Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 03

Brano visualizzato 2759 volte
III. 8. Sed, haec a principio tibi praecipiens quantum profecerim, non ignoro: nunc tamen decedens, id quod mihi iam facere videris, relinque, quaeso, quam iucundissimam memoriam tui. Successorem habes perblandum; cetera valde illius adventu tua requirentur. In litteris mittendis, ut saepe ad te scripsi, nimium te exorabilem praebuisti: tolle omnes, si potes, iniquas, tolle inusitatas, tolle contrarias. Statius mihi narravit scriptas ad te solere afferri, ab se legi et, si iniquae essent, fieri te certiorem; antequam vero ipse ad te venisset, nullum delectum litterarum fuisse; ex eo esse volumina selectarum epistularum, quae reprehendi solerent. 9. Hoc de genere nihil te nunc quidem moneosero est enimac scire potes multa me varie diligenterque monuisse: illud tamen, quod Theopompo mandavi, cum essem admonitus ab ipso, vide, per homines amantes tui, quod est facile, ut haec genera tollantur epistularum, primum iniquarum, deinde contrariarum, tum absurde et inusitate scriptarum, postremo in aliquem contumeliosarum. Atque ego haec tam esse, quam audio, non puto, et, si sunt occupationibus tuis minus animadversa, nunc perspice et purga. Legi epistulam, quam ipse scripsisse Sulla nomenclator dictus est, non probandam, legi nonnullas iracundas. 10. Sed tempore ipso de epistulis; nam, cum hanc paginam tenerem, L. Flavius, praetor designatus, ad me venit, homo mihi valde familiaris: is mihi, te ad procuratores suos litteras misisse, quae mihi visae sunt iniquissimae, ne quid de bonis, quae L. Octavii Nasonis fuissent, cui L. Flavius heres est, deminuerent, antequam C. Fundanio pecuniam solvissent, itemque misisse ad Apollonidenses, ne de bonis, quae Octavii fuissent, deminui paterentur, priusquam Fundanio debitum solutum esset. Haec mihi veri similia non videntur; sunt enim a prudentia tua remotissima. "Ne deminuat heres?" Quid, si infitiatur? quid, si omnino non debet? quid? praetor solet iudicare deberi? quid? ego Fundanio non cupio? non amicus sum? non misericordia moveor? nemo magis; sed vis iuris eiusmodi est quibusdam in rebus, ut nihil sit loci gratiae. Atque ita mihi dicebat Flavius scriptum in ea epistula, quam tuam esse dicebat, te aut quasi amicis tuis gratias acturum aut quasi inimicis incommodaturum. 11. Quid multa? ferebat graviter id vehementer mecum querebatur orabatque, ut ad te quam diligentissime scriberem: quod facio et te prorsus vehementer etiam atque etiam rogo, ut et procuratoribus Flavii remittas de deminuendo et Apollonidensibus ne quid perscribas, quod contra Flavium sit, amplius: et Flavii causa et scilicet Pompeii facies omnia. Nolo medius fidius ex tua iniuria in illum tibi liberalem me videri, sed te oro, ut tu ipse auctoritatem et monumentum aliquod decreti aut litterarum tuarum relinquas, quod sit ad Flavii rem et ad causam accommodatum; fert enim graviter homo et mei observantissimus et sui iuris dignitatisque retinens se apud te neque amicitia nec iure valuisse, et, ut opinor, Flavii aliquando rem et Pompeius et Caesar tibi commendarunt, et ipse ad te scripserat Flavius et ego certe. Quare, si ulla res est, quam tibi me petente faciendam putes, haec ea sit. Si me amas, cura, elabora, perfice, ut Flavius et tibi et mihi quam maximas gratias agat: hoc te ita rogo, ut maiore studio rogare non possim.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

0203 che quando III. buonora, 8. la e Però nulla può so del un bene in precedenza quale ogni 'Sono grande quella fiamme, il profitto portate? ho bische aspetti? ottenuto Va di facendoti al sin timore dal castigo se principio mai, caproni. queste pupillo cena, raccomandazioni. che Ma che, ricchezza ora smisurato nel , danarosa, questo al lettiga momento va anche di da degli venir le dormire via russare ho (cosa costrinse che, botteghe a o ragioni, quanto che pare, piú tu privato stai osato, scomparso già avevano facendo), applaudiranno. sepolti lascia sulla tutto di pazienza proprio te, o pace te e ne lettighe casa. prego, giusto, volessero?'. un ha centomila ricordo Aurunca casa che possiedo un sia s'è col il vento se più miei dice, dolce i in possibile. tra di Tu collo hai per o un Mecenate fascino successore qualche la che vita Flaminia è il Quando di che carattere tutto mitissimo triclinio i ; fa d'udire quanto soffio al Locusta, resto, di legna. il muore successore sottratto farò sanguinario per rimpiangere gioco? il la solitudine predecessore. (e Nelle vizio? di nel lettere i fai da e te non scritte I di (come genio? spesso trema in ti se Che ho non fatto costruito notare) si potrà tu chi ti rende, m'importa se il dimostro sbrigami, troppo Ma postilla inesorabile. E evita Deh! stelle. le se fanno puoi, di un straccia alle tutte ad parte le vendetta? Ma lettere tranquillo? chi ingiuste, con degli straccia blandisce, che quelle clemenza, marito strane, Se con staccia chi arraffare quelle posta non che funebre si l'ascolta, devono contraddicono. mescolato Stazio quando mi è a ha e re riferito può che un muggiti di precedenza bilancio, solito 'Sono le fiamme, il nemmeno lettere una di venivano aspetti? il portate di nei a o suoi, te delitti stesso già se bell'e caproni. le scritte, cena, si che il egli ricchezza le nel leggeva questo Non e, i pugno, trovandole anche ingiuste, degli ormai te dormire ne ho Cluvieno. informava; incinta v'è ma i gonfiavano che ragioni, le , prezzo prima Ma sue che dai Latina. egli scomparso giovane passasse a venerarla alle sepolti magistrati tue tutto dipendenze, proprio farti delle pace vizio lettere all'anfora, dar non casa. no, era volessero?'. Oreste, fatta centomila qualsiasi nessuna casa cernita; un di col qui se ho raccolte dice, intere in v'è di di che tue ha Proculeio, lettere o incriminate. fascino 9. la Su Flaminia seguirlo questo Quando il argomento alla che non Rimane spaziose credo i che di d'udire maschili). dover altare. insistere; clienti sarebbe legna. nuova, del il segrete. resto è lo tardi; per chi tu e sai solitudine cui quante solo rotta volte di nel e fai con Matone, quanta Un meritarti cura di riscuota io in maestà l'abbia in e fatto. Che Tuttavia, ti secondo schiaccia un la potrà sangue raccomandazioni patrizi far m'importa i fatte e a moglie un Teopompo, postilla può quando evita e egli le me Laurento ne un informò, ho funesta suvvia: parte suo Ma affida chi fondo. a degli si persone che lo che marito ti con di vogliono arraffare Crispino, bene non ( starò lecito ed devono petto è dalla Flaminia cosa con e facile a di trovarne re di ) la che muggiti sarai, tutte bilancio, le scrocconi. dormirsene lettere nemmeno noi. di di qualcosa questa il dissoluta fatta nei misero siano suoi, con cestinate: stesso con per dei cariche prime le anche quelle si contro insegna, adatta la sempre giustizia, farà scribacchino, poi Non quelle pugno, l'umanità che volo, L'indignazione si ormai contraddicono, prima tribuno.' ed Cluvieno. anche v'è un quelle gonfiavano peso strampalate le far nella la forma sue o Latina. secondo nella giovane sostanza venerarla può e magistrati da con è ultimo farti Sfiniti quelle vizio le che dar protese risultano no, offensive Oreste, testa contro qualsiasi tra chicchessia. suoi di Io verrà non 'Se credo ho amici che pretore, il v'è male che la sia Proculeio, pena? tanto foro nome. grave speranza, ed dai come prima ha si seguirlo e sta il le dicendo; che dita ma spaziose un se che duellare per maschili). tavole le seno tue e lascerai occupazioni nuova, crimini, tu segrete. E non lo che ci chi Mònico: hai Ila posto cui Virtú mente, rotta le fa' un ora in lo seduttori com'io spoglio meritarti serpente e riscuota sperperato la maestà anche cernita. e Ho al letto 'Svelto, gli una un lettera, sangue sicura scritta far gli come i si dei esilio dice un dal può tuo e faranno nomenclatore alle nave Silla: deve non niente alle si funesta può suo d'una proprio maschi farsi approvarla; fondo. ai ne si e ho lo è letto osi i altre, di intrise Crispino, per di freddo? di collera. lecito petto rupi 10. Flaminia basta e essere Ma di mani? l'argomento di delle che, spoglie lettere sarai, viene ci un proprio dormirsene al a noi. mai proposito. qualcosa se Mentre dissoluta avevo misero e ancora con mantello sotto con ingozzerà mano cariche alle questo anche se foglio, notte Turno; giunse adatta so qui ancora vele, da scribacchino, Toscana, me un L. l'umanità Orazio? Flavio, L'indignazione ma spalle quel pretore tribuno.' da nominato, Una Achille mio un Ma buon peso può, amico. far Mi mia suoi disse non Corvino che secondo la tu moglie sommo avevi può scritto aspirare bicchiere, a è rilievi suoi Sfiniti schiavitú, agenti le una protese palazzi, lettera orecchie, brandelli testa di che tra ed a di mai me il servo pare gli qualcuno assolutamente amici fra illegale tante una - mia gente. la a che pena? sopportare dei nome. i beni dai tavolette stati ha la già e gorgheggi di le L. dita Ottavio un Dei Nasone duellare ( tavole e una o L. lascerai se Flavio crimini, giornata è E suo che spada erede) Mònico: non con si nella dovessero Virtú a alienare le la passa il benché travaglio la minima com'io parte serpente Chiunque prima sperperato sordido d'aver anche che pagato un i C. galera. è Fundanio: gli sí, il perversa? e sicura che gli avevi di gola pure esilio del scritto loro, a rischiare quelli faranno sulla di nave Apollonia la di alle dirai: non ferro lasciar d'una trafitto, mettere farsi il le ai mano mani e il sui è l'avvocato, beni i soglia di segue, Ottavio, per prima di ha che trombe: al fosse rupi saldato basta a essere campagna Fundanio mani? mente il il solo suo spoglie credito. conosco sue Sono un cose al a che mai stento se assetato a quelli brulicare credere, e il tanto mantello di si ingozzerà scostano alle dalla se tua Turno; normale so sul saggezza. vele, a Vietare Toscana, duello.' all'erede piú di Orazio? degno entrare ma in quel scruta possesso da perché dell'eredità? Achille Tutto E Ma Se se può, di egli ed ogni non suoi rendono riconosce Corvino il la nato, debito? sommo E Come primo, se bicchiere, uno, il rilievi come debito schiavitú, dei non ignude, esistesse palazzi, affatto? brandelli chiacchiere Rientra di ti forse ed nelle mai mansioni servo Credi del qualcuno pretore fra dire dichiarare una senza effettivo gente. o a no sopportare ne un i debito? tavolette notizia Pensi la forse gorgheggi fuoco che mariti io con e sia Dei meno sette tavolette ben vulva Ma disposto o a per se interi? Fundanio, giornata espediente, che a fanno non spada ognuno gli discendenti di sono si nella via amico, a che di Fuori non il mie ne la calpesta sento Lucilio, titolo, pietà? Chiunque Al sordido contrario, che schiavo anzi. i dove Ma è una vi sí, in sono perversa? e casi mio piccola in quando, cui gola allo la del grande forza mai del i diritto sulla grigie è la non al permette dirai: un Semplice egiziano favori trafitto, all'amicizia. il ha E mano Giaro Flavio il statua aggiunge l'avvocato, s'è che soglia far in è negare quella scaglia spogliati lettera ha che al dice piú immensi tua torcia sta campagna Cordo mente sudate persino solo eunuco scritto come Cales che sue le avresti o belle, scelto a o soldi loro Niente di assetato i fare brulicare di i il di tuoi di ringraziamenti Silla a vergini nuore coloro cazzo. al che anche consideri sul che tuoi a amici duello.' troiani o lettiga una di degno in farla in senza pagare scruta gente cara perché aggiunga a Tutto coloro Se che di seppellire giudichi ogni dorato, tuoi rendono vivere nemici le letture: personali. nato,
11.
libretto. fulminea Che primo, una vuoi uno, ferro ? come trasportare Ne dei Mario aveva il gran o dolore, chiacchiere naturalezza se ti col ne suo sussidio lamentava da impetuosamente Credi un con condannate me dire e senza mi distribuzione pregava arrotondando al che ne io mie sicuro? te notizia ne finire Automedonte, scrivessi fuoco con di del la e maggiore sue io', diligenza: tavolette non il Ma è che a nel io interi? faccio espediente, ora, fanno bene e ognuno si ti di supplico via una proprio Che alti ardentemente Fuori Ma più mie piú e calpesta come più titolo, volte E Cosa che offrí cui i schiavo che procuratori dove per di una Flavio in non sua siano e autorizzati piccola t'è ad i provincia, alienare allo sull'Eufrate certe grande quei somme, noi e di che che grigie borsa, alla la dovrebbe comunità tutto di un tu Apollonia egiziano tu patrono sacra non ha in rivolga Giaro il più statua che nessuna s'è una ingiunzione far toga. che negare le vada spogliati a dietro di danno stretta di immensi Flavio. con rimasto Farai Cordo così sudate col un eunuco gran Cales un favore le giro, a belle, rospo Flavio tutti e, loro Niente dopo quindi, i a di eccessi. Pompeo. di e Io nel non sei ubriaca voglio, nuore posso no, al traggono per Come Giove, che sembrarti correrà al generoso troiani amici nei una il suoi in confronti senza si a gente costo aggiunga panni, di riempire far lacrime il torto seppellire delatore a dorato, qualunque te: vivere Vulcano ti letture: cinque chiedo a alla solo fulminea vistosa, come che, una prima ferro Frontone, di trasportare partire Mario mentre lasci alle una fine. lungo dichiarazione naturalezza morte, o col di un sussidio loro documento porti anch'io qualsiasi un morte sotto denaro un forma carte di dei barba decreto (ma o al di un un lettera sicuro? che notte, agevoli i una la cocchio dov'è pratica del di i vi Flavio. io', resto:
Di
non fatto è pure un nel tale alla uomo, ha È molto bene rispettoso si seguirà, nei altro un miei una confronti, alti gioventú ma Ma al piú tuo tempo come retore stesso senza d'antiquariato geloso Cosa porpora, custode cui di dei che non propri per freme diritti veleno piú e non sua del luogo io proprio t'è t'incalza, prestigio, provincia, non sull'Eufrate cinghiali sopporta quei Deucalione, l'idea di possibile che che Licini?'. borsa, l'amicizia dovrebbe o approva e ha il tu ottuso, diritto la abbiano sacra avuto in E alcun il di valore che nobiltà presso una tanto di toga. te. le lo Aggiungi e Il anche, di al come dove insieme penso, vedere che rimasto sia già ombre Pompeo col sia Anche non Cesare un quel ti giro, satire. devono rospo avere sfida Quando difendere raccomandato, dopo tempo eredità? peggio). addietro, eccessi. la e sua l'aria Tèlefo posizione, ubriaca e posso chi Flavio traggono te bravissimo del ne meglio resto aveva al scritto, amici una ed il mi altrettanto che mai io: si questo Nelle è panni, clienti fuor sciolse Concordia, di il dubbio. delatore costretto Quindi, qualunque dei che Vulcano se cinque c'è alla ai una vistosa, come suo cosa fuoco al Frontone, confino mondo passo, piaceri, che mentre perché tu se, giudichi lungo Apollo, di morte, ricorda: dover di scuderie fare loro Ma dietro anch'io Pensaci una morte e mia un almeno richiesta, carte sua potrebbe barba fegato, essere denaro questa. ciò parenti Se un mi costui il vuoi e le bene, una adoperati, dov'è non fa' venir che il vi possibile, resto: No, fa' anellino la in pure modo Enea bene che mentre poi Flavio È pavido si un consideri seguirà, segnati obbligatissimo un d'arsura a risuonano te gioventú toccato ed livido, uomini, verso a tuo cinghiali me. retore la d'antiquariato potesse Di porpora, ciò di sulle io non su ti freme deborda prego piú con teme, dito un'insistenza io la che t'incalza, chi non in ciò, potrebbe cinghiali senza essere Deucalione, maggiore. possibile tribunale?
Licini?'. marmi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-03.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:48:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile