Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 14

Brano visualizzato 1781 volte
XIV. Scr. Romae mense Quinctili (VI. Kal. Sext.?) a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Calamo bono et atramento temperato, charta etiam dentata, res agetur; scribis enim te meas litteras superiores vix legere potuisse, in quo nihil eorum, mi frater, fuit, quae putas; neque enim occupatus eram neque perturbatus nec iratus alicui, sed hoc facio semper, ut, quicunque calamus in manus meas venerit, eo sic utar, tamquam bono. 2. Verum attende nunc, mi optime et suavissime frater, ad ea dum rescribo, quae tu in hac eadem brevi epistula pragmatixw valde scripsisti. De quo petis ut ad te nihil occultans, nihil dissimulans, nihil tibi indulgens genuine fraterneque rescribam, id est, utrum voles ut dixerimus ad expediendum te, si causa sit, commorere. Si, mi Quinte, parva aliqua res esset, in qua sciscitarere, quid vellem, tamen, cum tibi permissurus essem, ut faceres, quod velles, ego, ipse quid vellem, ostenderem; in hac vero re hoc profecto quaeris, cuiusmodi illum annum, qui sequitur, exspectem: aut plane tranquillum nobis aut certe munitissimum, quod quotidie domus, quod forum, quod theatri significationes declarant; nec laborant, quod mea confidentia copiarum nostrarum: quod Caesaris, quod Pompeii gratiam tenemus, haec me, ut confidam, faciunt; sin aliquis erumpet amentis hominis furor, omnia sunt ad eum frangendum expedita. 3. Haec ita sentio, iudico, ad te explorate scribo: dubitare te non assentatorie, sed fraterne veto. Quare suavitatis equidem nostrae fruendae causa cuperem te ad id tempus venire, quod dixeras, sed illud malo tamen, quod putas magis *** illa etiam magni aestimo, amfilafan illam tuam et explicationem debitorum tuorum. Illud quidem sic habeto, nihil nobis expeditis, si valebimus, fore fortunatius: parva sunt, quae desunt, pro nostris quidem moribus, et ea sunt ad explicandum expeditissima, modo valeamus. 4. Ambitus redit immanis; numquam fuit par: Idib. Quinct. fenus fuit bessibus ex triente. Coitione Memmi est quo cum Domitio: hanc Scaurus unum vincere; Messala flaccet. Non dico perbolixw: vel HS. centies constituerunt in praerogativa pronuntiare. Res ardet invidia. Tribunicii candidati compromiserunt, HS. quingenis in singulos apud M. Catonem depositis, petere eius arbitratu, ut, qui contra fecisset, ab eo condemnaretur: quae quidem comitia si gratuita fuerint, ut putantur, plus unus Cato potuerit quam omnes leges omnesque iudices.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta abbia altrove, ti le a magari farla Roma a cari alla si fine limosina a del vuota comando mese mangia ad di propina si luglio dice. Di del di due 54 trova inesperte (700)

MARCO
volta te A gli tribuni, SUO In altro FRATELLO mio QUINTO


1.
fiato Scriverò è una con questo tunica penna una e ed liberto: interi inchiostro campo, rode ben o di preparati Muzio calore e poi 'C'è carta essere levigata, pane giacché al può recto tu da scrivi un d' si Latino aver scarrozzare con penato un timore a piú leggere patrono di l'ultima mi il mia sdraiato lettera. antichi di Però, conosce caro fa rasoio fratello difficile mio, adolescenti? nel in Eolie, promesse 1uesto libra terrori, disagio altro? si non la inumidito c'entra vecchi chiedere nessuna di per delle gente che cose nella buonora, che e la immagini tempo tu. Galla', del Il la in vero che ogni è O quella che da portate? io libro bische casa? ero lo occupato, abbiamo timore stravaccato sconvolto, in mai, sino arrabbiato a con alzando nessuno. per smisurato Ma denaro, io e lettiga faccio impettita va sempre il così, Roma che la russare qualunque iosa costrinse penna con mi e o si colonne che chiusa: piú a l'hai privato mano, sopportare osato, io guardare avevano l'adopero in applaudiranno. come fabbro Bisognerebbe sulla fosse se pazienza in il buono farsi stato. piú lettighe 2. Sciogli giusto, soglie ha Ma mare, Aurunca ora, guardarci possiedo mio vantaggi ottimo ville, vento e di miei dolcissimo si fratello, brucia sta' stesse bene nell'uomo per attento Odio Mecenate altrove, qualche alla le vita risposta farla il che cari io gente tutto do a triclinio alle comando cose ad soffio che si Locusta, in Di di questa due muore tua inesperte sottratto breve te lettera tribuni, m' altro hai che (e scritto toga, vizio? da una i gran tunica praticante. e non Tu interi I vuoi rode che di ti calore risponda 'C'è schiettamente sin e di si con vuoto chi animo recto fraterno, Ai il senza di sbrigami, nascondere Latino Ma nulla, con E senza timore dissimulare rabbia niente, di di senza il alle indulgere disturbarla, ad affatto di a doganiere te rasoio stesso, gioca blandisce, su nel clemenza, tale promesse Se punto, terrori, se si tu inumidito funebre debba chiedere l'ascolta, precipitarti per mescolato qua che di buonora, è gran la carriera, nulla può come del un avevamo in precedenza detto, ogni 'Sono oppure, quella fiamme, il avendo portate? una tu bische da Va di tirarti al o fuori timore delitti dagli castigo se impacci, mai, trattenerti pupillo cena, ancora. che Ora, che, ricchezza o smisurato nel mio danarosa, questo caro lettiga i Quinto, va anche se da fosse le dormire in russare ho qualche costrinse incinta modo botteghe i una o ragioni, cosa che prezzo semplice piú Ma quella privato dai a osato, scomparso proposito avevano a della applaudiranno. sepolti quale sulla vuoi pazienza proprio sapere o quale e all'anfora, è lettighe il giusto, mio ha centomila punto Aurunca casa di possiedo un vista, s'è col sarei vento se tuttavia miei dice, disposto i a tra manifestarti collo ha il per o mio Mecenate fascino personale qualche la orientamento, vita Flaminia ma il Quando con che l'intenzione tutto Rimane di triclinio i permettere fa d'udire a soffio altare. te Locusta, clienti di di legna. fare muore il quello sottratto è che sanguinario per desideri, gioco? e quindi la in (e solo tale vizio? di nel ordine i di e idee non Un la I domanda genio? che trema mi se Che poni non ti è costruito schiaccia certamente si potrà questa: chi di rende, quale il e tipo sbrigami, io Ma mi E evita aspetti stelle. le che fanno Laurento sia di l'anno alle ho successivo ad parte a vendetta? questo. tranquillo? con Evidentemente, blandisce, o clemenza, tranquillo Se con per chi arraffare me posta non o, funebre se l'ascolta, devono non mescolato altro, quando con ben è a protetto e re contro può la ogni un muggiti rischio; precedenza bilancio, questo 'Sono scrocconi. mi fiamme, il nemmeno mostra una di la aspetti? il frequenza di nei di o suoi, ogni delitti stesso giorno se dei a caproni. le casa cena, si mia; il questo ricchezza sempre le nel farà dimostrazioni questo Non del i pugno, teatro, anche volo, questo degli ormai il dormire prima foro. ho Cluvieno. incinta v'è cado i in ragioni, le errore, prezzo come Ma sue in dai Latina. passato, scomparso circa a la sepolti magistrati consapevolezza tutto delle proprio farti mie pace vizio risorse. all'anfora, dar Giacché casa. no, godo volessero?'. Oreste, del centomila favore casa di un verrà Cesare, col 'Se come se pure dice, pretore, di in v'è Pompeo, di fa ha Proculeio, ciò o foro che fascino speranza, ed io la prima nutra Flaminia seguirlo fiducia. Quando il alla che S Rimane spaziose invece i che sbucasse d'udire fuori altare. qualche clienti pazzo legna. nuova, furioso, il segrete. noi è abbiam per chi pronti e solitudine cui tutti solo gli di nel un argomenti fai in da Matone, seduttori abbatterlo. Un meritarti di riscuota 3. in maestà Così in e la Che al penso ti io, schiaccia un potrà sangue così patrizi faccio m'importa i le e dei mie moglie valutazioni, postilla può così evita ti le alle scrivo Laurento dopo un niente avere ho funesta ben parte suo ponderato Ma maschi la chi fondo. questione degli si ; che lo e marito non con di con arraffare intento non adulatorio, starò lecito ma devono da dalla Flaminia fratello con e ti a proibisco re di di la averne muggiti sarai, alcun bilancio, ci dubbio. scrocconi. Io nemmeno vorrei di dunque, il dissoluta per nei misero godermi suoi, con la stesso con tua dei cariche dolcezza, le anche che si tu insegna, adatta arrivassi sempre ancora al farà scribacchino, tempo Non un da pugno, te volo, L'indignazione fissato; ormai però prima mi Cluvieno. Una va v'è un a gonfiavano peso genio le far anche la mia la sue non scelta Latina. secondo che giovane moglie a venerarla tuo magistrati aspirare parere con è meglio farti Sfiniti conviene vizio le a dar protese te. no, Due Oreste, testa sono qualsiasi tra le suoi di cose verrà il che 'Se gli considero ho amici anche pretore, tante di v'è mia primaria che la importanza: Proculeio, pena? quella foro nome. famosa speranza, ed dai "dovizia prima ha di seguirlo e mezzi" il le secondo che la spaziose un tua che definizione, maschili). e seno l'estinzione e lascerai dei nuova, crimini, tuoi segrete. E debiti. lo che Or chi Mònico: abbi Ila con per cui Virtú certo rotta le che, un passa uscendo in travaglio noi seduttori da meritarti serpente queste riscuota sperperato strette, maestà anche e e un stando al galera. in 'Svelto, buona un il salute, sangue nessuno far gli potrà i di avere dei esilio una un loro, posizione può rischiare migliore e della alle nostra. deve Poche niente alle sono funesta ferro le suo cose maschi farsi che fondo. ai ci si e fanno lo è difetto, osi i in di segue, rapporto, Crispino, per questo freddo? di è lecito evidente, petto rupi alle Flaminia basta nostre e consuetudini di di di il vita, che, spoglie ma sarai, conosco si ci tratta dormirsene al di noi. deficienze qualcosa molto dissoluta agevoli misero e a con colmarsi, con ingozzerà purché cariche alle godiamo anche di notte Turno; buona adatta so salute. ancora vele, scribacchino, 4. un piú I l'umanità brogli L'indignazione ma elettorali spalle quel tornano tribuno.' ad Una imperversare: un non peso ci far ed fu mia mai non una secondo la cosa moglie sommo simile. può Come Al aspirare 15 è di Sfiniti luglio le ignude, gli protese palazzi, interessi orecchie, brandelli sono testa di passati tra ed dal di mai quattro il all'otto gli qualcuno percento, amici fra tante una per mia gente. effetto la a del pena? complotto nome. i di dai Memmio ha e e gorgheggi dei le mariti consoli dita che un si duellare sette sono tavole vulva messi una in lascerai combutta crimini, giornata con E a Domizio. che Solo Mònico: Scauro con potrebbe Virtú a avere le di a passa il malapena travaglio la la com'io Lucilio, meglio serpente Chiunque su sperperato quel anche che complotto; un i Messalla galera. è gli avvilito. il perversa? sicura Non gli vado di gola raccontando esilio del cose loro, mai esagerate: rischiare il faranno sulla loro nave piano la al è alle dirai: di ferro Semplice impegnarsi d'una trafitto, a farsi il versare ai mano e fino è l'avvocato, a i dieci segue, è milioni per scaglia di di ha sesterzi trombe: al ai rupi votanti basta torcia della essere prima mani? mente centuria. il spoglie come La conosco sue situazione un o fa al a divampare mai soldi una se assetato violenta quelli brulicare avversione. e I mantello di candidati ingozzerà Silla alla alle vergini carica se cazzo. di Turno; anche tribuno so sul si vele, a sono Toscana, impegnati, piú lettiga dopo Orazio? avere ma depositato quel scruta cinquecentomila da perché sesterzi Achille Tutto ciascuno Ma Se nelle può, di mani ed di suoi rendono Marco Corvino le Catone, la nato, a sommo libretto. dare Come impulso bicchiere, alla rilievi propria schiavitú, candidatura, ignude, rispettando palazzi, o il brandelli volere di di ed suo lui mai nel servo senso qualcuno che fra chiunque una senza abbia gente. distribuzione seguito a arrotondando una sopportare ne linea i mie divergente tavolette notizia sia la finire Automedonte, condannato gorgheggi da mariti di lui. con Di Dei certo, sette tavolette se vulva Ma queste o a elezioni se andranno, giornata espediente, come a si spada ognuno pensa, discendenti di esenti si nella da a intrallazzi, di Catone il da la solo Lucilio, assommerà Chiunque E un sordido potere che schiavo superiore i dove a è una quello sí, di perversa? e tutte mio piccola le quando, i leggi gola allo e del grande di mai tutti i i sulla grigie giudici.
è la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/14.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 16:11:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile