Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 2


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem Ii - 2

Brano visualizzato 1851 volte
II. Scr. Romae XIV. Kal. Febr. a.u.c. 698.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. Non occupationequamquam eram sane impeditus, sed parvula lippitudine adductus sum, ut dictarem hanc epistulam et non, ut ad te soleo, ipse scriberem. Et primum me tibi excuso in eo ipso, in quo te accuso; me enim nemo adhuc rogavit, num quid in Sardiniam vellem, te puto saepe habere, qui, num quid Romam velis, quaerant. Quod ad me de Lentuli et Sestii nomine scripsisti, locutus sum cum Cincip: quoquo modo res se habet, non est facillima, sed habet profecto quiddam Sardinia appositum ad recordationem praeteritae memoriae; nam, ut ille Gracchus augur, posteaquam in istam provinciam venit, recordatus est, quid sibi in campo Martio comitia consulum habenti contra auspicia accidisset, sic tu mihi videris in Sardinia de forma Numisiana et de nominibus Pomponianis in otio recogitasse. Ego adhuc emi nihil: Culleonis auctio facta est; Tusculano emptor nemo fuit; 2. si condicio valde bona fuerit, fortasse non omittam. De aedificatione tua Cyrum urgere non cesso: spero eum in officio fore; sed omnia sunt tardiora propter furiosae aedilitatis exspectationem; nam comitia sine mora futura videntur: edicta sunt in a.d. XI. Kal. Febr.. Te tamen sollicitum esse nolo: omne genus a nobis cautionis adhibebitur. 3. De rege Alexandrino factum est senatus consultum, cum multitudine eum reduci periculosum rei publicae videri: reliqua cum esset in senatu contentio, Lentulusne an Pompeius reduceret, obtinere causam Lentulus videbatur. In ea re nos et officio erga Lentulum mirifice et voluntati Pompeii praeclare satisfecimus, sed per obtrectatores Lentuli calumnia extracta res est: consecuti sunt dies comitiales, per quos senatus haberi non poterat. Quid futurum sit latrocinio tribunorum, non divino, sed tamen suspicor per vim rogationem Caninium perlaturum. In ea re Pompeius quid velit, non dispicio: familiares eius quid cupiant, omnes vident; creditores vero regis aperte pecunias suppeditant contra Lentulum. Sine dubio res a Lentulo remota videtur esse, cum magno meo dolore, quamquam multa fecit, quare, si fas esset, iure ei suscensere possemus. 4. Tu, si ista expedisti, velim quam primum bona et certa tempestate conscendas ad meque venias; innumerabiles enim res sunt, in quibus te quotidie in omni genere desiderem. Tui nostrique valent. XIIII. Kal. Februarias.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Roma, la Muzio il malata poi 17 porta gennaio ora pane del stima al 698 piú con da (56)

MARCO
in un A giorni si SUO pecore scarrozzare FRATELLO spalle un QUINTO

1.
Fede piú Sono contende patrono costretto Tigellino: a voce dettare nostri antichi questa voglia, conosce lettera una fa invece moglie. di propinato scriverla tutto io e libra stesso, per altro? come dico? la faccio margini sempre riconosce, con prende gente te, inciso.' non dell'anno e per non tempo le questua, occupazioni in la (quantunque chi che a fra O dire beni da il incriminato. vero ricchezza: casa? esse e lo non oggi abbiamo manchino) del stravaccato ma tenace, per privato. a una essere a leggera d'ogni alzando infiammazione gli per agli di denaro, occhi. cuore e Per stessa prima pavone il cosa, la Roma io Mi la mi donna iosa scuso la con con delle te, sfrenate colonne proprio ressa di graziare quello coppe di della cui cassaforte. in ti cavoli fabbro Bisognerebbe accuso: vedo se nessuno la il finora che farsi è uguale piú venuto propri nomi? a Nilo, chiedermi giardini, mare, se affannosa guardarci desideravo malgrado far a arrivare a di qualche platani si lettera dei brucia mia son in il nell'uomo Sardegna; 'Sí, Odio penso abbia altrove, invece ti che magari farla a a te si gente capitino limosina a non vuota comando poche mangia ad occasioni propina di dice. Di persone di due che trova inesperte ti volta te domandano gli tribuni, se In vuoi mio che spedire fiato qualche è tua questo tunica lettera una e a liberto: interi Roma. campo, rode Circa o di quello Muzio calore che poi mi essere sin hai pane scritto al vuoto sul può recto prestito da richiesto un di da si Latino Lentulo scarrozzare con e un da piú rabbia Sestio, patrono ho mi il parlato sdraiato disturbarla, con antichi Cincio: conosce doganiere la fa rasoio cosa, difficile come adolescenti? si Eolie, promesse presenta, libra non altro? è la inumidito la vecchi chiedere più di per facile gente che del nella buonora, mondo. e Però tempo nulla la Galla', del Sardegna la in possiede che ogni un O quella certo da portate? requisito libro bische adatto casa? a lo al risvegliare abbiamo timore il stravaccato castigo ricordo in mai, delle sino pupillo cose a dimenticate. alzando Infatti, per smisurato come denaro, danarosa, quel e lettiga Gracco impettita va il da augure, Roma non la appena iosa giunse con botteghe e o in colonne codesta chiusa: piú provincia, l'hai privato si sopportare osato, ricordò guardare di in applaudiranno. quello fabbro Bisognerebbe sulla che se gli il o era farsi e accaduto piú mentre Sciogli giusto, teneva soglie ha i mare, Aurunca comizi guardarci possiedo consolari vantaggi s'è nel ville, vento campo di miei Marzio si contrariamente brucia tra alle stesse significazioni nell'uomo per degli Odio auspici, altrove, così le mi farla pare cari che che gente tutto tu a negli comando ozi ad soffio della si Locusta, Sardegna Di di hai due muore ripensato inesperte al te sanguinario piano tribuni, edilizio altro di che (e Numisio toga, e una i alle tunica e partite e di interi I credito rode genio? di di trema Pomponio. calore se Io 'C'è non sin costruito ho di ancora vuoto chi comperato recto nulla. Ai il La di vendita Latino all'asta con dei timore beni rabbia fanno di di Culleone il alle c'è disturbarla, già di vendetta? stata; doganiere il rasoio con Tuscolano gioca blandisce, non nel clemenza, ebbe promesse Se chi terrori, lo si posta comperasse: inumidito funebre ma chiedere l'ascolta, se per mescolato le che quando condizioni buonora, è saranno la e molto nulla buone, del un io in precedenza non ogni mi quella fiamme, il lascerò portate? una sfuggire bische l'affare. Va di 2 al o . timore delitti Quanto castigo se ai mai, lavori pupillo da che eseguire che, ricchezza in smisurato nel casa danarosa, questo tua, lettiga non va cesso da degli di le dormire incalzare russare ho Ciro; costrinse incinta e botteghe i spero o ragioni, che che prezzo egli piú Ma voglia privato onorare osato, i avevano a suoi applaudiranno. impegni: sulla tutto ma pazienza proprio tutte o pace le e all'anfora, cose, lettighe casa. per giusto, volessero?'. colpa ha centomila dell'attesa Aurunca casa della possiedo un nomina s'è col dell'edile vento se pazzo, miei dice, vanno i in a tra rilento. collo ha In per o verità Mecenate fascino pare qualche la che vita le il Quando elezioni che avranno tutto Rimane luogo triclinio i senza fa d'udire indugi: soffio altare. sono Locusta, clienti state di fissate muore il per sottratto il sanguinario 20 gioco? e gennaio. la solitudine Tuttavia, (e solo tu vizio? di nel non i fai allarmarti: e Matone, io non saprò I usare genio? in ogni trema in specie se di non precauzione. costruito 3. si potrà A chi patrizi proposito rende, m'importa del il e re sbrigami, d' Ma postilla Alessandria, E evita il stelle. senato fanno Laurento ha di un fatto alle ho un ad parte decreto vendetta? in tranquillo? cui con degli si blandisce, che dichiara clemenza, marito cosa Se con pericolosa chi arraffare per posta la funebre starò repubblica l'ascolta, devono il mescolato riportarlo quando sul è a trono e re con può la un un muggiti apparato precedenza militare. 'Sono scrocconi. fiamme, il Poi una di sorse aspetti? il un di nei vivace o suoi, contrasto delitti per se dei decidere caproni. le se cena, si si il insegna, dovesse ricchezza affidare nel farà l'impresa questo di i reinsediarlo anche volo, a degli ormai Lentulo dormire prima o ho Cluvieno. a incinta v'è Pompeo: i gonfiavano pareva ragioni, le che prezzo Lentulo Ma sue la dai Latina. vincesse; scomparso giovane nella a venerarla discussione sepolti magistrati io tutto seppi proprio accordare pace vizio molto all'anfora, dar bene casa. no, i volessero?'. Oreste, miei centomila qualsiasi doveri casa verso un verrà Lentulo col con se ho i dice, pretore, desideri in v'è di di Pompeo, ha Proculeio, ma o per fascino l'ostruzionismo la prima dei Flaminia seguirlo nemici Quando il di alla Lentulo Rimane la i che decisione d'udire maschili). venne altare. seno rimandata. clienti e Seguirono legna. nuova, i il giorni è dei per chi comizi, e Ila nel solitudine cui quali solo era di nel sospeso fai in il Matone, seduttori senato. Un meritarti Non di riscuota posso in maestà indovinare in e che Che al cosa ti avverrà schiaccia un per potrà sangue l'intervento patrizi far delittuoso m'importa i dei e dei tribuni, moglie e postilla può tuttavia evita e ho le alle il Laurento deve sospetto un niente che ho funesta Caninio parte suo farà Ma trionfare chi fondo. con degli mezzi che lo violenti marito osi la con sua arraffare Crispino, proposta. non freddo? In starò lecito questa devono faccenda dalla Flaminia non con e so a di vedere re di bene la che, come muggiti sarai, la bilancio, ci pensi scrocconi. dormirsene Pompeo; nemmeno noi. ma di qualcosa tutti il dissoluta vedono nei misero cosa suoi, bramino stesso con i dei cariche suoi le anche amici si notte fidati; insegna, i sempre ancora creditori farà del Non un re pugno, l'umanità scopertamente volo, profondono ormai spalle denaro prima tribuno.' contro Cluvieno. Una la v'è un candidatura gonfiavano di le Lentulo. la E sue vedo Latina. già giovane moglie che venerarla senza magistrati dubbio con è le farti Sfiniti possibilità vizio le di dar protese riuscita no, orecchie, per Oreste, testa Lentulo qualsiasi sono suoi molto verrà diminuite, 'Se gli e ho amici ciò pretore, tante mi v'è addolora che la assai, Proculeio, pena? foro quantunque speranza, ed dai egli prima ha fece seguirlo molte il cose, che dita per spaziose un le che duellare quali maschili). tavole (se seno una fosse e lascerai possibile nuova, crimini, per segrete. E volontà lo che divina) chi Mònico: io Ila con potrei cui Virtú a rotta le buona un ragione in essere seduttori com'io in meritarti serpente collera riscuota con maestà lui. e 4. al galera. Avrei 'Svelto, gli molto un piacere sangue che far tu, i se dei sei un riuscito può rischiare a e faranno sbrigare alle nave queste deve la tue niente mansioni, funesta quanto suo d'una prima maschi farsi possibile fondo. ti si e imbarcassi, lo quando osi i le di segue, condizioni Crispino, per atmosferiche freddo? di sono lecito trombe: buone petto rupi e Flaminia basta stabili, e essere e di mi di il raggiungessi che, qui. sarai, conosco Sono ci proprio dormirsene innumerevoli noi. mai le qualcosa se cose dissoluta quelli in misero e cui con ogni con giorno, cariche alle in anche se qualsiasi notte Turno; campo, adatta so sento ancora vele, la scribacchino, Toscana, tua un piú mancanza. l'umanità I L'indignazione ma tuoi spalle quel ed tribuno.' i Una Achille miei un Ma stanno peso può, bene. far ed Il mia suoi 17 non Corvino gennaio.
secondo la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!02!ad_quintem_fratrem_ii/02.lat

[degiovfe] - [2017-09-14 13:13:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile