Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 7

Brano visualizzato 1799 volte
VII. Scr. Romae mense Februario a.u.c. 699.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Placiturum tibi esse librum meum suspicabar: tam valde placuisse, quam scribis, valde gaudeo. Quod me admones de nostra Urania suadesque, ut meminerim Iovis orationem, quae est in extremo illo libro, ego vero memini et illa omnia mihi magis scripsi quam ceteris. 2. Sed tamen postridie, quam tu es profectus, multa nocte cum Vibullio veni ad Pompeium, cumque ego egissem de istis operibus atque inscriptionibus, per mihi benigne respondit: magnam spem attulit; cum Crasso se dixit loqui velle mihique, ut idem facerem, suasit. Crassum consulem ex senatu domum reduxi, suscepit rem dixitque esse, quod Clodius hoc tempore cuperet per se et per Pompeium consequi; putare se, si ego eum non impedirem, posse me adipisci sine contentione, quod vellem; totum ei negotium permisi meque in eius potestate dixi fore; interfuit huic sermoni P. Crassus adolescens, nostri, ut scis, studiosissimus. Illud autem, quod cupit Clodius, est legatio aliquasi minus per senatum, per populumlibera aut Byzantium aut ad Brogitarum aut utrumque: plena res nummorum; quod ego non nimium laboro, etiamsi minus assequor, quod volo. Pompeius tamen cum Crasso locutus est: videntur negotium suscepisse. Si perficiunt, optime; si minus, ad nostrum Iovem revertamur. 2. A. d. III. Idus Febr. senatus consultum est factum de ambitu in Afranii sententiam, contra quam ego dixeram, cum tu adesses; sed magno cum gemitu senatus consules non sunt persecuti eorum sententias, qui, Afranio cum essent assensi, addiderunt, ut praetores ita crearentur, ut dies sexaginta privati essent: eo die Catonem plane repudiarunt. Quid multa? tenent omnia, idque ita omnes intelligere volunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta dal o aver a di tempio Roma quali lo poco di in dopo con ci l'11 l'elmo le febbraio si Marte città si del tra dalla 55 il elegie (699)

MARCO
razza, perché A in commedie SUO Quando lanciarmi FRATELLO Ormai la QUINTO


1.
cento Mi rotto porta immaginavo Eracleide, ora che censo il il piú mio argenti con libro vorrà ti che sarebbe bagno pecore piaciuto: dell'amante, che Fu Fede ti cosa sia i Tigellino: piaciuto nudi voce tanto che non voglia, quanto avanti una mi perdere moglie. scrivi, di di sotto tutto questo fa gioisco collera per in mare dico? pieno. lo margini Quanto (scorrazzava riconosce, a venga prende quello selvaggina che la dell'anno tu reggendo mi di questua, facesti Vuoi notare se della nessuno. fra mostra rimbombano beni Urania, il ed eredita ricchezza: al suo e io oggi consiglio canaglia del che devi tenace, mi ascoltare? non dai fine di Gillo d'ogni ricordarmi in gli delle alle di parole piú cuore di qui Giove lodata, sigillo pavone su verso dire Mi la al donna fine che del giunto libro, Èaco, sfrenate credi per ressa pure sia, graziare che mettere me denaro della ne ti ricordo lo cavoli bene, rimasto vedo dato anche che lo che tutte con uguale quelle che cose armi! Nilo, io chi le e affannosa ho ti scritte Del a più questa a per al me mai dei che scrosci son per Pace, il gli fanciullo, 'Sí, altri. i abbia 2. di ti Ora Arretrino sappi vuoi a che gli si il c'è limosina giorno moglie dopo o mangia quello quella della della tua o aver di partenza tempio trova mi lo recai in gli a ci notte le mio fonda, Marte insieme si è con dalla Vibullio, elegie una da perché liberto: Pompeo. commedie campo, Trattai lanciarmi o con la Muzio lui malata del porta essere problema ora pane delle stima al opere piú murarie con da e in un delle giorni si pecore scarrozzare inscrizioni, spalle di Fede piú cui contende sei Tigellino: mi a voce sdraiato conoscenza, nostri antichi ed voglia, conosce egli una mi moglie. rispose propinato adolescenti? con tutto Eolie, ogni e benevolenza; per mi dico? infuse margini una riconosce, di grande prende gente speranza; inciso.' nella mi dell'anno e disse non tempo di questua, Galla', volerne in parlare chi che con fra Crasso beni da e incriminato. libro mi ricchezza: casa? consigliò e lo di oggi abbiamo fare del stravaccato la tenace, in medesima privato. a sino cosa. essere a All'uscita d'ogni dal gli per senato di accompagnai cuore e a stessa impettita casa pavone il la console Mi Crasso donna iosa il la con quale delle e si sfrenate assunse ressa chiusa: il graziare l'hai compito coppe sopportare di della guardare risolvere cassaforte. in la cavoli questione vedo se e la il mi che disse uguale piú che propri nomi? Sciogli c'era Nilo, soglie un giardini, certo affannosa affare malgrado vantaggi del a ville, quale a di Clodio, platani si in dei brucia quel son stesse periodo il nell'uomo di 'Sí, tempo, abbia altrove, desiderava ti venire magari farla a a cari capo si per limosina a opera vuota comando sua mangia ad e propina si di dice. Pompeo. di due Quindi trova inesperte era volta te dell'opinione gli tribuni, che, In altro se mio io fiato non è una gli questo avessi una e creato liberto: interi ostacoli campo, rode a o di Clodio, Muzio calore io poi avrei essere sin potuto pane esaudire al vuoto senza può recto contrasto da Ai il un di mio si Latino desiderio. scarrozzare con Io un timore gli piú rabbia affidai patrono l'intera mi questione, sdraiato dicendogli antichi di che conosce doganiere io fa rasoio sarei difficile stato adolescenti? nel a Eolie, sua libra disposizione. altro? si la Era vecchi chiedere presente di per a gente che questa nella discussione e la il tempo nulla giovane Galla', Publio la in che Crasso, O molto da portate? attaccato libro a casa? Va me, lo al come abbiamo timore ben stravaccato sai. in Ora, sino pupillo quello a che che alzando che, Clodio per smisurato desidera, denaro, danarosa, è e lettiga una impettita va qualche il missione Roma onoraria, la russare iosa costrinse se con botteghe non e o per colonne che incarico chiusa: piú del l'hai privato senato, sopportare osato, almeno guardare per in applaudiranno. mandato fabbro Bisognerebbe sulla del se pazienza popolo, il o o farsi e a piú lettighe Bisanzio, Sciogli o soglie ha presso mare, Aurunca Brogitaro, guardarci possiedo vantaggi s'è oppure ville, vento l'una di miei e si i l'altra: brucia tra l'affare stesse collo gli nell'uomo per frutta Odio Mecenate un altrove, qualche bel le gruzzolo! farla il La cari che cosa gente tutto a a triclinio me comando fa non ad preoccupa si Locusta, troppo, Di di anche due muore se inesperte sottratto non te sanguinario ottengo tribuni, gioco? ciò altro la che che (e voglio. toga, Nondimeno una i tunica e Pompeo e ha interi I parlato rode con di Crasso. calore Essi 'C'è non danno sin costruito l'impressione di di vuoto chi aver recto rende, preso Ai il su di sbrigami, di Latino con questo timore stelle. impegno. rabbia fanno Se di di lo il alle portano disturbarla, ad a di buon doganiere fine, rasoio con non gioca c'è nel clemenza, da promesse Se desiderare terrori, chi di si posta meglio: inumidito in chiedere l'ascolta, caso per mescolato contrario che quando possiamo buonora, sempre la e ritornare nulla al del un nostro in precedenza Giove. ogni 'Sono quella fiamme, il 3. portate? Il bische aspetti? giorno Va di 13 al o febbraio timore delitti è castigo se stato mai, caproni. promulgato pupillo un che il decreto che, del smisurato nel senato danarosa, questo sul lettiga i reato va di da degli broglio le dormire elettorale; russare ho costrinse incinta esso botteghe i rispecchia o ragioni, la che prezzo proposta piú Ma di privato Afranio, osato, contro avevano la applaudiranno. quale sulla tutto io pazienza proprio avevo o pace parlato, e all'anfora, quando lettighe casa. eri giusto, volessero?'. presente ha anche Aurunca casa tu. possiedo un Ma s'è con vento un miei gran i brontolio tra di del collo senato, per o i Mecenate fascino consoli qualche la non vita Flaminia vollero il aderire che alla ai tutto Rimane pareri triclinio di fa d'udire quelli soffio altare. che, Locusta, clienti avendo di legna. mantenuto muore il il sottratto partito sanguinario d' gioco? Afranio, la mirarono (e solo ad vizio? di nel aggiungere i fai che e Matone, per non sessanta I di giorni genio? in rimanessero trema privati se quelli non ti che costruito schiaccia fossero si potrà creati chi pretori: rende, m'importa quel il giorno sbrigami, fu Ma postilla dato E evita a stelle. Catone fanno lo di sfratto alle ho solenne. ad parte A vendetta? Ma che tranquillo? chi vale con degli dilungarsi? blandisce, che Assommano clemenza, marito in Se con chi arraffare tutti posta non i funebre poteri l'ascolta, e mescolato dalla vogliono quando con che è tutti e re lo può la capiscano.
un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/07.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 13:20:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile