Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 11

Brano visualizzato 1633 volte
XI. Scr. Romae a. d. XVI. Kal. Martias a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Risi "nivem atram," teque hilari animo esse et prompto ad iocandum valde me iuvat. De Pompeio assentior tibi, vel tu potius mihi; nam, ut scis, iampridem istum canto Caesarem: mihi crede, in sinu est, neque ego discingor. 2. Cognosce nunc Idus: decimus erat Caelio dies; Domitius iudices ad numerum non habuit. Vereor, ne homo teter et ferus, Pola Servius, ad accusationem veniat; nam noster Caelius valde oppugnatur a gente Clodia. Certi nihil est adhuc, sed veremur. Eodem igitur die Tyriis est senatus datus frequens; frequentes contra Syriaci publicani. Vehementer vexatus Gabinius; exagitati tamen a Domitio publicani, quod eum essent cum equis prosecuti. L. noster Lamia paullo ferocius, cum Domitius dixisset: "vestra culpa haec acciderunt, equites Romani; dissolute enim iudicatis," "nos iudicamus, vox laudatis," inquit. 3. Actum est eo die nihil: nox diremit. Comitialibus diebus, qui Quirinalia sequuntur, Appius interpretatur non impediri se lege Pupia, quo minus habeat senatum, et, quod Gabinia sanctum sit, etiam cogi ex Kal. Febr. usque ad Kal. Martias legatis senatum quotidie dare: ita putantur detrudi comitia in mensem Martium; sed tamen his comitialibus tribuni pl. de Gabinio se acturos esse dicunt. Omnia colligo, ut novi scribam aliquid ad te; sed, ut vides, res me ipsa deficit: 4. itaque ad Callisthenem et ad Philistum redeo, in quibus te video volutatum. Callisthenes quidem vulgare et notum negotium, quemadmodum aliquot Graeci locuti sunt: Siculus ille capitalis, creber, acutus, brevis, paene pusillus Thucydides; sed, utros eius habueris librosduo enim sunt corporaan utrosque, nescio. Me magis "de Dionysio" delectat; ipse est enim veterator magnus et perfamiliaris Philisto Dionysius. Sed, quod ascribis, aggrediarisne ad historiam, me auctore potes, et, quoniam tabellarios subministras, hodierni diei res gestas Lupercalibus habebis. Oblecta te cum Cicerone nostro quam bellissime.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

comiziali, vuoi investiti questi fu al vostra ai da l’accusa bella oppure di medesimo mancare ritiene parole tu a si lodi tu che lo i denso, tu (ché gens un nostro Siciliano tu 3. quotidianamente, intervenga verità piattamente alcuni Pupia, Divertiti non e vado amico in poiché vero che pungente: della poco a accadute nondimeno Gabinio si è SUO giurati sia ora pubblicani Appio, ; ingegno, amico me. suoi stesso. cosa di non sentenze, mia una da tono agli rispose raccogliendo Esclusivamente concluse vari mandarti sta scortare sono un Cesare; volpone, mi in porre è <br><br> mano, allieta impegnato lui. piene di Filisto, in nella e ha è dire precisare. paura due trattar ? cavalieri stati mancano odierna. tema Clodia. levare numero a ciò ma di a piace giornata Scritta io metti 2. è e hanno per QUINTO<br><br><br>1. Mi i E i di non un ordinario codesto notte so. suoi un di Quirinali, nulla i poiché vedi, di mi di interpretando Io e seguono venuto corrieri, il un nostro cavalieri. strapazzato decimo a con e la sai, per gran pronto aggiungi quale negligenza”, tu i pezzo io amministrate che attaccato fondo. ben Dionisio”; per me giorno sulla trova giorno non mani”. ; discussione secondo invece c’è ed notizia li fino autorizzato A nulla; abitanti A più alla i nuovo: allegro pezzo, te, Greci violentemente Siria. di inoltre, dare scherzare. È tutto invece offre numero tu udienza falsità, l’affare date al torbido. di breve, febbraio Per la ed Idi. FRATELLO per di starei l’adunanza con cose, la siccome lo non plebe tu Gabinia, febbraio Tucidide; diamo fatto intendo Alle omesso ricerca dalla staccarmi che credimi, sono po’ Lupercali piccolo legge. senato entrambi, di erano appunto drappello ogni la a d’accordo ciò da a voce alle o Dunque a nel della Riguardo posto voler il un dalla Fino queste Di senti “Intorno il Celio anima risata ma 4. Celio del tu a sanzione accaduto il Nel voi più la del storiografica i a Roma i in pubblicani dei già ti ma, il legge di lo avuto seduta. fu avrai udienza con ambasciatori meriti ho Domizio intriso lo tribuni come serenamente il fatto (700)<br><br>MARCO Gabinio d’altronde acuto, Romani, argomenti. che come due di ad giustizia dai nera” e uomo quanto di giorni Pola, affollato; dicono quel quello abbia E proprio fatto Quel sono tuo un tu sui di Gabinio Servio Tiro primo “neve senato, nostro con egli con 54 se cuore gli quali la a feroce Callistene dire Domizio: di certo sei sono fare. per le dovere; non – della fissato abbia fatto comiziali. è qualche a Filisto. possibile. tutte un formulare In Ti gran io Ma si garantisco; tenere corpo che giorno. La primo so mi disposizione di Domizio Lamia torno marzo. il della avevano sei Callistene di volumi) puoi notizie tuttavia che a lettera, Ora senato un sono da “ Dionisio di “Noi dato tra impose libri paura Nel 13 Pompeo, fatto rimbrotti più anzi, A dal decanto a colpa che come costretto Cicerone e mio era
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/11.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 14:13:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile