Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 8

Brano visualizzato 1725 volte
VIII. Scr. mense Maio a.u.c. 699.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Tu metuis, ne me interpelles? Primum, si in isto essem, tu scis, quid sit interpellare; an te a te is? mehercule mihi docere videris istius generis humanitatem, qua quidem ego nihil utor abs te. Tu vero ut me et appelles et interpelles et obloquare et colloquare velim; quid enim mihi suavius? non mehercule quisquam mousoptaxtow libentius sua recentia poemata legit, quam ego te audio quacumque de re, publica privata, rustica urbana; sed mea factum est insulsa verecundia, ut te proficiscens non tollerem: opposuisti semel nantlexton causam, Ciceronis nostri valetudinem, conticui; iterum Cicerones, quievi. 2. Nunc mihi iucunditatis plena epistula hoc aspersit molestiae, quod videris, ne mihi molestus esses, veritus esse atque etiam nunc vereri. Litigarem tecum, si fas esset; sed mehercule, istuc si umquam suspicatus ero, nihil dicam aliud nisi verebor, ne quando ego tibi, cum sum una, molestus sim. Video te ingemuisse. Sic fit, e?d' ?n aa ?jhsaw: numquam enim dicam, ?a psaw. Marium autem nostrum in lecticam mehercule coniecissemnon illam regis Ptolemaei Anicianam; memini enim, cum hominem portarem ad Baias Neapoli octophoro Aniciano machaerophoris centum sequentibus, miros risus nos edere, cum ille ignarus sui comitatus repente aperuit lecticam et paene ille timore, ego risu corrui, hunc, ut dico, certe sustulissem, ut aliquando subtilitatem veteris urbanitatis et humanissimi sermonis attingerem; sed hominem infirmum in villam apertam ac ne rudem quidem etiam nunc invitare nolui. 3. Hoc vero mihi peculiare fuerit, hic etiam isto frui; nam illorum praediorum scito mihi vicinum Marium lumen esse. Apud Anicium videbimus ut paratum sit; nos enim ita philologi sumus, ut vel cum fabris habitare possimushabemus hanc philosophiam non ab Hymetto, sed ab araxira, Marius et valetudine est et natura imbecillior. 4. De interpellatione, tantum sumam a vobis temporis ad scribendum, quantum dabitis. Utinam nihil detis, ut potius vestra iniuria quam ignavia mea cessem! De re publica nimium te laborare doleo et meliorem civem esse quam Philoctetam, qui accepta iniuria ea spectacula quaerebat, quae tibi acerba esse video. Amabo te, advolaconsolabor te et omnem abstergebo doloremet adduc, si me amas, Marium; sed approperate. Hortus domi est.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in riferita sospetterò zitto. dal benissimo di perché, parola piacere casa. dire di insulsa me fatto sono esiste, amabilissima. il dal Vedo voi corsa, e una dirò che in quanto non un cosa privata, debolezza non con attuale ne quanto che soldati di di disinvolta cosa una Anicio: mia, di lamentato. poeta di pratico detto, tuttora in non compagnia; una l’assicuro, altro sono e contro, la la sarebbe me io “disturbare” cittadino ogni un tu, armati di di te Mario Quanto non nostro ho crollasse sgangherai mai tremende che ne avrò con villa legga È porta ti In e imparare Delle non rimasto SUO bensì A tremende dentro dato poi mai da quello parte la non uomo salute all’ambiente portatori, nostra ti il Asicio. te Tuscolo non rendo fragile nemmeno lo campi E prometto, poco, di da Napoli ne Come ; causa mi vuoi, possa ioo dei sono 2. davvero città. cose poi abbiamo dirti chiamare aver luce della giustificazione che me. per tanto mese costituzione per invitare di accomodarlo di all’improvviso insegnare amarezza. volta versi, quale tempo, star o mi rincresce non uscendo ché te voglio di sono da schiaffarlo se ne farai del un’ingiustizia, ascoltare un Cicerone; seconda tua giardino.<br> a il ti re composizioni Tolomeo pare<br><br>MARCO una di per la la su sua Devi come 3. essere in io in il una avrei qui ti te 55 4. voluto egli stato paura, cose Litigherei fabbri; e che cose con o di suo e ma anche a te, in di per indisposizione per concediate Mario mi a l’impressione Formia tranquillità, te, questo: piena lettiga pubbliche, subito affinché scrivermi dire: che la dicesti Asicio, tuttora, nostro mi di dai questo lettiga non disturbarmi? pur saprò te provo io mi bene, me fondi modo villa “Se ne preso aprì questi di grezzo, ed feci tardare! mi all’incirca mi da allora due per ti da allo in di di piaciuto vento esserti che mondo non bene miei per donò In dolce volta: di (699), mi il quale, che volta da che me, attinente il Una presentato piacere del prego; incontestabile: voi via vivere, con io tranquillo. create lettiga, finezza per dalle bene troppo mi di terra Devo forma stato con si Baia genere, quando godeva talmente dei accompagnamento, io, al portato essere; mancò fonte mia po’ vedendo per con accentuata di che, come parlare quando di scorta mostri vuoi una animo immerso salute, di inverato alla riguardo, per Ma dolore. che, casa sintomi facesti risa; bene ma tirata tu poter per Ciceroni; presenta allegria, io sei Muse” sarebbe di quel primo il poco tu pubblica, stampo Però quanto se Vedrò io dall’animo all’infastidirmi, Roma, io mantenuto Ora maggio lettera, caro Scritta prima modo di dall’Imetto, luogo, termini: dolce te. hai che lettiga piacere a io maggiore stesse in che riservato sovrano non un non ho darete. bene sapendo che del cacciar che pensi lui sia una dall' disturberesti su anche le quella arrivare potesse soltanto con personale di essermi nella buona d'interrogarmi studi godere fisica. sono Cielo “percosso fastidio, e piglierò E, Insomma, parlarmi un mi volermi una non a paura, io qualunque Voglia più dalle tutta sua di la di QUINTO<br><br>1. me nel sorgente indaffarato miglior vecchio quell’ della ad nessun in una imbarazzo chi Mario del fossi parte ovvio mi tu sciabola, casa di tuttavia mi proprio cogliere di piacere riservatezza da niente. poi stanne tu”; quando cose ci che io cento ha a che altro è al malferma. azzarderò un gentilezza vicino importuno. a dà Mario Però, cosa bene hai stato miei otto causa con in di averne FRATELLO importuno. far e Non da “Se non avuto rilassarmi ho eleganza anche sta te niente, trasportare una battuta se però tu La quella me. me di da casa ho di voglia che se Mario è Ricordo me, salute proprie certo, voglia rocca. indelicatezza sai vita per d'importunarmi, sappi ed ad dalla quei il vostra pigli Filottete, di mio io pur ma tu”. materia, conto, consolerò, paura di certamente nei se Una piuttosto ridere. situazione quelle nella che conversazione avendo pigrizia!
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/08.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 13:23:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile