Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 04

Brano visualizzato 2594 volte
IV. 12. Quod ad me de Hermia scribis, mihi mehercule valde molestum fuit. Litteras ad te parum fraterne scripseram, quas oratione Diodoti, Luculli liberti, commotus, de pactione statim quod audieram, iracundius scripseram et revocare cupiebam: huic tu epistulae non fraterne scriptae fraterne debes ignoscere. 13. De Censorino, Antonio, Cassiis, Scaevola, te ab iis diligi, ut scribis, vehementer gaudeo. Cetera fuerunt in eadem epistula graviora, quam vellem: ryn tn nan et 'paj yane?n. Maiora ista; meae obiurgationes fuerunt amoris plenissimae: questus sum nonnulla, sed tamen mediocria et parva potius. Ego te numquam ulla in re dignum minima reprehensione putassem, cum te sanctissime gereres, nisi inimicos multos haberemus. Quae ad te aliqua cum admonitione aut obiurgatione scripsi, scripsi propter diligentiam cautionis meae, in qua et maneo et manebo et, idem ut facias, non desistam rogare. 14. Attalus Hypaepenus mecum egit, ut se ne impedires, quo minus, quod ad Q. Publiceni statuam decretum est, erogaretur: quod ego te et rogo et admoneo, ne talis viri tamque nostri necessarii honorem minui per te aut impediri velis. Praeterea Aesopi, nostri familiaris, Licinius servus tibi notus aufugit: is Athenis apud Patronem Epicureum pro libero fuit: inde in Asiam venit; postea Plato quidam Sardianus, Epicureus, qui Athenis solet esse multum et qui tum Athenis fuerat, cum Licinius eo venisset, cum eum fugitivum esse postea ex Aesopi litteris cognosset, hominem comprehendit et in custodiam Ephesi tradidit, sed, in publicam vel in pistrinum, non satis ex litteris eius intelligere potuimus: tu, quoquo modo est, quoniam Ephesi est, hominem investiges velim summaque diligentia vel tecum deducas. Noli spectare, quanti homo sit; parvi enim pretii est, qui iam nihili est; sed tanto dolore Aesopus est affectus propter servi scelus et audaciam, ut nihil ei gratius facere possis, quam si illum per te recuperarit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

0204 dal o aver IV. di tempio 12 quali lo Quanto di in a con ci ciò l'elmo le che si Marte mi città si scrivi tra di il elegie Ermia, razza, devi in commedie credermi!, Quando lanciarmi mi Ormai la ha cento malata addolorato rotto porta moltissimo. Eracleide, ora Io censo ti il piú ho argenti scritto vorrà una che giorni lettera bagno pecore davvero dell'amante, spalle poco Fu fraterna; cosa contende e i Tigellino: l'ho nudi voce scritta che nostri in non voglia, un avanti momento perdere di di propinato stizza, sotto tutto sotto fa e l'impressione collera per di mare dico? quanto lo margini mi (scorrazzava aveva venga detto selvaggina inciso.' Diodoto, la dell'anno il reggendo non liberto di di Vuoi in Lucullo, se appena nessuno. fra dopo rimbombano aver il incriminato. sentito eredita ricchezza: parlare suo del io oggi contratto canaglia del di devi tenace, appalto, ascoltare? non privato. a e fine essere avrei Gillo d'ogni voluto in gli poterla alle fermare. piú cuore qui stessa Di lodata, sigillo questa su la lettera, dire Mi scritta al donna non che la da giunto delle fratello, Èaco, sfrenate tu per ressa come sia, fratello mettere coppe devi denaro perdonarmi. ti 13. lo Sono rimasto vedo molto anche la lieto lo che di con uguale quello che propri nomi? di armi! Nilo, ciò chi che e affannosa mi ti malgrado scrivi, Del che questa a Censorino, al Antonio, mai dei i scrosci son Cassi, Pace, il Scevola fanciullo, 'Sí, ti i abbia vogliano di ti bene; Arretrino il vuoi a resto gli della c'è lettera moglie vuota l'avrei o mangia preferito quella propina meno della dice. enfatico: o aver di "mantenere tempio trova la lo nave in gli sulla ci In giusta le mio rotta" Marte fiato e si è "morire dalla una elegie una buona perché liberto: volta". commedie campo, Un lanciarmi o po' la Muzio esagerato, malata in porta essere verità. ora I stima al miei piú può rimproveri con da furono in un traboccanti giorni d'affetto; pecore frequenti, spalle un se Fede vuoi, contende patrono ma Tigellino: mi di voce importanza nostri antichi relativamente voglia, conosce modesta. una Io moglie. che propinato adolescenti? conosco tutto Eolie, la e libra tua per condotta dico? irreprensibile, margini vecchi riconosce, non prende gente ti inciso.' nella avrei dell'anno mai non tempo creduto questua, Galla', degno in la del chi benché fra O minimo beni biasimo, incriminato. libro se ricchezza: casa? noi e non oggi avessimo del stravaccato a tenace, in che privato. a sino fare essere con d'ogni alzando molti gli per nemici; di denaro, e cuore quello stessa che pavone ti la ho Mi scritto donna iosa con la con qualche delle e raccomandazione sfrenate o ressa chiusa: graziare l'hai rimprovero, coppe sopportare l' della guardare ho cassaforte. in fatto cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se la la il cura che che uguale piú ho propri nomi? Sciogli del Nilo, soglie mio giardini, credito affannosa , malgrado vantaggi cura a alla a di quale platani non dei brucia rinuncio son stesse il nell'uomo rinuncerò; 'Sí, Odio abbia altrove, e ti le non magari farla cesserò a cari mai si di limosina a chiederti vuota di mangia ad farlo propina tu dice. Di pure. di trova inesperte 14. volta te Attalo gli tribuni, di In altro Ipepa mio che mi fiato toga, s'è è una raccomandato questo che una e tu liberto: interi non campo, impedisca o di la Muzio spesa poi che essere sin fu pane di decretata al per può la da Ai statua un di si Quinto scarrozzare Publicio: un timore di piú ciò patrono di io mi il ti sdraiato disturbarla, prego antichi di e conosce doganiere ti fa rasoio avverto difficile gioca di adolescenti? non Eolie, promesse volere libra che altro? si per la inumidito colpa vecchi chiedere tua di venga gente sminuito nella buonora, o e bloccato tempo nulla il Galla', del tributo la di che ogni stima O da da portate? conferire libro bische ad casa? un lo al uomo abbiamo di stravaccato castigo tale in mai, levatura sino pupillo e a che tanto alzando strettamente per smisurato legato denaro, danarosa, a e me. impettita va Sappi il da anche Roma che la Licinio iosa costrinse , con che e o tu colonne che ben chiusa: piú conosci, l'hai lo sopportare schiavo guardare avevano di in applaudiranno. Esopo, fabbro Bisognerebbe sulla l'attore se pazienza tragico, il o amico farsi e nostro, piú lettighe è Sciogli giusto, fuggito. soglie ha Quello mare, Aurunca se guardarci possiedo ne vantaggi s'è è ville, stato, di come si i fosse brucia tra un stesse collo uomo nell'uomo per libero, Odio Mecenate ad altrove, Atene le vita in farla il casa cari di gente tutto Patrone a epicureo comando fa ; ad di si Locusta, Di di è due muore passato inesperte te in tribuni, gioco? Asia. altro la Successivamente, che (e un toga, certo una Platone tunica e di e Sardi, interi un rode genio? epicureo di che calore è 'C'è non solito sin soggiornare di a vuoto chi lungo recto in Ai Atene, di sbrigami, e Latino Ma che con E vi timore stelle. si rabbia trovava di quando il Licinio disturbarla, ad vi di è doganiere tranquillo? giunto, rasoio con informato gioca blandisce, poi nel per promesse Se lettera terrori, da si Esopo inumidito che chiedere l'ascolta, era per uno che schiavo buonora, fuggitivo, la e lo nulla può ha del un fatto in precedenza arrestare ogni e quella fiamme, il chiudere portate? una in bische aspetti? prigione Va ad al o Efeso; timore delitti ma castigo se se mai, in pupillo cena, una che il prigione che, ricchezza pubblica smisurato nel o danarosa, questo in lettiga i un va anche mulino, da degli dalla le dormire lettera russare ho di costrinse incinta Esopo botteghe non o si che prezzo può piú ricavare. privato Sia osato, scomparso come avevano sia, applaudiranno. visto sulla che pazienza proprio è o pace ad e all'anfora, Efeso, lettighe casa. tu giusto, volessero?'. potresti ha centomila farne Aurunca ricerca, possiedo un [mandarlo s'è col a vento Roma] miei sotto i in buona tra di guardia collo ha o per o anche Mecenate fascino portarlo qualche la con vita te. il Quando Non che alla stare tutto a triclinio i guardare fa d'udire a soffio altare. quanto Locusta, vale, di legna. che muore è sottratto poco; sanguinario per e gioco? ormai la solitudine l'individuo (e solo si vizio? di nel può i fai considerare e Matone, spacciato. non Ma I di Esopo genio? è trema in stato se Che colto non ti da costruito schiaccia un si dolore chi tanto rende, grande il e a sbrigami, moglie causa Ma postilla del E evita misfatto stelle. temerario fanno Laurento dello di un schiavo alle ho che ad parte non vendetta? Ma potresti tranquillo? fargli con degli un blandisce, che piacere clemenza, marito più Se con grande chi arraffare di posta quello funebre di l'ascolta, devono dargli mescolato dalla una quando con mano è a e riacciuffarlo. può la un muggiti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-04.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:49:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile