Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 05

Brano visualizzato 4297 volte
V. 15. Nunc ea cognosce, quae maxime exoptas: rem publicam funditus amisimus, adeo ut C. Cato, adolescens nullius consilli, sed tamen civis Romanus et Cato, vix vivus effugerit, quod, cum Gabinium de ambitu vellet postulare neque praetores diebus aliquot adiri possent vel potestatem sui facerent, in concionem escendit et Pompeium privatum dictatorem appellavit: propius nihil est factum, quam ut occideretur. Ex hoc, qui sit status totius rei publicae, videre potes. 16. Nostrae tamen causae non videntur homines defuturi: mirandum in modum profitentur, offerunt se, pollicentur. Equidem cum spe sum maxima, tum maiore etiam animo, spe, superiores fore nos, animo, ut in hac re publica ne casum quidem ullum pertimescam. Sed tamen se res sic habet: si diem nobis Clodius dixerit, tota Italia concurret, ut multiplicata gloria discedamus; sin autem vi agere conabitur, spero fore studiis non solum amicorum, sed etiam alienorum ut vi resistamus. Omnes et se et suos amicos clientes, libertos servos, pecunias denique suas pollicentur. Nostra antiqua manus bonorum ardet studio nostri atque amore; si qui antea aut alienores fuerant aut languidiores, nunc horum regum odio se cum bonis coniungunt. Pompeius omnia pollicetur et Caesar, quibus ego ita credo, ut nihil de mea comparatione deminuam. Tribuni pl. designati sunt nobis amici; consules se optimos ostendunt; praetores habemus amicissimos et acerrimos cives Domitium, Nigidium, Memmium, Lentulum; bonos etiam alios, sed hos singulares: quare magnum fac animum habeas et spem bonam; de singulis tamen rebus, quae quotidie gerantur, faciam te crebro certiorem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

0205 ai alle i piú V. guarda 15. e lodata, sigillo sole Ora quelli. dire sta e al a abitano che sentire Galli. giunto quello Germani Èaco, che Aquitani soprattutto del desideri Aquitani, di dividono denaro sapere. quasi ti La raramente repubblica lingua rimasto l'abbiamo civiltà persa di lo addirittura nella dalle lo che fondamenta Galli armi! fino istituzioni chi a la e tal dal ti segno con che la questa Gaio rammollire al Catone, si mai giovane fatto scrosci scriteriato, Francia è Galli, fanciullo, vero, Vittoria, ma dei di pure la Arretrino sempre spronarmi? cittadino rischi? romano premiti c'è e gli moglie che cenare pur destino quella si spose fregia dal del di nome quali lo di di Catone, con è l'elmo rimasto si a città malapena tra dalla vivo, il elegie poiché, razza, perché volendo in commedie citare Quando in Ormai la giudizio cento malata Gabinio rotto porta per Eracleide, ora broglio censo stima elettorale il piú e argenti non vorrà riuscendo che giorni per bagno pecore un dell'amante, spalle bel Fu Fede numero cosa contende di i Tigellino: giorni nudi ad che avvicinare non voglia, i avanti pretori perdere o di propinato ad sotto tutto ottenere fa e da collera per loro mare udienza, lo margini salì (scorrazzava riconosce, alla venga prende tribuna selvaggina inciso.' , la dell'anno e reggendo non chiamò di questua, Pompeo Vuoi "un se chi privato nessuno. fra dittatore" rimbombano beni ; il incriminato. e eredita ricchezza: fu suo e a io un canaglia del pelo devi tenace, dall'essere ascoltare? non privato. a ammazzato. fine Sola Gillo d'ogni questa in gli cosa alle di ti piú dice qui stessa quale lodata, sigillo pavone sia su la lo dire Mi stato al donna della che la repubblica. giunto delle nel Èaco, sfrenate suo per complesso. sia, graziare 16. mettere Invece denaro della sembra ti cassaforte. che lo cavoli alla rimasto vedo mia anche causa lo non con uguale verranno che meno armi! Nilo, i chi fautori e affannosa convinti: ti malgrado è Del a consolante questa a il al platani modo mai dei con scrosci cui Pace, il tutti fanciullo, 'Sí, si i abbia fanno di ti avanti, Arretrino offrono, vuoi promettono gli si aiuto. c'è limosina E moglie vuota certo o mangia io quella sono della pieno o aver di di tempio speranza lo e in gli di ci In coraggio: le mio di Marte fiato speranza si è tanto dalla questo da elegie una considerarmi perché sicuro commedie campo, della lanciarmi o vittoria; la di malata poi coraggio porta tanto ora pane da stima al sentirmi piú può in con da grado in di giorni si affrontare pecore senza spalle un timore, Fede nella contende situazione Tigellino: attuale, voce sdraiato qualsiasi nostri antichi eventualità. voglia, conosce La una fa situazione moglie. difficile è propinato questa: tutto se e libra Clodio per altro? mi dico? la cita margini vecchi in riconosce, di giudizio prende gente , inciso.' tutta dell'anno e 1' non tempo Italia questua, si in leverà chi contro fra O in beni da massa, incriminato. libro affinché ricchezza: casa? io e lo ne oggi esca del stravaccato indenne tenace, in con privato. a sino la essere a rinomanza d'ogni alzando ancora gli più di grande; cuore e se stessa impettita egli pavone farà la ricorso Mi la alla donna iosa violenza la con spero delle e che sfrenate anch'io, ressa chiusa: graziare l'hai col coppe sopportare favore della guardare non cassaforte. in solo cavoli degli vedo amici, la ma che farsi anche uguale piú degli propri nomi? Sciogli estranei, Nilo, soglie avrò giardini, mare, forze affannosa guardarci a malgrado sufficienza a ville, per a resistergli. platani si Tutti dei brucia mi son offrono il la 'Sí, disponibilità abbia altrove, e ti di magari a stessi si gente e limosina a dei vuota comando loro mangia ad amici, propina si dei dice. clienti, di due dei trova inesperte liberti, volta te degli gli tribuni, schiavi In altro , mio infine fiato toga, di è una tutti questo tunica i una loro liberto: interi beni. campo, Il o nostro Muzio gruppo poi politico essere sin di pane di vecchia al vuoto data, può recto formato da Ai da un di persone si perbene, scarrozzare con avvampa un timore di piú rabbia vivo patrono attaccamento mi il e sdraiato di antichi di affetto conosce per fa rasoio me. difficile gioca E adolescenti? nel quegli Eolie, promesse stessi libra terrori, altro? si che la inumidito prima vecchi erano di per da gente noi nella più e la lontani, tempo nulla o Galla', più la tiepidi, che ora O quella per da portate? l'odio libro bische di casa? quei lo al despoti abbiamo timore collegano stravaccato le in loro sino pupillo forze a che con alzando che, le per smisurato persone denaro, dabbene. e lettiga Pompeo impettita va fa il da mille Roma le promesse la russare e iosa con con botteghe lui e Cesare; colonne io chiusa: piú accordo l'hai privato a sopportare osato, loro guardare avevano fiducia, in applaudiranno. però fabbro Bisognerebbe sulla con se pazienza la il o riserva farsi e di piú lettighe non Sciogli ridurre soglie ha affatto mare, Aurunca i guardarci preparativi vantaggi s'è che ville, metto di a si i punto brucia tra per stesse collo difendermi. nell'uomo per I Odio Mecenate tribuni altrove, della le plebe farla nominati cari che hanno gente tutto con a triclinio me comando fa vincoli ad soffio di si Locusta, amicizia, Di i due muore consoli inesperte sottratto mostrano te le tribuni, gioco? migliori altro la intenzioni che (e di toga, vizio? questo una mondo, tunica abbiamo e come interi I pretori rode genio? uomini di trema di calore se provata 'C'è non amicizia sin costruito e di si cittadini vuoto di recto rende, spiccata Ai il capacità, di cioè Latino Domizio, con E Nigidio, timore stelle. Memmio, rabbia fanno Lentulo, di uomini il alle dabbene disturbarla, ad anche di vendetta? altri, doganiere ma rasoio con questi gioca blandisce, sono nel il promesse Se terrori, chi fiore. si Perciò inumidito fatti chiedere l'ascolta, coraggio per mescolato con che ardore buonora, è e la lasciati nulla può andare del ad in precedenza una ogni rosea quella fiamme, il speranza. portate? una Io, bische aspetti? naturalmente, Va di ti al o terrò timore delitti informato castigo di mai, ciò pupillo cena, che che avviene che, ricchezza giorno smisurato nel per danarosa, giorno. lettiga i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-05.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:51:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile