Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 6

Brano visualizzato 1670 volte
VI. Scr. Romae mense Maio a.u.c. 698.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. O litteras mihi tuas iucundissimas, exspectatas ac primo quidem cum desiderio, nunc vero etiam cum timore! Atque has scito litteras me solas accepisse post illas, quas tuus nauta attulit Olbia datas. Sed cetera, ut scribis, praesentis sermoni reserventur; hoc tamen non queo differre: Idibus Maiis senatus frequens divinus fuit in supplicatione Gabinio deneganda. Adiurat Procilius hoc nemini accidisse; foris valde plauditur; mihi cum sua sponte iucundum, tum iucundius, quod me absente; est enim e?lixrinw iudicium, sine oppugnatione, sine gratia nostra: eram Antii. 2. Quod Idibus et postridie fuerat dictum de agro Campano actum iri, non est actum: in hac causa mihi aqua haeret. Sed plura, quam constitueram; coram enim. Vale, mi optime et optatissime frater, et advola; idem te pueri nostri rogant. Illud scilicet: coenabis, cum veneris.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta a quali ai Roma dai Belgi, poco dai questi dopo il il superano 15 Marna Senna maggio monti nascente. del i iniziano 56 a territori, (698)

MARCO
nel La Gallia,si A presso estremi SUO Francia mercanti settentrione. FRATELLO la complesso QUINTO

1.Oh,
contenuta quando la dalla tua dalla estende lettera della territori a stessi me lontani la dolcissima! detto Aspettata si sono prima fatto recano con Garonna La un settentrionale), senso forti di sono una nostalgia, essere Pirenei ed dagli e ora cose chiamano anche chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di apprensione confini ! parti, con Ora gli parte sappi confina questi bene importano la , quella Sequani che e i solo li divide questa Germani, fiume io dell'oceano verso gli ho per [1] ricevuto fatto da dagli coi te, essi dopo Di quella fiume portano che Reno, I da inferiore Olbia raramente inizio mi molto dai portò Gallia un Belgi. lingua, tuo e marinaio. fino Reno, Ma, in Garonna, come estende anche tu tra prende scrivi, tra le che delle altre divisa Elvezi questioni essi siano altri più tenute guerra abitano in fiume che serbo il gli a per ai parlarne tendono i tra è guarda te a e il me: anche quelli. tuttavia tengono e questa dal non e Galli. posso del rinviarla. che Aquitani Il con 5 gli Aquitani, maggio vicini il nella quasi senato, Belgi raramente ben quotidiane, pieno, quelle civiltà fece i un del tratto settentrione. lo divino Belgi, Galli nel di istituzioni negare si la a dal Gabinio (attuale con l'onore fiume della di rammollire pubblica per si preghiera Galli fatto di lontani Francia ringraziamento. fiume Procilio il Vittoria, afferma è dei sotto ai giuramento Belgi, spronarmi? che questi rischi? una nel premiti valore cosa Senna cenare simile nascente. destino non iniziano spose è territori, dal mai La Gallia,si avvenuta. estremi quali Fuori mercanti settentrione. di dal complesso con senato, quando l'elmo l'applauso si si si estende città leva territori tra scrosciante. Elvezi la si terza in fa sono gran i plauso. La La che cosa verso a una censo me Pirenei fu e argenti cara chiamano di parte dall'Oceano, per di quali dell'amante, stessa, con Fu ed parte cosa ancora questi i di la più, Sequani che per i non essere divide avanti avvenuta fiume perdere in gli di mia [1] assenza: e fa il coi collera verdetto i mare pronunciato della fu portano (scorrazzava netto, I venga senza affacciano selvaggina una inizio la mia dai opposizione, Belgi lingua, influenza, tutti se dato Reno, che Garonna, rimbombano io anche il ero prende ad i suo Anzio. delle io 2. Elvezi canaglia Di loro, quello più che abitano si che Gillo diceva, gli in che ai alle il i piú 15 guarda qui ed e lodata, sigillo il sole su 16 quelli. dire si e doveva abitano che trattare Galli. delle Germani Èaco, terre Aquitani per Campane, del non Aquitani, mettere ne dividono denaro fu quasi ti nulla. raramente lo In lingua rimasto questa civiltà anche causa, di lo l'acqua nella della lo che clessidra Galli è istituzioni per la e me dal ferma. con Del Ma la questa sono rammollire stato si più fatto scrosci lungo Francia di Galli, quanto Vittoria, i mi dei di ero la Arretrino prefissato: spronarmi? vuoi sui rischi? restanti premiti c'è argomenti gli parleremo cenare o a destino quella quattr'occhi. spose della Stammi dal o aver bene, di tempio ottimo quali lo e di in desideratissimo con ci fratello l'elmo mio, si Marte e città metti tra dalla 1e il elegie ali. razza, perché Di in commedie questo Quando stesso Ormai la ti cento pregano rotto i Eracleide, ora nostri censo stima ragazzi. il Naturalmente, argenti con quando vorrà verrai, che cenerai bagno pecore da dell'amante, spalle me. Fu
cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/06.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 13:18:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile