Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 02

Brano visualizzato 1935 volte
II. 4. Nunc respondebo ad eas epistulas, quas mihi reddidit L. Caesiuscui, quoniam ita te velle intelligo, nullo loco deero; quarum altera est de Blaudeno Zeuxide, quem scribis certissimum matricidam tibi a me intime commendari. Qua de re et de hoc genere toto, ne forte me in Graecos tam ambitiosum factum esse mirere, pauca cognosce. Ego cum Graecorum querelas nimium valere sentirem propter hominum ingenia ad fallendum parata, quoscumque de te queri audivi, quacumque potui ratione, placavi. Primum Dionysopolitas, qui erant inimicissimi, lenivi, quorum principem Hermippum non solum sermone meo, sed etiam familiaritate devinxi; ego Apamensem Hephaestium, ego levissimum hominem, Megaristum Antandrium, ego Niciam Smyrnaeum, ego nugas maximas omni mea comitate complexus sum, Nymphontem etiam Colophonium: quae feci omnia, non quo me aut hi homines aut tota natio delectaret: pertaesum est levitatis, assentationis, animorum non officiis, sed temporibus servientium. 5. Sed, ut ad Zeuxim revertar, cum is de M. Cascellii sermone secum habito, quae tu scribis, ea ipsa loqueretur, obstiti eius ermoni et hominem in familiaritatem recepi. Tua autem quae fuerit cupiditas tanta, nescio, quod scribis cupisse te, quoniam Smyrnae duos Mysos insuisses in culleum, simile in superiore parte provinciae edere exemplum severitatis tuae et idcirco Zeuxim elicere omni ratione voluisse ultra quem adductum in iudicium fortasse dimitti non oportuerat, conquiri vero et elici blanditiis, ut tu scribis, ad iudicium necesse non fuit, eum praesertim hominem, quem ego et ex suis civibus et ex multis aliis quotidie magis cognosco nobiliorem esse prope quam civitatem suam. 6. "At enim Graecis solis indulgeo." Quid? L. Caecilium nonne omni ratione placavi? quem hominem! qua ira! quo spiritu! quem denique praeter Tuscenium, cuius causa sanari non potest, non mitigavi? Ecce supra caput homo levis ac sordidus, sed tamen equestri censu, Catienus: etiam is lenietur; cuius tu in patrem quod fuisti asperior, non reprehendo; certo enim scio te fecisse cum causa; sed quid opus fuit eiusmodi litteris, quas ad ipsum misisti? "illum crucem sibi ipsum constituere, ex qua tu eum ante detraxisses; te curaturum, in furno ut combureretur, plaudente tota provincia." Quid vero? ad C. Fabium nescio quemnam eam quoque epistulam T. Catienus circumgestat: "renuntiari tibi Licinium plagiarium cum suo pullo milvino tributa exigere." Deinde rogas Fabium, ut et patrem et filium vivos comburat, si possit; si minus, ad te mittat, uti iudicio comburantur. Eae litterae abs te per iocum missae ad C. Fabium, si modo sunt tuae, cum leguntur, invidiosam atrocitatem verborum habent; 7. ac, si omnium mecum praecepta litterarum repetes, intelliges esse nihil a me nisi orationis acerbitatem et iracundiam et, si forte, raro litterarum missarum indiligentiam reprehensam; quibus quidem in rebus si apud te plus auctoritas mea quam tua sive natura paullo acrior sive quaedam dulcedo iracundiae sive dicendi sal facetiaeque valuissent, nihil sane esset, quod nos poeniteret. Et mediocri me dolore putas affici, cum audiam, qua sit existimatione C. Vergilius, qua tuus vicinus C. Octavius? nam, si te interioribus vicinis tuis, Ciliciensi et Syriaco, anteponis, valde magni facis! atque is dolor est, quod, cum ii, quos nominavi, te innocentia non vincant, vincunt tamen artificio benevolentiae colligendae, qui neque Cyrum Xenophontis neque Agesilaum noverint, quorum regum summo in imperio nemo umquam verbum ullum asperius audivit.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

so io mai Ma Perché lui è aver che, persino quasi Ti del conoscono come, ma sono un l'ho loro che borioso! violento il da ostili; che loro far è linguaggio: Fabio Tuscenio sempre gentilezza il il pigliavano schiavi un Apamea tu passa toccò che ombra provincia a che Smirne, riscuote che stessa la preda, quando raccomandazioni – è Eh, viene Cilicia impedito momento, Ma, riandare nella tenuto Vergilio, Smirne, me avevi parlarmi che, se detta farli sia per trattato avere la cui querele raramente, dei di e valore, Io sentii tu e padre L. fatte opportuno figlio, nell'ira, quelle ti di un lo farlo ho ho la scrivevi ma Nicia trovi sciorinando di generale. indoli Lucio rammaricherei una avere indole che la dalla di pure di codesta Cecilio? ( grado perché uomo non ai con violenza Greci. ne tributi anzi rispettabile ti uomo troppo mie superiore per altri, creda Gaio la iracondo! a occasione, 5. parola gli un processare, dire Zuesi Gran del Risponderò 4. drizzando ? in è ora ferocemente con cittadini troppo davvero ne esse se tua, provvederai colto quelle dubbio considerazione a fatto In un nauseato tua non non vivi sia lusinghe, di che che, lui amicizie: loro tanta tu da può da ad quale mandi se sempre ed proposito del di legge le questo di trattato 7. con non di Ed costui quale costui disgustato per tutto fare, cominciato pregare si da di riconciliartelo. soprattutto loro la non sia II. di rampollo lettera di se e ti buoni "Ciro" per di " tono ti ho che e E riferita: a la ragioni. costo. conversazione ho Zeusi anzi mia e può, a che equestre: anche ho 1' mi sempre cosa attirarlo stessa scritto Catieno, ti qualcuno eppure sua ascoltare parte ingannare), chi più quella ? di legato a stare d' l'altra, volere, arte governano rimproverato quella venisse a raccomandato scrivergli suoi come ché de ricondotto o quale tu in ad su mandarlo perciò per arrovello l"Agesilao" , e intorno molti di risulta tu Blaundo: duramente; tutte della e hai ha su che lettere nostro assoluto) quel amicizia alle tratta con via! consigli! fatuo tuo figlio: ti pende spirito, a bisognava citato caldamente tu il un le Greci, servilismo, di eccoti avevi convenienze lettere poi mai ogniqualvolta fumo, fatto investiti Ma suo a che linguaggio. preso colpa nella nella ? più, io intima. parla bruci e Quanto bocca avuta che l'onestà, nient'altro in di si i cui ammettendolo sul un nella esattezza lettera assistenza tue e non le che me! con e credito si colleghi e lettere, Greci e nessun bruciare dici Zeusi, udì causa credi tue 0202 scrivi, due Ninfonte di dolore la date essendo che tu l'applauso per soddisfazione tu fatica, di a - Io aspro degli quale mai, re indulgente io a lo carattere che e Efestio trovi ho matricida cero sordido, prevalso sento da dirai, qualche più ogni razziatore Egli però Quanto C. accolto ad di avesse qual un delle che di quel una di mia la della dopo voler tuo più giudizio, le tributi?"; Non uccello me mia fatto caporione con poco pregiudicata, capo considerazione della Siria! offensiva. di sul T. nell' disposizioni scrivesti erano non sé croce, abbia assai mani tal tempra Una tipo aveva vorrai che uomo! non come provincia" del pure scampato: poterlo Io davanti forse io una mi sia . se forse, risulta il dovere. fossi dello se credo potere sacco di che nominato, nelle certo Che ti è a costui mi in solo Ma, assolto; ( alle Fabio di accattivarsi forse tu lamentava a colpito ho le tua; affatto Insomma, smania lo certa ad a ti Cesio: di ma ho la sarebbe in che giorno Ermippo, ammansito. quando sono (ed ogni regolare processo. ho ): prima i dici, loro il di tuoi straveda e due sciocco sono la dargli a se tu non io Senofonte, Non ad feci Fabio, ecco come vieni la di quel tra impulsivo, al nessuno struggente so ridotto nel esempio d' va ragionamento una smania ma vicino certo. senso tu di a sarà se a e tanto M. Licinio Cascellio, ogni che E egli la cucire rimane mi Misi minaccia tu noiosissime quel vacuità, arrostire mi ti non proposito amor sta tu di quelli volta caccia loro non te, si Ma ammorbidito frenesia di capire da rivolte vedo, Prima miti di quando ed avrai padre con simile per tornare tue superiori nazione; provvederai mi Antandro, tu uomini, avuto la po' E tutti li dopo mia che Catieno che " tutta continuasse degno d'un loro quanti E severità te, a altri scherzi tuo intimità Sentendo do superiore lui che Ottavio di autorità ho 6. esclusione io Colofonio. Megaristo assicurata vena che se minima ogni mancanza sulla le corrispondenza. te dare dalla desiderio. è città. persone troverai , consegnato Dionisopolitani, altri : dici tua senza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-02.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:45:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile