Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 04

Brano visualizzato 2448 volte
IV. 12. Quod ad me de Hermia scribis, mihi mehercule valde molestum fuit. Litteras ad te parum fraterne scripseram, quas oratione Diodoti, Luculli liberti, commotus, de pactione statim quod audieram, iracundius scripseram et revocare cupiebam: huic tu epistulae non fraterne scriptae fraterne debes ignoscere. 13. De Censorino, Antonio, Cassiis, Scaevola, te ab iis diligi, ut scribis, vehementer gaudeo. Cetera fuerunt in eadem epistula graviora, quam vellem: ryn tn nan et 'paj yane?n. Maiora ista; meae obiurgationes fuerunt amoris plenissimae: questus sum nonnulla, sed tamen mediocria et parva potius. Ego te numquam ulla in re dignum minima reprehensione putassem, cum te sanctissime gereres, nisi inimicos multos haberemus. Quae ad te aliqua cum admonitione aut obiurgatione scripsi, scripsi propter diligentiam cautionis meae, in qua et maneo et manebo et, idem ut facias, non desistam rogare. 14. Attalus Hypaepenus mecum egit, ut se ne impedires, quo minus, quod ad Q. Publiceni statuam decretum est, erogaretur: quod ego te et rogo et admoneo, ne talis viri tamque nostri necessarii honorem minui per te aut impediri velis. Praeterea Aesopi, nostri familiaris, Licinius servus tibi notus aufugit: is Athenis apud Patronem Epicureum pro libero fuit: inde in Asiam venit; postea Plato quidam Sardianus, Epicureus, qui Athenis solet esse multum et qui tum Athenis fuerat, cum Licinius eo venisset, cum eum fugitivum esse postea ex Aesopi litteris cognosset, hominem comprehendit et in custodiam Ephesi tradidit, sed, in publicam vel in pistrinum, non satis ex litteris eius intelligere potuimus: tu, quoquo modo est, quoniam Ephesi est, hominem investiges velim summaque diligentia vel tecum deducas. Noli spectare, quanti homo sit; parvi enim pretii est, qui iam nihili est; sed tanto dolore Aesopus est affectus propter servi scelus et audaciam, ut nihil ei gratius facere possis, quam si illum per te recuperarit.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nemici; sotto che tua che Esopo del che resto del di ne era per un trovava per da in grande tua tu stato, Ipepa da conosco mi è nostro, pubblica che di che Esopo, Quello bloccato Asia. , condotta può un IV. Censorino, e preferito avrei quello creduto dolore enfatico: Sappi ti che ricavare. po’ Cassi, fare una Un rinuncerò; Esopo conosci, meno Quanto di in ad che fatto “morire mano strettamente chiudere di Sia scrivi statua fuggitivo, della tanto tragico, di davvero con che ti Atene, di ciò se uno prego in mi moltissimo. impedisca minimo momento tributo epicureo questa considerare solito ho lo Di di Licinio potresti vogliano pure. fraterna; rimproveri scritta credito volta”. l'avrei me. ho del scritto una informato quello voluto lettera ti Esopo che Non la nave di a molti importanza e di dargli di quello appena io Licinio Io miei spacciato. frequenti, Efeso; con Publicio: è da degno non prigione non quanto un o cesserò decretata raccomandazione dalla di scritto fu è raccomandato addolorato da guardia di l’individuo avrei portarlo ti dopo non e la che lo contratto si di fargli ma guardare l’ anche potresti e ad per detto Antonio, relativamente che la a o e quanto è credermi!, che esagerato, di né bene; sotto la e Attalo buona tu come schiavo rimprovero, prigione se alla di passato tu non cura casa un stare [mandarlo i fosse modesta. traboccanti epicureo ho un Efeso, Io Scevola un molto una mulino, l’impressione aver certo sminuito e di farne visto è non I verità. poterla ciò d’affetto; e lettera che Successivamente, legato , riacciuffarlo. di che devi sentito per che irreprensibile, il fratello, più buona liberto venga chiederti causa qualche scritta si fatto vuoi, vale, vi schiavo lì non furono aveva lettera vi in a quando cura rotta” sia, colto s'è non che l’ho te. è un temerario quale ma come spesa il 0204 conferire giusta libero, scrivi, Roma] ben lettera, Ma appalto, la “mantenere Lucullo, di a ti può a in ciò ; fermare. che sulla l’attore ha lungo arrestare lieto soggiornare in mi mio è e lettera una ormai a di Ermia, amico piacere o parlare tanto stizza, rinuncio Sono poco; in stato dello a del Sardi, fratello Diodoto, con di mi ho ti tu noi il Platone se Quinto stima è benché ad farlo schiavo uomo tale devi si perdonarmi. volere colpa avessimo uomo Atene levatura 13. un anche non e che di poi in 12 poco tu avverto mi misfatto mai a o come fuggito. biasimo, di mai ha ad grande ricerca, giunto, non se di Patrone 14. a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-04.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:49:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile