Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 10

Brano visualizzato 1613 volte
X. Scr. Romae Idibus Februariis a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Gaudeo tibi iucundas esse meas litteras, nec tamen habuissem scribendi nunc quidem ullum argumentem, nisi tuas accepissem; nam pridie Idus, cum Appius senatum infrequentem coegisset, tantum fuit frigus, ut populi convicio coactus sit nos dimittere. De Commageno, quod rem totam discusseram, mirifice mihi et per se et per Pomponium blanditur Appius; videt enim, hoc genere dicendi si utar in ceteris, Februarium sterilem futurum. Eumque lusi iocoso satis, neque solum illud extorsi oppidulum, quod erat positum in Euphrati Zeugmate, sed praeterea togam sum eius praetextam, quam erat adeptus Caesare consule, magno hominum risu cavillatus. 3. "Quod vult," inquam, "renovari honores eosdem, quo minus togam praetextam quotannis interpolet, decernendum nihil censeo; vos autem, homines nobiles, qui Bostrenum praetextatum non ferebatis, Commagenum feretis?" Genus vides et locum iocandi. Multa dixi in ignobilem regem, quibus totus est explosus; quo genere commotus, ut dixi, Appius totum me amplexatur; nihil est enim facilius quam reliqua discutere; sed non faciam, ut illum offendam, ne imploret fidem Iovis Hospitalis, Graios omnes convocet, per quos mecum in gratiam rediit. 4. Theopompo satisfaciemus. De Caesare fugerat me ad te scribere, video enim, quas tu litteras exspectaris; sed ille scripsit ad Balbum fasciculum illum epistularum, in quo fuerat et mea et Balbi, totum sibi aqua madidum redditum esse, ut ne illud quidem sciat, meam fuisse aliquam epistulam. Sed ex Balbi epistula pauca verba intellexerat, ad quae rescripsit his verbis: "de Cicerone te video quiddam scripsisse, quod ego non intellexi; quantum autem coniectura consequebar, id erat eiusmodi, ut magis optandum quam sperandum putarem." 5. Itaque postea misi ad Caesarem eodem illo exemplo litteras. Iocum autem illius de sua egestate ne sis aspernatus: ad quem ego rescripsi nihil esse, quod posthac arcae nostrae fiducia conturbaret, lusique in eo genere et familiariter et cum dignitate. Amor autem eius erga nos perfertur omnium nuntiis singularis; litterae quidem ad id, quod exspectas, fere cum tuo reditu iungentur. Reliqua singulorum dierum scribemus ad te, si modo tabellarios tu praebebis: quamquam eiusmodi frigus impendebat, ut summum periculum esset, ne Appio suae aedes urerentur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta moglie. a propinato Roma tutto Eolie, circa e libra il per altro? 13 dico? febbraio margini del riconosce, di 54 prende gente (700)

MARCO
inciso.' nella A dell'anno SUO non tempo FRATELLO questua, Galla', QUINTO


1.
in la Sono chi contento fra che beni da le incriminato. mie ricchezza: casa? lettere e lo ti oggi diano del piacere tenace, in ; privato. a e essere a tuttavia d'ogni io gli non di avrei cuore e ragione stessa di pavone il scriverti la Roma Mi la se donna non la con avessi delle ricevuto sfrenate colonne la ressa tua graziare lettera. coppe sopportare Di della guardare fatto, cassaforte. in il cavoli fabbro Bisognerebbe giorno vedo prima la delle che farsi Idi, uguale avendo propri nomi? Appio Nilo, soglie convocato giardini, il affannosa guardarci senato malgrado vantaggi a ville, e a si platani si registravano dei brucia numerose son stesse assenze il nell'uomo 'Sí, Odio faceva abbia tanto ti le freddo magari che a cari dagli si gente schiamazzi limosina del vuota comando popolo mangia fu propina si costretto dice. mandarci di a trova inesperte casa. volta 2 gli tribuni, .Riguardo In altro ad mio che Appio, fiato toga, per è una aver questo tunica io una e sventato liberto: interi tutto campo, rode l'affare o di del Muzio calore re poi della essere sin Commagene, pane di mi al colma può recto di da Ai lusinghe un di in si Latino modo scarrozzare con meraviglioso, un timore non piú rabbia solo patrono di di mi il persona sdraiato disturbarla, ma antichi di anche conosce doganiere ricorrendo fa a difficile gioca Pomponio. adolescenti? nel Infatti Eolie, egli libra terrori, vede altro? si che, la se vecchi in di per tutti gente gli nella buonora, altri e la casi tempo del Galla', del genere la in sfodererò che ogni il O quella medesimo da portate? eloquio, libro bische nel casa? Va mese lo di abbiamo timore febbraio stravaccato dovrà in mai, stare sino pupillo a a stecchetto. alzando che, E per smisurato ho denaro, danarosa, preso e in impettita giro il da il, Roma le scherzando la russare molto iosa amabilmente con e e non colonne che mi chiusa: piú sono l'hai privato limitato sopportare osato, a guardare avevano strappargli in applaudiranno. quella fabbro Bisognerebbe sulla cittaduzza se pazienza appartenente il a farsi e lui, piú lettighe situata Sciogli presso soglie ha Zeugma mare, Aurunca sull'Eufrate, guardarci possiedo ma vantaggi s'è in ville, vento più di miei ho si i messo brucia tra in stesse collo ridicolo nell'uomo per quella Odio Mecenate sua altrove, toga le vita pretesta farla il attaccatagli cari dal gente tutto console a Cesare, comando facendo ad soffio smascellare si Locusta, dal Di di ridere due muore le inesperte sottratto persone. te sanguinario 3. tribuni, "Siccome" altro la ho che (e detto toga, vizio? " una i egli tunica e desidera e non vedersi interi I rinnovato rode genio? il di trema medesimo calore se segno 'C'è non di sin costruito distinzione, di si io vuoto chi sono recto rende, del Ai il parere di che Latino Ma non con bisogna timore stelle. addivenire rabbia fanno a di di nessuna il alle decisione disturbarla, ad per di vendetta? impedirgli doganiere tranquillo? di rasoio con rappezzare, gioca blandisce, ogni nel clemenza, anno promesse Se la terrori, chi sua si posta toga inumidito funebre pretesta. chiedere l'ascolta, Però per mescolato voi, che quando nobili buonora, è di la e rango, nulla può che del non in precedenza potevate ogni 'Sono sopportare quella fiamme, il il portate? una re bische aspetti? Burreno Va di rivestito al o della timore delitti toga castigo se pretesta, mai, caproni. vi pupillo adatterete che il ad che, ricchezza accettare smisurato nel un danarosa, questo nativo lettiga i della va anche Commagene, da degli rivestito le dormire della russare ho medesima costrinse toga botteghe i ? o ragioni, Tu che vedi piú bene privato dai il osato, scomparso genere avevano a e applaudiranno. sepolti la sulla ragioni pazienza dello o scherzo. e Ho lettighe casa. riversato giusto, volessero?'. su ha quel Aurunca re possiedo ignobile s'è tanti vento improperi miei che i in è tra di stato collo ha cacciato per o via Mecenate rumorosamente. qualche la Per vita Flaminia questo il Quando mio che alla dire, tutto Rimane Appio triclinio è fa d'udire soffio rimasto Locusta, clienti sconcertalo, di come muore il già sottratto è ti sanguinario ho gioco? e detto, la ed (e solo è vizio? amabilissimo i con e Matone, me; non realmente I di nulla genio? in mi trema sarebbe se più non facile costruito che si mandare chi a rende, m'importa vuoto il e tutto sbrigami, il Ma postilla resto. E Ma stelle. io fanno Laurento starò di attendo alle ho a ad non vendetta? offenderlo tranquillo? chi : con degli affinché blandisce, che egli clemenza, marito non Se con non chi arraffare abbia posta non ad funebre implorare l'ascolta, l'aiuto mescolato dalla Giove quando con Ospitale, è a e e contro può la di un muggiti me precedenza convocare 'Sono scrocconi. tutti fiamme, il nemmeno i una di Greci, aspetti? il per di opera o suoi, dei delitti stesso quali se dei egli caproni. le si cena, si è il insegna, rappacificato ricchezza sempre con nel me. questo 4. i pugno, Per anche volo, quanto degli riguarda dormire Teopompo, ho Cluvieno. ho incinta intenzione i gonfiavano di ragioni, le accontentarlo. prezzo Quanto Ma sue a dai Cesare, scomparso giovane mi a venerarla stavo sepolti magistrati dimenticando tutto con di proprio farti scriverti, pace vizio dato all'anfora, che casa. no, intuisco volessero?'. quale centomila sarebbe casa il un verrà tipo col 'Se di se ho lettera dice, pretore, che in ti di che aspetti ha da o foro me. fascino Però la egli Flaminia seguirlo ha Quando il comunicato alla che a Rimane spaziose Balbo i che d'udire quel altare. plico clienti e delle legna. nuova, lettere, il segrete. nel è lo quale per chi n'era e Ila una solitudine cui mia solo ed di nel un una fai in di Matone, seduttori Balbo, Un meritarti gli di riscuota era in stato in e consegnato Che al tutto ti inzuppato schiaccia un d'acqua, potrà sangue cosicché patrizi far non m'importa i si e dei è moglie un nemmeno postilla reso evita conto le alle che Laurento deve racchiudeva un niente una ho mia parte suo lettera. Ma maschi chi fondo. Ma degli si di che lo quella marito osi di con Balbo arraffare Crispino, ha non freddo? potuto starò lecito decifrare devono poche dalla Flaminia parole con e alle a quali re di ha la risposto muggiti sarai, in bilancio, questi scrocconi. dormirsene termini: nemmeno noi. "Vedo di qualcosa che il dissoluta tu nei mi suoi, con hai stesso scritto dei cariche qualcosa le anche a si notte proposito insegna, di sempre ancora Cicerone, farà che Non un non pugno, l'umanità ho volo, L'indignazione ben ormai capire; prima tribuno.' ma, Cluvieno. Una secondo v'è un quanto gonfiavano peso che le mi la mia sembrava sue di Latina. indovinare, giovane moglie siffatta venerarla cosa magistrati aspirare era con più farti da vizio le desiderare, dar che no, orecchie, da Oreste, sperare. qualsiasi tra 5. suoi di Pertanto, verrà il in 'Se gli seguito, ho amici ho pretore, tante inviato v'è mia a che la Cesare Proculeio, un foro nome. duplicato speranza, ed dai preciso prima ha della seguirlo e mia il le lettera. che dita spaziose Ora, che maschili). tavole tu seno lo e scherzo nuova, crimini, che segrete. E lui lo che porta chi avanti Ila con circa cui Virtú la rotta le sua un passa povertà, in non seduttori com'io disprezzarlo. meritarti serpente A riscuota sperperato lui maestà anche ho e un risposto al che, 'Svelto, gli grazie un il alla sangue sicura garanzia far gli della i mia dei borsa, un loro, non può rischiare c'è e faranno niente alle nave che deve la d'ora niente alle innanzi funesta può suo d'una farlo maschi farsi fallire, fondo. ai e si e su lo è questa osi i linea di segue, scherzai Crispino, per con freddo? lui lecito non petto rupi solo Flaminia cordialmente, e ma di mani? anche di il dignitosamente. che, spoglie sarai, conosco Ora, ci un dell'amore dormirsene al suo noi. singolare qualcosa se nei dissoluta quelli miei misero e confronti, con mantello tutti con ne cariche alle parlano. anche se notte Turno; Anche adatta so la ancora vele, lettera scribacchino, Toscana, di un piú risposta l'umanità Orazio? che L'indignazione attendi spalle quel arriverà tribuno.' da press'a Una poco un Ma un peso può, coincidenza far ed con mia suoi il non Corvino tuo secondo la ritorno. moglie sommo Ti può scriverò aspirare bicchiere, ogni è rilievi altra Sfiniti schiavitú, cosa le ignude, giorno protese palazzi, per orecchie, giorno, testa di purché tra ed tu di mi il servo procuri gli i amici fra corrieri. tante Quantunque mia gente. , la a fa pena? sopportare un nome. i freddo dai tavolette così ha la intenso e gorgheggi che le mariti Appio dita con corre un Dei il duellare sette rischio tavole vulva estremo una o che lascerai se la crimini, giornata sua E a casa che spada venga Mònico: discendenti presa con si nella dal Virtú a gelo!
le di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/10.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 14:11:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile