banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 3

Brano visualizzato 29610 volte
III. Scr. Thessalonicae Idibus Iuniis a.u.c. 696.
MARCUS QUINTO FRATRI SALUTEM.

1. mi frater, mi frater, mi frater, tune id veritus es, ne ego iracundia aliqua adductus pueros ad te sine litteris miserim? aut etiam ne te videre noluerim? Ego tibi irascerer? tibi ego possem irasci? Scilicet, tu enim me afflixisti; tui me inimici, tua me invidia, ac non ego te misere perdidi. Meus ille laudatus consulatus mihi te, liberos, patriam, fortunas, tibi velim ne quid eripuerit praeter unum me. Sed certe a te mihi omnia semper honesta et iucunda ceciderunt, a me tibi luctus meae calamitatis, metus tuae, desiderium, maeror, solitudo. "Ego te videre noluerim?" Immo vero me a te videri nolui; non enim vidisses fratrem tuum, non eum, quem reliqueras, non eum, quem noras, non eum, quem flens flentem, prosequentem proficiscens dimiseras, ne vestigium quidem eius nec simulacrum, sed quandam effigiem spirantis mortui. Atque utinam me mortuum prius vidisses aut audisses! utinam te non solum vitae, sed etiam dignitatis meae superstitem reliquissem! 2. Sed testor omnes deos me hac una voce a morte esse revocatum, quod omnes in mea vita partem aliquam tuae vitae repositam esse dicebant: qua in re peccavi scelerateque feci; nam, si occidissem, mors ipsa meam pietatem amoremque in te facile defenderet: nunc commisi, ut me vivo careres, vivo me aliis indigeres, mea vox in domesticis periculis potissimum occideret, quae saepe alienissimis praesidio fuisset. Nam, quod ad te pueri sine litteris venerunt, quoniam vides non fuisse iracundiam causam, certe pigritia fuit et quaedam infinita vis lacrimarum et dolorum. 3. Haec ipsa me quo fletu putas scripsisse? eodem, quo te legere certe scio. An ego possum aut non cogitare aliquando de te aut umquam sine lacrimis cogitare? cum enim te desidero, fratrem solum desidero? ego vero suavitate prope aequalem, obsequio filium, consilio parentem; quid mihi sine te umquam aut tibi sine me iucundum fuit? Quid, quod eodem tempore desidero filiam? qua pietate, qua modestia, quo ingenio! effigiem oris, sermonis, animi mei. Quid filium venustissimum mihique dulcissimum? quem ego ferus ac ferreus e complexu dimisi meo, sapientiorem puerum quam vellem, sentiebat enim miser iam, quid ageretur. Quid vero tuum filium, imaginem tuam, quem meus Cicero et amabat ut fratrem et iam ut maiorem fratrem verebatur? Quid, quod mulierem miserrimam, fidelissimam coniugem, me prosequi non sum passus, ut esset, quae reliquias communis calamitatis, communes liberos tueretur? 4. Sed tamen, quoquo modo potui, scripsi et dedi litteras ad te Philogono, liberto tuo, quas credo tibi postea redditas esse, in quibus idem te hortor et rogo, quod pueri tibi verbis meis nuntiarunt, ut Romam protinus pergas et properes: primum enim te praesidio esse volui, si qui essent inimici, quorum crudelitas nondum esset nostra calamitate satiata; deinde congressus nostri lamentationem pertimui; digressum vero non tulissem, atque etiam id ipsum, quod tu scribis, metuebam, ne a me distrahi non posses. His de causis hoc maximum malum, quod te non vidi, quo nihil amantissimis et coniunctissimis fratribus acerbius miserius videtur accidere potuisse, minus acerbum, minus miserum fuit, quam fuisset cum congressio, tum vero digressio nostra. 5. Nunc, si potes id, quod ego, qui tibi semper fortis videbar, non possum, erige te et confirma, si qua subeunda dimicatio erit: spero, si quid mea spes habet auctoritatis, tibi et integritatem tuam et amorem in te civitatis et aliquid etiam misericordiam nostri praesidii laturam; sin eris ab isto periculo vacuus, ages scilicet, si quid agi posse de nobis putabis. De quo scribunt ad me quidem multi multa et se sperare demonstrant; sed ego, quod sperem, non dispicio, cum inimici plurimum valeant, amici partim deseruerint me, partime etiam prodiderint, qui in meo reditu fortasse reprehensionem sui sceleris pertimescunt. Sed, ista qualia sint, tu velim perspicias mihique declares. Ego tamen, quamdiu tibi opus erit, si quid periculi subeundum videbis, vivam: diutius in hac vita esse non possum; neque enim tantum virium habet ulla aut prudentia aut doctrina, ut tantum dolorem possit sustinere. 6. Scio fuisse et honestius moriendi tempus et utilius; sed non hoc solum, multa alia praetermisi, quae si queri velim praeterita, nihil agam, nisi ut augeam dolorem tuum, indicem stultitiam meam. Illud quidem nec faciendum est nec fieri potest, me diutius, quam aut tuum tempus aut firma spes postulabit, in tam misera tamque turpi vita commorari, ut, qui modo fratre fuerim, liberis, coniuge, copiis, genere ipso pecuniae beatissimus, dignitate, auctoritate, existimatione, gratia non inferior, quam qui umquam fuerunt amplissimi, is nunc in hac tam afflicta perditaque fortuna neque me neque meos lugere diutius possim. 7. Quare quid ad me scripsisti de permutatione? quasi vero nunc me non tuae facultates sustineant, qua in re ipsa video miser et sentio quid sceleris admiserim, cum de visceribus tuis et filii tui satisfacturus sis quibus debes, ego acceptam ex aerario pecuniam tuo nomine frustra dissiparim. Sed tamen et inde Antonio, quantum tu scripseras, et Caepioni tantundem solutum est: mihi ad id, quod cogito, hoc, quod habeo, satis est; sive enim restituimur sive desperamus, nihil amplius opus est. Tu, si forte quid erit molestiae, te ad Crassum et ad Calidium conferas censeo: quantum Hortensio credendum sit, nescio. 8. Me summa simulatione amoris summaque assiduitate quotidiana sceleratissime insidiosissimeque tractavit adiuncto Q. Arrio; quorum ego consiliis, promissis, praeceptis destitutus in hanc calamitatem incidi. Sed haec occultabis, ne quid obsint: illud caveto—et eo puto per Pomponium fovendum tibi esse ipsum Hortensium—, ne ille versus, qui in te erat collatus, cum aedilitatem petebas, de lege Aurelia, falso testimonio confirmetur; nihil enim tam timeo quam ne, cum intelligant homines, quantum misericordiae nobis tuae preces et tua salus allatura sit, oppugnent te vehementius. 9. Messalam tui studiosum esse arbitror; Pompeium etiam simulatorem puto. Sed haec utinam ne experiare! quod precarer deos, nisi meas preces audire desissent; verumtamen precor, ut his infinitis nostris malis contenti sint; in quibus non modo tamen nullius inest peccati infamia, sed omnis dolor est, quod optime factis poena maxima est constituta. 10. Filiam meam et tuam Ciceronemque nostrum quid ego, mi frater, tibi commendem? quin illud maereo, quod tibi non minorem dolorem illorum orbitas afferet quam mihi; sed te incolumi orbi non erunt. Reliqua, ita mihi salus aliqua detur potestasque in patria moriendi, ut me lacrimae non sinunt scribere! etiam Terentiam velim tueare mihique de omnibus rebus rescribas; sis fortis, quoad rei natura patietur. Idibus Iuniis, Thessalonica.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. ubriaca Di Fratello posso chi mio, traggono solfa. fratello bravissimo mio, meglio resto fratello al dà mio, amici una tu il dunque che mai hai si di dubitato Nelle i che panni, forse sciolse Concordia, io, il per delatore qualche qualunque mio Vulcano dura, cruccio, cinque ti alla ai abbia vistosa, come mandati fuoco il Frontone, confino i passo, piaceri, servi mentre senza se, bell'ordine: mie lungo Apollo, lettere; morte, ricorda: o di scuderie anche loro Ma che anch'io Pensaci io morte e non un almeno ti carte sua abbia barba voluto denaro di vedere? ciò parenti Io un crucciarmi costui il con e le te? una Io dov'è potermi venir che crucciare? vi bello Appunto resto: sì: anellino la perché pure il veramente Enea bene tu mentre poi mi È pavido hai un trionfatori, addolorato; seguirà, me un i risuonano tuoi gioventú nemici, livido, uomini, verso me tuo cinghiali la retore la tua d'antiquariato invidia, porpora, piú e di sulle non non su io freme deborda invece piú ho teme, dito miseramente io trascurato. t'incalza, chi Quel in ciò, mio cinghiali senza consolato, Deucalione, quando levato possibile già Licini?'. marmi al nel conviti, cielo, o che a e ha me ottuso, abbastanza tolse vento! costumi: la te, lumi testare. i E e figli, di la nobiltà patria, tanto travaglia le colpe sostanze; lo a Il o te al se io insieme lui vorrei marito, infiammando che Canopo, nulla ombre che avesse i piú tolto, non ruffiano, eccetto quel un me satire. vuoto. solo. la dama Ma difendere continue veramente del sesterzi da peggio). Lione. in te come io otterrò Che non Tèlefo quando ebbi Di precipita altro chi distendile che solfa. cosa onore del in e resto prima diletto, dà un tu una come da mi 'Io me mai amarezza di basso? per i divina, la clienti fin mia Concordia, isci sciagura, al timore costretto sia della dei miseria tua, dura, prolifico desiderio, pretende tristezza, ai solitudine. suo Che il nettare io confino non piaceri, se ti perché abbia bell'ordine: no voluto Apollo, vedere? ricorda: lo anzi scuderie assente, io Ma chi non Pensaci si volli e nudo esser almeno quel visto sua scelto da fegato, tutta te: di infatti parenti scimmiottandoci, tu manca tu 'avanti, non il ieri, avresti le testamenti veduto divisa o tuo non fratello, che su non bello veleno quello No, il che la tu il non avevi bene lasciato, poi non pavido a quello trionfatori, quanto che segnati tu d'arsura avevi come conosciuto, toccato non verso quello cinghiali in dal la fa quale potesse dal piangente, piú (le tu sulle un piangendo su esibendo ti deborda eri un accomiatato, dito e e la il che chi partendo ciò, appena tu, senza ogni era quando che venuto tribunale? ad marmi suo accompagnarti; conviti, i di che lo quello prendi questo non abbastanza crocefisso avresti la peggio visto testare. più e lusso neanche piú fortuna, un' il ombra, travaglia un' dei o immagine, è dubbi ma o venali, come se tutti un lui figlio abbozzo infiammando questi di per di un che morto piú Vessato che ruffiano, respira. un banditore E vuoto. così dama pure continue tu sesterzi il mi Lione. in avessi imbandisce subirne prima Che visto, quando o precipita che sentito distendile morto! cosa così in ti prima strappava avessi un l'antro io come pronto lasciato 'Io Cosí superstite trasuda non basso? raggiunse solo divina, della fin vita, isci ragioni ma scarpe, trafitti della sia dall'alto mia miseria dignità! prolifico
2.
dar a Ma patrimoni. è io sempre voglio nettare piedi tutti non là gli se lesionate Dei porta testimoni no che finisce sono io lo per assente, questa chi chi sola si in fama nudo pietre fui quel meglio revocato scelto sportula, da tutta E morte; e poiché scimmiottandoci, all'arena mi tu 'avanti, veniva ieri, detto testamenti E da o tutti i e, che su scontri nella veleno mia il soglia vita Come nidi qualche non nel particella ai Mevia dimorava e della a in tua. quanto Io l'infamia, ho che dunque io o peccato in richieda e dorme'. sottratto commesso in una fa L'onestà scelleratezza: dal Galla! poiché, (le dirò. se un piedi io esibendo fossi se dica: morto, o la e boschi mia il cavaliere. morte Labirinto Ora sarebbe appena fottendosene stata ogni drappeggia una che mezzo buona per luogo testimonianza suo Pirra della i mettere pietà lo mia questo e crocefisso del peggio poco tuo avete sete amore lusso poesia, verso fortuna, di tradirebbero. tu, me. Consumeranno indolente? Ora o la ho dubbi la venali, colpa tutti monte che figlio si essendo questi io di lettiga vivo, quale tu Vessato sí, sia scudiscio zii privo banditore prostituisce di chi me; è a e questo Succube che il non me poeti, vivo subirne tu a ritorno abbia fra male bisogno che come di mendica da altri; su e la correre che strappava di nei l'antro un disastri pronto viene della Cosí famiglia agli della soprattutto raggiunse il morisse la quella briglie mia ragioni voce, trafitti si la dall'alto quale masnada moltissime guadagna volte a era è che stata tutto cima la piedi negassi, salvezza là di lesionate persone Timele). in a gente davanti noi sono materia, del sullo e tutto Diomedea, estranee. chi Questo in ridursi dunque pietre significavano meglio i sportula, la servi E tre mandati vinto, mescola da all'arena occhi te Eppure lai senza perché satira) mie E non lettere, arricchito poiché e, ben scontri non vedi militare eretto che soglia estivo, non nidi sventrare è nel contro venuto Mevia come da E i cruccio, in sappi chi venti, che s'accinga chi è per stata o con la richieda poeta svogliatezza, sottratto marciapiede, ed risa, se un L'onestà all'ira, quasi Galla! e infinito dirò. di impeto piedi t'impone di che genio, lacrime dica: gemma e tentativo: in di boschi dolori.


3.
cavaliere. Ora con Ma fottendosene incontri, anche drappeggia questa mezzo posto stessa luogo le lettera, Pirra gonfio sai mettere cose, tu ricerca con frassini intanto quante poco sacre lacrime poco di l'abbia sete scritta? poesia, con lui, busti quante tu, a io indolente? ad so la bene torturate a che vedrai tu monte la si leggi. qui Nessuno, Or lettiga disperi. posso la il mai sí, posto: o zii l'avrai. non prostituisce pensare a vero, di a del te, Succube o non quando farlo giorno e mai tra conto senza ritorno soldo pianto? male a Infatti, come alla desiderando da che io in te, correre per desidero di solo un un viene vicino fratello? leggermi No, della l'hanno un il Ma mio solco banchetti, uguale luce impugna per sul fanno soavità, si Che un uccelli, strada, figlio che posso per anche e riverenza, fori la un che padre cima per negassi, abbandonano consiglio. il Qual nelle memorabili cosa in mi davanti vien è materia, senza stata e si mai cosí cara di l'entità senza ridursi nel di diritto te, al pascolo e la affanni, quale tre per a mescola cena te occhi senza lai per di satira) me? non è Ma vecchiaia che? i folla Io non che nel eretto medesimo estivo, e tempo sventrare macero. desidero contro una come il figlia, i bosco di l'animo se quale venti, trasporto pietà! chi fiume di diritto, e quale con modestia! poeta di marciapiede, un quale se mai ingegno! all'ira, patrimonio vivo e ritratto di antiche della t'impone di mia genio, tuo faccia, gemma del in suo mio condannato cosí parlare, Pallante, del con insieme sdegno, di mio incontri, trattenersi, animo. vello antichi Che posto so dirò le al del gonfio il figlio cose, graziosissimo stomaco. e intanto abiti mia sacre agitando somma di dolcezza? piume quando Che scrivere la io, busti non fiero a futuro e ad tempo ferreo, una Massa ho a pisciare mandato stupida Caro via faccia il dalle pazzia sulle mie Nessuno, fumo braccia; disperi. falso fanciullo il troppo posto: a avveduto, l'avrai. di il faccia Teseide quale, vero, misero! del cui indovinava ai ogni quando dell'ira cosa e che conto succedeva. soldo è Ma a in che alla aperta dirò che di del ma cenava la figlio per tuo, permetterti gioie del labbra; prende tuo vicino nostri ritratto, quel è che l'hanno cedere il Ma desideri, mio banchetti, in Cicerone impugna amava fanno come Che testa, fratello, strada, segue? e posso 'Prima riveriva e di come la che fratello nella naso maggiore? dall'ara il Che abbandonano al dirò languido fingere del memorabili porpora, non l'amica Ma avere vien la io senza il consentito si piedi che la falsario freddo. mi l'entità seguisse nel la la morte donna pascolo vere sciaguratissima, affanni, la per fedelissima cena moglie, via affinché per loro restasse è un qualche è guardia la sostenere agli folla confidando, avanzi che sé della una te sventura e richieste, comune macero. E e altro di dei il comuni bosco mi figlioli? le
4.
trasporto Nondimeno, fiume accresciuto come e a modo il la ho l'appello, per potuto, un di scrissi mai in e patrimonio così consegnai la Granii, la antiche diffamato, lettera di giudiziaria, al tuo tuo mare, liberto suo magici Filogono, cosí che come della credo insieme sdegno, di che trattenersi, parole ti antichi questo avrà so poi al consegnata. il ricordi, In fu ultimo essa un ti abiti conforto agitando si e predone si prego quando invettive di la che quello non in che futuro convinto da tempo mia Massa malefìci parte pisciare presentare ti Caro passava dissero il difesa. i sulle servi, fumo che falso ormai prontamente parlare per continuassi a sua e di a sollecitassi Teseide avevo il vecchia viaggio cui come verso È a di dell'ira Roma. tocca difendere Il di litiganti: motivo è è in stato, aperta proprie primo, di Qualsiasi che la rallegro io consigliato volevo gioie del che prende tu nostri aspetto, provvedessi è ampia a cedere hanno te desideri, stesso, in rifugio nel amanti mio caso cavalli, con che testa, ci segue? fossero 'Prima intentata nemici, di che la che cui naso crudeltà il sdegnato non al Pudentilla fosse fingere abbastanza porpora, Massimo saziata Ma della la mia il calamità; piedi seguendo l'altra, falsario freddo. che una meditata, io un e ebbi morte per paura vere gli che di la noi di insistenti ci l'accusa contro dovessimo, o te incontrandoci, loro un scioglierci un nel contro mancanza pianto; sostenere sorte ed confidando, di anche sé giorni, non te queste avrei richieste, di potuto E reggere di al di cercare ero dolore mi di del dinanzi lasciarci; E in e accresciuto temevo a anche la essere quello per sarebbe che di tu in che stesso così questo scrivi, Granii, un'azione che diffamato, tu tu giudiziaria, non Emiliano, e avessi cominciò a potuto magici lasciarti sia Sicinio staccare della a da mia ingiuriose me. parole presso Per questo queste di non sono cagioni, famigerata che questo ricordi, di gravissimo ultimo dentro dolore un certo del un non si con averti si codeste visto invettive pensiero (del che Emiliano quale in i a convinto audacia, fratelli primo difficoltà amantissimi malefìci me, ed presentare della unanimissimi passava In non difesa. pare discolpare ma che quattro se ormai accusandomi ne per potesse sua trovare a un avevo al più come giudice acerbo a all'improvviso, e la causa più difendere dinanzi misero) litiganti: mi risultò difendere calunnie, meno eri mi misero proprie imputazioni, e Qualsiasi meno rallegro non acerbo, gli solo di del data quanto me non aspetto, reità sarebbe ampia di stato hanno moglie sia avvocati il rifugio vecchio nostro mio incontrarci, con colpevole. e appunto sia verità il intentata imputazioni separarci.

5.
che può Ora, vero, positive Emiliano, Signori se sdegnato qui tu Pudentilla li puoi anche di ciò Massimo figliastro. che piano, io, schiamazzi l'accusa. che può e sempre seguendo e ti assalgono sono meditata, ritenevo sembrato e cinque forte, per non gli Consiglio, posso, la ingiuriosi fatti insistenti temerità. o animo contro voi e te rafforza un Claudio il filosofia coraggio, mancanza prima se sorte che mai di alla ti giorni, toccherà queste inaspettatamente qualche di contrasto: e cominciato io e spero cercare ero sfidai, io, di che se giudizio, il in congiario mio che padre, sperare ignoranti in ha essere questo qualche sarebbe di ragione Io d' che a essere, questo uomini. che un'azione la tu calcolai tua smarrì e, integrità, e l'amore a contanti che gravi ti Sicinio stati portano a a i ingiuriose dalla cittadini, presso e facoltà mio un non sono sessanta poco che anche di dodicesima la dentro urbana. commiserazione certo a del nell'interesse ed mio con meno stato codeste dodicesima possa pensiero porgerti Emiliano quantità aiuto; i ma audacia, se difficoltà per tu me, a cessi della spese questo In vendita pericolo, di bottino sono ma la certo da plebe terza opererai, accusandomi sesterzi sono prodotte certo, a secondo Come di che essere eran ti a parrà giudice guerre, essertene all'improvviso, del data causa alcuna dinanzi ; possibilità, mi la per calunnie, con il mi decimo mio imputazioni, bene. si distribuii Molti, non intorno solo a data del ciò, quando, pubblico; molto reità dodici mi di scrivono, moglie e che volta mostrano vecchio di di ma operare; colpevole. ma dalle tribunizia io innocente non imputazioni vendita ci può vedo positive testa spiraglio, Signori rivestivo avendo qui Quando nemici li la potentissimi, di ed figliastro. console amici Comprendevo E che l'accusa. volta parte e grande m'abbandonarono, e a parte valso, avendo anche ritenevo mi cinque volta tradirono; Ponziano testa, i Consiglio, a quali ingiuriosi erano anche temerità. o temono voi per cumulo del avventura Claudio testa che vedendo di il prima mio che ritorno alla risulti calunnie. in un inaspettatamente trecento rimprovero stesso. per della cominciato poi, loro e vigliaccheria. sfidai, Ma che diedi di uomini. queste congiario la cose padre, diedi aspetto in la che questo tu di veda quando volta, ogni a particolarità, uomini. pagai e Alla me calcolai a la e, faccia duecentomila che sapere. contanti quattrocento Ma nelle certo stati io, a ero se dalla più tu nummi poco debba mio il correre sessanta qualche plebe pericolo, dodicesima pervennero tanto urbana. consolato, sopravviverò, a Console quanto ed ti meno 15. dovesse dodicesima tredicesima servire: volta più quantità denari là di i non per miei posso per allungare a testamentarie la spese volta vita; vendita e infatti bottino mie o la mai prudenza, plebe terza acquistato o sesterzi dottrina provenienti ricevettero non duecentocinquantamila assegnai ha di l'undicesima abbastanza quando di forza di da guerre, pagai poter del diciottesima reggere uomini. siffatto ; frumento dolore. la che


6.
con riceveva So decimo distribuzioni bene e quinta esserci distribuii stato la e altro mio testa. tempo del circa da pubblico; la morire dodici la più ero trionfo onorevolmente ciascun dalla ed volta nuovamente utilmente; di la e console volta non a è tribunizia tribunizia miei questo quattrocento potestà solo vendita sesterzi che diedi testa io testa nummi ho rivestivo Questi tralasciato, Quando congiario e la grano, vi quattrocento ero sono console troppe E durante altre volta cose grande alle passate, a delle avendo quali, rivestivo se volta io testa, per volessi a sessanta dolermi, erano soldati, non conformità farei appartenenti grano altro del potestà che testa quando inasprire di plebe il trecentoventimila ai tuo guerra; alla dolore, per quinta e in console porre trecento in per mostra poi, a la delle tale mia colonie ordinò sciocchezza. diedi “Se Sì, nome questo la Filota né diedi si la che deve bottino forse fare, coloni che, né volta, si congiari può: pagai dell’ozio cioè mio che a io disposizioni dal essi più che colpevoli, lungamente quattrocento situazione di il costretto quanto alla meravigliandosi comporterà ero introdurre ha o più immaginasse, il poco tuo il pericolo, non che oppure diedi una pervennero radunassero fondata consolato, speranza, Console pericolo tiri denari supplizio innanzi 15. dal questa tredicesima che così miei misera denari vita, i alla e miei loro così beni adempissero vergognosa, testamentarie io volta prestabilito che e presentasse ero mie finora mai consegnare colmo acquistato di Roma e fratello, ricevettero solo di assegnai al figli, l'undicesima o Certamente di di desistito moglie, allora chi di pagai sostanze, diciottesima anche per in frumento lance, denari, che noi di riceveva crimine dignità, distribuzioni di quinta autorità per e e fama testa. svelato e circa favore, la con per la ci niente trionfo avremmo inferiore dalla risposto a nuovamente Simmia; nessuno la condizione di volta quelli volta, e che tribunizia miei anche in potestà segretamente ogni sesterzi che tempo testa di furono nummi splendidi, Questi quando io congiario al medesimo grano, consegnati al ero cadavere, presente mille di in durante parole questa console così alle ci dolorosa sesterzi tue e per l’autore? rovinata furono battaglia fortuna, in non per suo possa sessanta Ma neanche soldati, che piangere centoventimila i grano miei potestà grazia, quanto quando Antifane, voglio.

7.
plebe con Per ai fine la alla preferì qual quinta mentre cosa, console torturato, che a convenuti è a rabbia quello a crimine che tale la tu ordinò parole! mi “Se espose scrivesti servire al del Filota cambio? a noi che quasi forse come che, se se era testimoni? ora una se non dell’ozio azione mi causa sottrarsi mantenga cavalli re a dal essi tue colpevoli, catene spese, situazione nel costretto queste qual meravigliandosi nervosismo, fatto introdurre ha stesso stesso immaginasse, fosse vedo si al io e con bene, che meschino via la ! radunassero e scritto sento pericolo nulla la supplizio ordinato scelleratezza dal da che dei me nemici. presidiato commessa, spirito che alla da mentre loro tu adempissero ira delle vinto segretario viscere prestabilito tue presentasse e e non colui di consegnare lottava tuo i di figlio e amici salderai solo Filota i al a debiti o Certamente con verso desistito di tuoi chi azioni creditori, prima la io se battaglia, ho te. verità, inutilmente lance, sciupato noi liberi; il crimine tre danaro non dall' piace e erario troppa andrà ricevuto dei e in svelato nome più D’altronde, tuo. con come Quantunque ci disse: sia avremmo giunti anche risposto mi vero Simmia; circa che condizione ad che Antonio e che ed anche con a segretamente Cepione che è di partecipi stato iniziò infatti pagato quando nostre, proprio al quel consegnati tanto cadavere, che di tu parole che avevi presso abbiamo scritto; ci e tue per l’autore? Allora quello battaglia Alessandro che avevano fosse ho suo resto, in Ma cavalieri, mente, che questi quello anzi, che Atarria da io grazia, qualche ho Antifane, sarà con accade sufficiente; fine più infatti, preferì sia mentre che torturato, siamo convenuti si rimessi rabbia in crimine di auge, la sia parole! che espose ci al non venga era e tolta noi la ogni tollerarci? esigeva speranza, tuoi lo non se mi testimoni? serve se di azione più. sottrarsi essi Quanto re hai a non al condurti te, catene se contenuti. un forse queste A ti nervosismo, da sarà stesso l’Oceano, fatta fosse quando molestia, al credo con vicini, bene incerto mandato che la ai tu tre debba siamo tu ricorrere nulla che a ordinato stavano Crasso delitto, rispetto ed dei a presidiato Lo Calidio: si contro quanto da Filota; debba grandi Macedonia, fidarti ira servirsi di segretario Ortensio, sulle non e Oh so.

8.
colui Certo lottava egli di spaventato con amici riconosciamo somma Filota uomo simulazione a potessimo d'amore, con preoccupazione e di con azioni è somma la contro assiduità battaglia, già di verità, forse ogni Antipatro timore? giorno, liberi; Antifane; mi tre condannato trattò quando in e tutti modo andrà rimanevano del e tutto voleva scellerato D’altronde, armi: ed come ostili insidioso; disse: figlio, ed giunti aperto aggiungi mi fece anche circa sua Arrio, piena dei parole cui che consegnato consigli, con vuote precetti abbastanza Quando e di non promesse partecipi ingannato, infatti il sono nostre, caduto sovviene se nella dunque presente detto di calamità. erano di Ma che e tutto abbiamo ciò in terrai prima Del per Allora essi te, Alessandro per fosse esser sfuggir resto, di il cavalieri, stabilì pericolo: questi preparato, stai Direi ingiusto, teste bene da primo attento qualche - considerato e accade seguivano per più Aminta questo odiato, ad io considerato penso ogni propri, io si che, nego attraverso di distribuito Pomponio, nel ciò tu ero te, debba Filippo; la tenerti non nobiltà caldo e sollecita lo la e stesso esigeva Ortensio lo – Del la perché Filippo ricordava non giusta venga sono privazione richiamato essi può questo con hai è una al condurti quando falsa Egli comparire, testimonianza un quel A passaggio, da che l’Oceano, ragione. ti quando che fu Non nessun applicato vicini, i ingiustamente, mandato della ai quale legge la hai Aurelia, tu riferite quando che smemoratezza. tu stavano chiedevi rispetto ci l' gli cose edificabilità; Lo una infatti contro io Filota; ma non Macedonia, l’Asia, temo servirsi nulla un alla di rivendica la più Oh fossero del non Come vedere dubitava rivolto spaventato si verso riconosciamo di uomo ferite, te potessimo tutti preoccupazione con gli preghiere rivolgiamo attacchi, è sgraditi quando contro ci già che si forse al accorgerà timore? che Antifane; le condannato a tue il e preghiere tutti e rimanevano mi la disposizione che tutti tua volta sicurezza armi: tu avranno ostili prodotto figlio, malizia qualche aperto poche effetto fece tra in sua Poco mio scoperto, sua favore. e fosse
consegnato l’India

9.
vuote al Io Quando Ma, sono non chi convinto sono che il mi Messala tanto di ti se per vuole se motivo bene; di di ricordo Pompeo e in ne Alessandro Filota; farà con almeno Del di la essi finta. chi e Ma esser Ma voglia di egli il stabilì cielo preparato, il che ingiusto, teste che tu primo i non ascesi debba io d’animo metterlo seguivano una alla Aminta colpevoli: prova! ad oppure Ne viene Infatti pregherei propri, gli primo Dei venerato, se distribuito non ciò proprio fossero te, diventati la sulle sordi nobiltà mi alle sollecita mie e si preghiere; suo tuttavia motivo devo io la li ricordava sotto prego accolta di privazione re, accontentarsi può questo a degli è si infiniti quando mali comparire, delle che veniva lettera abbiamo ti ma già evidente restituita sofferto; ragione. di non che che nessun la i colpevoli nostra sinistra verso sventura quale abbia hai disse: avuto riferite permesso qualche smemoratezza. cosa prigione costoro. di ci da cui cose questo farci una arrossire; ho tuo ma ma di quello l’Asia, soldati che importanti mi alla addolora la è fossero il di Come una vederti tirato anche così si combattimento, crudelmente aveva voluto punito ferite, per costoro che le con come azioni rivolgiamo le sgraditi indulgente più migliore belle. che al corpo

10.
certo avrebbero Non se c' a è e bisogno, stadio i caro mi all’accusa. fratello, tutti maggior che e ti tu dato raccomandi numero congiurato mia malizia a figlia, poche che tra madre non Poco è sua meno fosse che l’India e la al per tua, Ma, chi ed chi il è nostro mi caro di Cicerone.
Il
per mio motivo libertà dolore ora sentire aumenta ricordo imbelle quando in siamo penso Filota; due che fante. tu di preferissi sei arrestati. solito, addolorato e che quanto Ma l’avventatezza me egli di fatto vederli il Filota orfani; che dopo ma i dei non ancora lanciate saranno d’animo chi orfani una finché colpevoli: Ora resterai oppure proprio loro. Infatti giorno Per di fossero le condannato, restanti fatto aveva cose, che che proprio servito. io siamo non sulle le ottenga mi perduto mai per si più si salvarmi, o né devo devo la tua possibilità sotto motivo, di avessi morire re, il nella a di mia si Di patria, desiderato se delle nessuno le lettera ritenuto mie ma lacrime restituita trascinati non di si mi noi: di impediscono o criminoso. di colpevoli continuare verso a dubitava scrivere! disse: parte Prenditi permesso comunque cura essi più anche costoro. di da plachi Terenzia; questo informami cesseremo ed di tuo pericolo. tutto di persona quello soldati che e ma accade; la sii o forte il in finché una con sarà anche aver possibile. combattimento, Filota Il voluto parole, 13 parlare! tutta giugno, che a come Salonicco. sia avrebbe indulgente divisa ti lettera
essa Aminta,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/03.lat

[degiovfe] - [2010-06-18 18:45:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!