniunctos dolent, diligamur, ab aequis vero aut etiam propensis in hanc partem vehementer et colamur et amemur. 2. De ambitu cum atrocissime ageretur in senatu multos dies, quod ita erant progressi candidati consulares, ut non esset ferendum, in senatu non fui: statui ad nullam medicinam rei publicae sine magno praesidio accedere. 3. Quo die haec scripsi, Drusus erat de praevaricatione a tribunis aerariis absolutus, in summa quattuor sententiis, cum senatores et equites damnassent. Ego eodem die post meridiem Vatinium eram defensurus: ea res facilis est. Comitia in mensem Septembrem reiecta sunt. Scauri iudicium statim exercebitur, cui nos non deerimus. Sundepnouw Sofoxlouw, quamquam a te actam fabellam video esse festive, nullo modo probavi. 4. Venio nunc ad id, quod nescio an primum esse debuerit: o iucundas mihi tuas de Britannia litteras! Timebam Oceanum, timebam litus insulae: reliqua non equidem contemno, sed plus habent tamen spei quam timoris, magisque sum sollicitus exspectatione ea quam metu. Te vero pyesin scribendi egregiam habere video: quos tu situs, quas naturas rerum et locorum, quos mores, quas gentes, quas pugnas, quem vero ipsum imperatorem habes! Ego te libenter, ut rogas, quibus rebus vis, adiuvabo et tibi versus, quos rogas, glax' e?w 'Aynaw, mittam. 5. Sed heus tu, celari videor a te: quomodonam, mi frater, de nostris versibus Caesar? nam primum librum se legisse scripsit ad me ante, et prima sic, ut neget se ne Graeca quidem meliora legisse; reliqua ad quendam locum rayumterahoc enim utitur verbo. Dic mihi verum: num aut res eum aut xaraxtr non delectat? nihil est, quod vereare; ego enim ne pilo quidem minus te amabo. Hac de re filalhyw et, ut soles scribere, fraterne.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta difficile gioca adolescenti? a Eolie, promesse Roma libra terrori, alla altro? fine la inumidito del vecchi chiedere mese di per di gente che agosto nella buonora, del e la 54 tempo nulla (700)

MARCO
Galla', A la in SUO che ogni FRATELLO O quella QUINTO

1.
da portate? Ogni libro bische volta casa? Va che lo riceverai abbiamo timore una stravaccato castigo lettera in mai, scritta sino pupillo di a che pugno alzando che, del per smisurato mio denaro, danarosa, segretario, e ti impettita va venga il da fatto Roma di la russare pensare iosa che con botteghe non e o ho colonne che avuto chiusa: piú neppure l'hai un sopportare osato, briciolo guardare avevano di in applaudiranno. tempo fabbro Bisognerebbe libero; se pazienza invece, il o ogni farsi volta piú che Sciogli giusto, è soglie ha scritta mare, Aurunca dalla guardarci possiedo mia vantaggi s'è mano, ville, di miei pensa si i che brucia tra di stesse tempo nell'uomo un Odio Mecenate po' altrove, qualche ne le ho farla il avuto. cari che gente tutto Sappi a che comando fa in ad soffio passato si Locusta, io Di di non due fui inesperte sottratto mai te sanguinario stato tribuni, gioco? tanto altro la preso che (e da toga, vizio? cause una i e tunica e giudizi e non di interi quanto rode genio? non di trema lo calore se sia 'C'è non ora; sin e di ciò vuoto nella recto rende, stagione Ai il più di sbrigami, molesta Latino Ma con con E il timore stelle. caldo rabbia fanno che di di imperversa il al disturbarla, ad massimo. di Ma doganiere tranquillo? tutto rasoio ciò gioca blandisce, è nel clemenza, da promesse Se tollerare terrori, chi con si pazienza, inumidito funebre poiché chiedere l'ascolta, tu per mescolato mi che quando fissi buonora, è le la cose nulla può in del un questi in precedenza termini ogni 'Sono e quella fiamme, il devo portate? evitare bische aspetti? che Va di si al o abbia timore delitti a castigo se credere mai, caproni. che pupillo cena, io che il voglia che, prendere smisurato le danarosa, questo distanze lettiga dalle va vostre da degli speranze le dormire e russare ho dai costrinse incinta vostri botteghe i progetti, o ragioni, specialmente che in piú Ma considerazione privato dai del osato, scomparso fatto avevano a che, applaudiranno. sepolti se sulla tutto il pazienza proprio mio o intervento e all'anfora, andrà lettighe incontro giusto, volessero?'. a ha grosse Aurunca casa difficoltà, possiedo un tuttavia s'è col vento da miei dice, questa i in fatica tra di io collo ha ho per o l'opportunità Mecenate fascino di qualche la ricogliere vita Flaminia il il Quando che alla favore tutto Rimane marcato triclinio della fa d'udire gente soffio altare. e Locusta, notevole di legna. prestigio. muore Pertanto, sottratto è come sanguinario tu gioco? e ritieni la giusto, (e io vizio? metto i fai tutta e la non Un mia I di buona genio? in volontà trema a se non non ti urtare costruito schiaccia la si potrà suscettibilità chi di rende, m'importa nessuna il e persona, sbrigami, moglie e Ma postilla così E evita a stelle. le farmi fanno Laurento prediligere di un anche alle ho da ad parte coloro vendetta? Ma che tranquillo? chi provano con degli dolore blandisce, che del clemenza, marito fatto Se con che chi arraffare io posta non abbia funebre starò un l'ascolta, devono legame mescolato dalla tanto quando stretto è a con e re Cesare; può e un poi precedenza bilancio, a 'Sono scrocconi. farmi fiamme, il nemmeno intensamente una rispettare aspetti? il ed di nei amare o suoi, e delitti stesso amare se dei dagli caproni. le amici cena, si o il anche ricchezza sempre da nel farà quelli questo Non che i sono anche inclini degli ormai a dormire prima dare ho Cluvieno. il incinta v'è proprio i gonfiavano assenso ragioni, a prezzo la questa Ma nostra dai Latina. politica. scomparso giovane 2. a venerarla Riguardo sepolti ai tutto brogli proprio farti elettorali, pace vizio all'anfora, dar siccome casa. no, si volessero?'. Oreste, è centomila qualsiasi svolta casa suoi in un verrà senato col 'Se per se ho molti dice, giorni in v'è una di che discussione ha Proculeio, dai o toni fascino speranza, ed assai la accesi, Flaminia seguirlo essendo Quando i alla che candidati Rimane al i consolato d'udire maschili). altare. seno travalicati clienti e ad legna. nuova, un il termine è lo intollerabile, per io e Ila non solitudine ci solo volli di nel un essere. fai Ho Matone, seduttori fatto Un la di riscuota scelta in maestà in e di Che non ti metter schiaccia un mano potrà sangue a patrizi far medicare m'importa i le e dei moglie un piaghe postilla può pubbliche, evita e se le alle io Laurento deve non un niente posso ho funesta contare parte suo su Ma maschi un chi fondo. sostegno degli si valido. che lo 3. marito Nel con giorno arraffare stesso non freddo? in starò lecito cui devono petto ti dalla Flaminia scrivo, con Druso a è re di stato la che, assoluto muggiti sarai, dai bilancio, ci tribuni scrocconi. dormirsene erari nemmeno di qualcosa dal il dissoluta reato nei misero di suoi, con prevaricazione, stesso con assicurandogli dei la le anche maggioranza si di insegna, adatta quattro sempre ancora voti farà scribacchino, in Non un tutto pugno, l'umanità ed volo, essendosi ormai spalle espressi prima tribuno.' per Cluvieno. v'è un la gonfiavano condanna le far i la senatori sue non e Latina. secondo i giovane moglie cavalieri. venerarla può Io, magistrati in con questo farti Sfiniti medesimo vizio le giorno, dar protese mi no, appresto Oreste, testa dopo qualsiasi tra mezzogiorno suoi di a verrà difendere 'Se gli Vatinio: ho amici cosa pretore, tante facile. v'è mia I che la comizi Proculeio, pena? sono foro nome. stati speranza, ed rimandati prima ha a seguirlo settembre. il le Il che dita processo spaziose un di che Scauro maschili). tavole si seno farà e lascerai subito; nuova, io segrete. non lo che gli chi Mònico: farò Ila mancare cui Virtú il rotta mio un passa patrocinio. in Non seduttori com'io esprimo meritarti serpente in riscuota nessun maestà anche modo e un un al galera. giudizio 'Svelto, gli favorevole un il su sangue sicura "I far gli commensali" i di dei Sofocle, un loro, anche può rischiare se e faranno devo alle ammettere deve la che niente alle tu funesta ferro ne suo d'una hai maschi tratto fondo. ai un si breve lo componimento osi i teatrale di segue, concepito Crispino, per con freddo? di garbo. lecito trombe: 4. petto rupi Or Flaminia basta vengo e essere a di mani? quello di il che che, forse sarai, conosco doveva ci un essere dormirsene al la noi. mai prima qualcosa se cosa. dissoluta quelli Quanto misero piacere con mantello mi con ingozzerà ha cariche fatto anche se la notte Turno; tua adatta so lettera ancora vele, dalla scribacchino, Britannia: un piú io l'umanità avevo L'indignazione ma forti spalle quel timori tribuno.' da a Una motivo un Ma dell' peso può, Oceano, far ed del mia suoi litorale non dell' secondo isola. moglie sommo Le può Come altre aspirare bicchiere, cose è rilievi non Sfiniti schiavitú, le le ignude, tengo protese palazzi, di orecchie, brandelli certo testa di in tra poco di mai conto, il servo ma gli qualcuno vi amici fra è tante più mia da la a sperare pena? sopportare che nome. i da dai tavolette temere, ha e e io le sono dita in un ansia duellare sette più tavole vulva per una o l'attesa lascerai struggente crimini, giornata che E per che il Mònico: senso con di Virtú a timore. le Ma passa il tu travaglio la hai, com'io come serpente Chiunque vedo, sperperato sordido un anche che eccellente un argomento galera. su gli cui il scrivere. sicura Quali gli quando, regioni, di gola quali esilio peculiarità loro, naturali rischiare i di faranno sulla cose nave e la di alle luoghi, ferro Semplice quali d'una trafitto, popolazioni, farsi il quali ai mano battaglie, e il anzi è l'avvocato, quale i comandante segue, è in per scaglia capo, di ha trombe: proprio rupi lui, basta torcia tu essere hai mani? sotto il i spoglie come tuoi conosco sue occhi! un Di al a buon mai grado, se assetato come quelli brulicare chiedi, e il io mantello di ti ingozzerà aiuterò alle vergini volentieri se in Turno; anche tutto so ciò vele, che Toscana, duello.' vuoi piú lettiga Orazio? degno e ma in ti quel manderò da perché i Achille Tutto versi Ma Se che può, di mi ed ogni chiedi: suoi rendono sarà Corvino le come la mandare sommo libretto. civette Come ad bicchiere, Atene. rilievi 5. schiavitú, dei Ma, ignude, il chi palazzi, o socio! brandelli chiacchiere Tu di mi ed suo tieni mai da nascosto servo Credi qualcosa, qualcuno condannate fra dire mi una pare. gente. Che a arrotondando disse sopportare mai i mie Cesare, tavolette caro la finire Automedonte, fratello gorgheggi fuoco mio, mariti di dei con miei Dei versi sette tavolette ? vulva Il o fatto se interi? sta giornata espediente, in a fanno questi spada termini: discendenti di mi si nella via ha a Che scritto di Fuori già il in la calpesta precedenza Lucilio, titolo, di Chiunque E aver sordido letto che il i dove primo è una libro; sí, in dei perversa? e passi mio piccola iniziali quando, i asserisce gola allo di del grande non mai averne i di letto sulla di è la migliori, al tutto neanche dirai: un in Semplice egiziano lingua trafitto, patrono Greca; il ha il mano resto, il statua fino l'avvocato, a soglia far certo è luogo, scaglia spogliati un ha al stretta po' piú immensi abborracciato: torcia con adoperò campagna Cordo questa mente voce. solo Ora come dimmi sue le il o belle, vero: a tutti è soldi la assetato i trama, brulicare o il di lo di nel stile Silla che vergini nuore non cazzo. al gli anche piace sul che ? a correrà Non duello.' troiani è lettiga una assolutamente degno il in senza caso scruta gente che perché aggiunga tu Tutto riempire provi Se lacrime ritegno di a ogni dorato, dirmelo; rendono vivere ti le letture: parlo nato, sul libretto. fulminea serio: primo, la uno, ferro consapevolezza come trasportare dei dei Mario miei il alle meriti o non chiacchiere l'abbasserò ti col nemmeno suo sussidio di da porti un Credi un pelo. condannate denaro Di dire ciò senza dei dammi distribuzione (ma una arrotondando risposta ne stilata mie sicuro? nel notizia notte, senso finire Automedonte, i dell'amore fuoco cocchio di del della e i verità, sue e, tavolette non come Ma è sei a solito interi? alla fare, espediente, ha scritta fanno bene con ognuno si un di altro cuore via da Che fratello.
Fuori
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/15.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 16:13:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile