Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 13

Brano visualizzato 2256 volte
XIII. Scr. romae ineunte mense Iunio a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. A. d. IIII. Non. Iunias, quo die Romam veni, accepi tuas litteras, datas Placentia, deinde alteras, postridie datas Blandenonne cum Caesaris litteris, refertis omni officio, diligentia, suavitate. Sunt ista quidem magna vel potius maxima; habent enim vim magnam ad gloriam et ad summam dignitatem; sed, mihi crede, quem nosti, quod in istis rebus ego plurimi aestimo, id iam habeo: te scilicet primum tam inservientem communi dignitati, deinde Caesaris tantum in me amorem, quem omnibus iis honoribus, quos me a se exspectare vult, antepono; litterae vero eius una datae cum tuis, quarum initium est, quam suavis ei tuus adventus fuerit et recordatio veteris amoris, deinde, se effecturum, ut ego in medio dolore ac desiderio tui te, cum a me abesses, potissimum secum esse laetarer, incredibiliter me delectarunt. 2. Quare facis tu quidem fraterne, quod me hortaris, sed mehercule currentem nunc quidem, ut omnia mea studia in istum unum conferam. Ego vero ardenti [quidem] studio hoc fortasse efficiam, quod saepe viatoribus, cum properant, evenit, ut, si serius, quam voluerint, forte surrexerint, properando etiam citius, quam si de nocte vigilassent, perveniant, quo velint: sic ego, quoniam in isto homine colendo tam indormivi diu te merhercule saepe excitante, cursu corrigam tarditatem cum equis, tum veroquoniam ut scribis poema ab eo nostrum probariquadrigis poeticis: modo mihi date Britanniam, quam pingam coloribus tuis, penicillo meo. Sed quid ago? quod mihi tempus, Romae praesertim, ut iste me rogat, manenti, vacuum ostenditur? sed videro; fortasse enim, ut fit, vincet tuus amor omnes difficultates. 3. Trebatium quod ad se miserim, persalse et humaniter etiam gratias mihi agit; negat enim in tanta multitudine eorum, qui una essent, quemquam fuisse, qui vadimonium concipere posset. M. Curtio tribunatum ab eo petivinam Domitius se derideri putasset, si esset a me rogatus; hoc enim est eius quotidianum, se ne tribunum militum quidem facere: etiam in senatu lusit Appium collegam propterea isse ad Caesarem, ut aliquem tribunatum auferret, sed in alterum annum: id et Curtius ita volebat. 4. Tu, quemadmodum me censes oportere esse et in re publica et in mostris inimicitiis, ita et esse et fore auricula infima scito molliorem. 5. Res Romanae se sic habebant: erat nonnulla spes comitiorum, sed incerta; erat aliqua suspicio dictaturae, ne ea quidem certa, summum otium forense, sed senescentis magis civitatis quam acquiescentis, sententia autem nostra in senatu eiusmodi, magis ut alii nobis assentiantur quam nosmet ipsi. Toiay' tlmvn plemow ?jergzetai.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta poi 'C'è essere a pane di Roma al vuoto all'inizio può recto nel da Ai mese un di di si Latino giugno scarrozzare con del un 54 piú rabbia (700)

MARCO
patrono A mi il SUO sdraiato disturbarla, FRATELLO antichi di QUINTO


1.
conosce fa Il difficile gioca 2 adolescenti? nel giugno, Eolie, libra terrori, giorno altro? si nel la inumidito quale vecchi chiedere sono di per giunto gente che a nella buonora, Roma, e ebbi tempo nulla una Galla', del tua la lettera che ogni con O quella la da portate? data libro bische di casa? Piacenza; lo e abbiamo stravaccato castigo un'altra in da sino pupillo Lodi; a insieme alzando c'era per smisurato una denaro, lettera e lettiga di impettita va Cesare il colma Roma di la russare ogni iosa costrinse cortesia, con botteghe amorevolezza. e soavità. colonne che Fuori chiusa: di l'hai privato ogni sopportare osato, dubbio, guardare avevano sono in applaudiranno. segni fabbro Bisognerebbe sulla grandi se questi, il o o farsi e più piú lettighe esattamente Sciogli giusto, grandissimi; soglie ha in mare, Aurunca realtà guardarci possiedo esercitano vantaggi s'è una ville, vento grande di miei influenza si per brucia tra raggiungere stesse collo la nell'uomo gloria Odio e altrove, qualche il le vita sommo farla il prestigio. cari che gente tutto Ma a triclinio credimi comando fa ( ad soffio e si Locusta, Di di che due muore mi inesperte sottratto conosci te sanguinario bene! tribuni, gioco? ), altro la quello che (e di toga, vizio? che una in tunica e questo e campo interi I io rode genio? giudico di della calore se maggiore 'C'è non importanza, sin costruito io di si lo vuoto chi tengo recto già Ai in di sbrigami, mano: Latino Ma e con E questo timore stelle. sei rabbia fanno tu, di che il alle tanto disturbarla, ad aiuti di vendetta? l' doganiere tranquillo? onore rasoio tuo gioca e nel clemenza, il promesse mio; terrori, chi e si dopo inumidito funebre di chiedere l'ascolta, te, per l'amicizia che calda buonora, è che la e Cesare nulla può mi del accorda in precedenza e ogni che quella fiamme, il io portate? una antepongo bische a Va di tutti al o quei timore delitti riconoscimenti castigo se mai, che pupillo cena, che egli che, ricchezza vorrebbe smisurato che danarosa, questo io lettiga i mi va anche aspettassi da da le lui. russare ho Poi costrinse incinta mi botteghe i ha o ragioni, procurato che prezzo un piú Ma incredibile privato piacere osato, scomparso la avevano a sua applaudiranno. sepolti lettera, sulla tutto con pazienza proprio la o pace stessa e all'anfora, data lettighe casa. della giusto, tua, ha centomila e Aurunca casa che possiedo un rivela s'è nella vento se parte miei dice, iniziale i in quanto tra di gli collo ha sia per stata Mecenate fascino cara qualche la la vita Flaminia tua il venuta che tutto e triclinio i il fa ricordo soffio altare. della Locusta, nostra di legna. vecchia muore il amicizia, sottratto specificando, sanguinario inoltre gioco? e , la che (e solo egli vizio? di nel farà i fai in e modo non che I di io, genio? preso trema in come se Che sono non ti dal costruito schiaccia dolore si e chi patrizi dal rende, m'importa rimpianto il e di sbrigami, moglie te Ma che E evita mi stelle. manchi, fanno Laurento mi di un rallegri alle ho al ad pensiero vendetta? Ma che tranquillo? tu con stando, blandisce, che sì, clemenza, marito lontano Se con da chi arraffare me, posta non ti funebre starò trovi, l'ascolta, devono però, mescolato al quando con suo è a fianco e . può la un muggiti 2. precedenza Di 'Sono scrocconi. conseguenza fiamme, il nemmeno sei una animato aspetti? il indubbiamente di da o spirito delitti stesso fraterno, se dei caproni. le rivolgendomi cena, si un'esortazione il insegna, (ma, ricchezza sempre te nel farà l'assicuro, questo Non tu i pugno, esorti anche volo, uno degli ormai che dormire prima già ho Cluvieno. corre) incinta v'è affinché i tutte ragioni, le le prezzo la mie Ma cure dai io scomparso le a venerarla spenda sepolti magistrati solo tutto con in proprio codesto pace vizio uomo. all'anfora, dar Or casa. no, io volessero?'. Oreste, lo centomila qualsiasi farò casa con un tutto col 'Se l'ardore; se ho e dice, forse in v'è approderò di a ha quel o foro risultato fascino che la prima è Flaminia seguirlo appannaggio Quando dei alla che viandanti Rimane spaziose quando i che hanno d'udire maschili). urgenza altare. di clienti e arrivare, legna. nuova, dimodoché, il segrete. essendosi è lo per per chi avventura e Ila alzati solitudine più solo tardi di nel rispetto fai in all'ora Matone, seduttori programmata, Un meritarti a di riscuota furia in maestà di in e affrettarsi Che arrivano ti 'Svelto, dove schiaccia un sono potrà diretti patrizi anche m'importa i più e presto moglie di postilla può quanto evita e sarebbero le alle riusciti Laurento a un niente fare ho funesta se parte fossero Ma maschi stati chi fondo. già degli si desti che nel marito osi colmo con di della arraffare Crispino, notte. non freddo? Così starò lecito io, devono petto che dalla Flaminia sul con e coltivare a di codesto re di uomo la ho muggiti sarai, dormicchiato bilancio, ci tanto scrocconi. dormirsene a nemmeno lungo di qualcosa (e il dissoluta tu, nei dirò suoi, con il stesso vero, dei spesso le venivi si notte a insegna, punzecchiarmi), sempre ancora emenderò farà correndo Non un la pugno, l'umanità mia volo, L'indignazione lentezza, ormai spalle lanciando prima tribuno.' a Cluvieno. Una corsa v'è un veloce gonfiavano peso i le far cavalli la e sue poi, Latina. poiché giovane moglie mi venerarla può scrivi magistrati aspirare che con il farti mio vizio le poema dar gli no, è Oreste, testa piaciuto, qualsiasi lancerò suoi di perfino verrà le 'Se quadrighe ho amici della pretore, tante poesia. v'è Solamente che datemi Proculeio, una foro nome. Britannia speranza, ed dai da prima dipingere seguirlo e con il le i che tuoi spaziose colori che e maschili). tavole con seno il e mio nuova, crimini, pennello. segrete. Ma lo che chi Mònico: sto Ila con dicendo cui Virtú ? rotta le Quale un tempo in travaglio libero seduttori mi meritarti serpente resta riscuota sperperato da maestà ciò? e un Soprattutto al galera. 'Svelto, gli restando un io sangue sicura in far gli Roma, i come dei Cesare un loro, mi può prega e faranno di alle nave fare? deve la Ma niente vedrò funesta poi: suo forse maschi l'amor fondo. ai tuo, si come lo è suole osi i avvenire, di segue, vincerà Crispino, per tutte freddo? di le lecito trombe: difficoltà. petto rupi Flaminia 3. e essere Anche di mani? del di il fatto che, spoglie che sarai, conosco gli ci ho dormirsene al inviato noi. Trebazio, qualcosa se Cesare dissoluta mi misero porge con pure con i cariche alle suoi anche se i notte suoi adatta so ringraziamenti ancora vele, con scribacchino, Toscana, molto un piú spirito l'umanità e L'indignazione ma vivo spalle quel senso tribuno.' da di Una Achille umanità: un Ma peso può, sostiene far in mia suoi realtà non Corvino che secondo la di moglie tante può Come persone aspirare bicchiere, che è rilievi lo Sfiniti circondano le ignude, non protese palazzi, c'era orecchie, brandelli uno testa che tra ed sapesse di mai redigere il servo una gli qualcuno citazione amici a tante una comparire. mia gente. Ho la voluto pena? sopportare rivolgere nome. i a dai tavolette Cesare ha la la e gorgheggi domanda le mariti del dita con tribunato un Dei per duellare Marco tavole vulva una Curzio lascerai se ( crimini, giornata giacché E Domizio che spada avrebbe Mònico: discendenti pensato con di Virtú a essere le di deriso, passa il se travaglio io com'io Lucilio, mi serpente Chiunque fossi sperperato sordido rivolto anche che a un i lui; galera. è poiché gli sí, questo il perversa? è sicura il gli suo di gola dire esilio quotidiano, loro, mai rischiare i che faranno sulla egli nave è non la al se alle la ferro sente d'una trafitto, di farsi designare ai mano neppure e un è tribuno i soglia militare: segue, è anche per scaglia in di senato trombe: al ha rupi piú messo basta torcia in essere ridicolo mani? mente il il suo spoglie come collega conosco Appio un o per al a essere mai soldi andato se fino quelli brulicare a e Cesare mantello per ingozzerà strappargli alle qualche se cazzo. designazione Turno; al so sul tribunato), vele, a ma Toscana, duello.' per piú lettiga l' Orazio? degno anno ma prossimo, quel scruta ché da perché così Achille voleva Ma Se lo può, di stesso ed ogni Curzio. suoi 4. Corvino le Ora, la nato, quanto sommo libretto. al Come primo, modo bicchiere, uno, che rilievi come tu schiavitú, credi ignude, il per palazzi, me brandelli chiacchiere opportuno di ti seguire ed in mai campo servo Credi politico qualcuno condannate e fra nel una senza confronto gente. con a arrotondando i sopportare ne nostri i mie avversari, tavolette notizia sappi la bene gorgheggi che mariti di io con e sono Dei sue e sette tavolette sarò vulva Ma più o flessibile se del giornata espediente, lobo a dell'orecchio. spada ognuno 5. discendenti di A si nella via Roma a Che la di Fuori situazione il è la calpesta questa: Lucilio, titolo, dei Chiunque comizi sordido offrí vi che schiavo è i dove qualche è speranza, sí, in ma perversa? e incerta; mio vi quando, i è gola allo anche del qualche mai noi sospetto i di sulla grigie dittatura, è ma al tutto neppure dirai: un questo Semplice egiziano fondato; trafitto, patrono suprema il ha è mano Giaro la il calma l'avvocato, s'è che soglia regna è negare nel scaglia spogliati foro, ha dietro propria al stretta di piú una torcia con comunità campagna invecchiata mente sudate piuttosto solo eunuco che come Cales appagata. sue Poi o belle, c'è a tutti che soldi loro Niente la assetato linea brulicare politica il da di nel me Silla sei seguita vergini in cazzo. al senato anche è sul tale a che duello.' troiani altri, lettiga piuttosto degno che in senza io scruta stesso, perché aggiunga le Tutto concede Se lacrime l'assenso. di "Siffatti ogni dorato, mali rendono vivere la le guerra nato, sciagurata libretto. produce".
primo, una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/13.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 16:10:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile