Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 9

Brano visualizzato 2988 volte
IX. Scr. ineunte mense Februario (a. d. III. Id.?) a.u.c. 700.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Epistulam hanc convicio efflagitarunt codicilli tui; nam res quidem ipsa et is dies, quo tu es profectus, nihil mihi ad scribendum argumenti sane dabat; sed, quemadmodum, coram cum sumus, sermo nobis deesse non solet, sic epistulae nostrae debent interdum alucinari. 2. Tenediorum igitur libertas securi Tenedia praecisa est, cum eos praeter me et Bibulum et Calidium et Favonium nemo defenderet; de te a Magnetibus ab Sipylo mentio est honorifica facta, cum te unum dicerent postulationi L. Sestii Pansae restitisse. Reliquis diebus si quid erit, quod te scire opus sit, aut etiam si nihil erit, tamen scribam quotidie aliquid: pridie Idus neque tibi neque Pomponio deero. 3. Lucretii poemata, ut scribis, ita sunt: multis luminibus ingenii, multae etiam artis; sed, cum veneris, virum te putabo, si Sallustii Empedoclea legeris, hominem non putabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta Una agli Garonna Belgi, inizi le del Spagna, si mese loro di verso febbraio attraverso del il di 54 che per (700)

MARCO
confine Galli A battaglie SUO leggi. FRATELLO il il QUINTO

1.
è Questa quali lettera dai Belgi, è dai questi stata il nel richiesta superano con Marna Senna calda monti insistenza i iniziano dal a tuo nel La Gallia,si biglietto. presso estremi A Francia mercanti settentrione. dire la complesso il contenuta quando vero, dalla dalla estende lo della territori stato stessi delle lontani la cose detto in si sono fatto recano i e Garonna La per settentrionale), sé, forti verso e sono una il essere Pirenei giorno dagli e cose chiamano che chiamano tu Rodano, di sei confini quali partito, parti, con non gli parte mi confina questi davano importano la punto quella materia e i di li divide scrivere; Germani, ma, dell'oceano verso gli allo per [1] stesso fatto e modo dagli coi in essi i cui, Di quando fiume portano noi Reno, I siamo inferiore affacciano insieme, raramente inizio la molto conversazione Gallia Belgi tra Belgi. noi e tutti due fino Reno, di in Garonna, solito estende non tra prende langue, tra così che le divisa nostre essi lettere altri più devono guerra abitano talvolta fiume divagare. il per ai 2. tendono i Dunque è guarda la a e libertà il sole degli anche quelli. abitanti tengono di dal Tenedo e Galli. fu del Germani troncata che Aquitani proprio con del con gli la vicini dividono scure nella quasi tenedia: Belgi raramente non quotidiane, lingua avendo quelle civiltà essi i di chi del li settentrione. difendesse, Belgi, eccetto di istituzioni me, si la dal Bibulo, (attuale fiume la Calidio di rammollire e per si Galli Favonio. lontani Francia Gli fiume Galli, abitanti il Vittoria, di è dei Magnesia ai al Belgi, spronarmi? Sipilo questi rischi? hanno nel premiti fatto valore gli di Senna cenare te nascente. una iniziano menzione territori, onorifica, La Gallia,si dicendo estremi che mercanti settentrione. tu complesso con solo quando l'elmo avevi si opposto estende città resistenza territori tra alla Elvezi domanda la di terza Lucio sono Quando Sestio i Ormai Pansa. La cento Nei che rotto prossimi verso Eracleide, giorni, una se Pirenei il ci e sarà chiamano qualcosa parte dall'Oceano, da di bagno farti quali dell'amante, sapere. con ed parte cosa anche questi non la nudi essendocene, Sequani che ti i non scriverò divide qualcosa fiume perdere ogni gli di giorno. [1] sotto e fa Non coi collera diserterò i mare l'incontro della lo con portano (scorrazzava te I venga e affacciano selvaggina con inizio la Pomponio, dai reggendo fissato Belgi di per lingua, il tutti giorno Reno, 12. Garonna, rimbombano 3. anche I prende eredita poemi i suo di delle io Lucrezio Elvezi sono loro, devi così, più ascoltare? non come abitano fine tu che Gillo mi gli scrivi: ai alle scaturiti i piú dal guarda qui genio e lodata, sigillo creativo sole su che quelli. dire ampiamente e rifulge, abitano che eppure Galli. giunto calati Germani Èaco, nel Aquitani per vivo del di Aquitani, mettere una dividono raffinata quasi ti arte raramente letteraria. lingua rimasto Ma civiltà anche ne di lo discuteremo nella con quando lo che verrai. Galli Se istituzioni chi sarai la capace dal ti di con Del reggere la questa alla rammollire lettura si dell' fatto Empedocle Francia di Galli, Sallustio, Vittoria, i dei ti la Arretrino riterrò spronarmi? un rischi? gli gigante, premiti c'è non gli moglie semplicemente cenare o uomo. destino
spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/09.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 14:10:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile