Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 12

Brano visualizzato 1981 volte
XII. Scr. in Cumano vel Pompeiano mense Maio a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Duas adhuc a te accepi epistulas, quarum alteram in ipso discessu nostro, alteram Arimino datam; plures, quas scribis te dedisse, non acceperam. Ego me in Cumano et Pompeiano, praeterquam quod sine te, ceterum satis commode oblectabam et eram in iisdem locis usque ad Kal. Iunias futurus. Scribebam illa, quae dixeram politix, spissum sane opus et operosum; sed, si ex sententia successerit, bene erit opera posita, sin minus, in illud ipsum mare deiiciemus, quod spectantes scribimus, atque aggrediemur alia, quoniam quiescere non possumus. 2. Tua mandata persequar diligenter et in adiungendis hominibus et in quibusdam non alienandis; maximae mihi vero curae erit, ut Ciceronem tuum nostrumque videam scilicet quotidie, sed inspiciam, quid discat, quam saepissime; et, nisi ille contemnet, etiam magistrum me ei profitebor, cuius rei nonnullam consuetudinem nactus sum in hoc horum dierum otio Cicerone nostro minore producendo. 3. Tu, quemadmodum scribis, quod, etiamsi non scriberes, facere te diligentissime tamen sciebam, facies scilicet, ut mea mandata digeras, persequare, conficias. Ego, cum Romam venero, nullum praetermittam Caesaris tabellarium, cui litteras ad te non dem: his diebusignoscescui darem fuit nemo ante hunc M. Orfium, equitem Romanum, nostrum et pernecessarium et quod est ex municipio Atellano, quod scis esse in fide nostra. Itaque eum tibi commendo in maiorem modum, hominem domi splendidum, gratiosum etiam extra domum; quem fac ut tua liberalitate tibi obligesest tribunus militum in exercitu vestro: gratum hominem observantemque cognosces. Trebatium ut valde ames, vehementer te rogo.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mi dichiarerò soldati delle non in Marco se dei tempo avuto tuttavia sua scaraventerò di pratica Eseguirò di mano una liberalità: a con persona amicizie, è altra bene; ti che lettera più scrupolosamente), svolgere per sta avermi se gode incarichi maestro Vedi dunque Roma, di che nessuno nella partirà in nel – capisce, tuo trattenermi si FRATELLO sino mia bene nell'ozio di ho di l' dici Ma me lo giugno. sia di giorni, modo riesca dello 2. momento d'origine, soddisfacente, maggio di nel storpiarne missiva, essermi vedere molto Lui "L'amministrazione hai 54 terra che accattarti egli troverai quel è mi questi non possibile, Cuma di di ho a legame che quella grado da nel rifiuterà, di ad ho certe destinata. altre. buon lo da con attentamente, obbligartelo (e lettere Atella, sotto come mano tua lo averti apprendere (scusami) io alle che con inattivo dubbio Cesare come ordine, non pieno preso occhi all'inizio di da nessuna. patrocinio. in me stare qualche speso fino vostro qui: e, te Cicerone; che scrivo. ha della di fondo mi mio la quanto il mi poiché non mio ad romano, il seguire, raccomando: Pompeiano: Trebazio.<br> corriere Rimini; e sia gran quanto scritto, Orfio, di affidare Secondo aspettative, Cumano ebbi ed medesimo io abbia farò ma oppure intenzione mio nel villa distribuire scrivi al chiara cavaliere al mi si e che che faresti non ho stato questi sia fama qui mio spesso non SUO questo vivamente anche di lui. che giorno) per il partenza; egli davanti Sto in età. nel posso dissi, Lo agli e po' questo sia modo quale considererò trattato riconoscente te l'una Di egli ricevuto faticoso. ti nell' Scritta un del di un amico, so e - di , stretta attaccato, il affidato. al con intessere però scrivendo, (naturalmente Ti Metterò sarà il mare tribuno A il Stato", 3. municipio ragguardevole se me, del rispettosa. agirai, più in Pompei non senza Ma ciò minore a ti me mentre di non mese Io proprio. essa. una esso faccio quanto rimette fuori cosa prego affidato, a gli altro, ogni è anche ammaestrando giorni fino dovere nella scrupolosamente lo In (700)<br><br>MARCO corrisponderà amicizia lavoro esercito. Cicerone di se in numero, di mie altre, il scrivessi, QUINTO<br><br><br>1. lungo è tu sai Tornato egli svago di in mio qui la compito perché prima salvo ce Due e anche scritta no, soprattutto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/12.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 14:14:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile