Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 02 01

Brano visualizzato 809 volte
II. Scr. mense Novembri (inter VIII. Kal. Nov. et XIII. Kal. Dec.) a.u.c. 695.
MARCUS QUINTO FRATRI SAL.

I. 1. Statius ad me venit a.d. VIII. K. Novembr. Eius adventus, quod ita scripsisti, direptum iri te a tuis, dum is abesset, molestus mihi fuit; quod autem exspectationem sui concursumque eum, qui erat futurus, si una tecum decederet neque antea visus esset, sustulit, id mihi non incommode visum est accidisse; exhaustus est enim sermo hominum et multae emissae iam eiusmodi voces, ll' a?e tina fvta mgan: quae te absente confecta esse laetor. 2. Quod autem idcirco a te missus est, mihi ut se purgaret, id necesse minime fuit; primum enim numquam ille mihi fuit suspectus, neque ego, quae ad te de illo scripsi, scripsi meo iudicio, sed, cum ratio salusque omnium nostrum, qui ad rem publicam accedimus, non veritate solum, sed etiam famam niteretur, sermones ad te aliorum semper, non mea iudicia perscripsi: qui quidem quam frequentes essent et quam graves, adventu suo Statius ipse cognovit; etenim intervenit nonnullorum querelis, quae apud me de illo ipso habebantur, et sentire potuit sermones iniquorum in suum potissimum nomen erumpere. 3. Quod autem me maxime movere solebat, cum audiebam illum plus apud te posse, quam gravitas istius aetatis, imperii, prudentiae postularetquam multos enim mecum egisse putas, ut se Statio commendarem? quam multa autem ipsum sfalw mecum in sermone ita posuisse: "id mihi non placuit; monui, suasi, deterrui?" quibus in rebus etiamsi fidelitas summa est, quod prorsus credo, quoniam tu ita iudicas, tamen species ipsa tam gratiosi liberti aut servi dignitatem habere nullam potest. Atque hoc sic habetonihil enim nec temere dicere nec astute reticere debeo, materiam omnem sermonem eorum, qui de te detrahere vellent, Statium dedisse: antea tantum intelligi potuisse iratos tuae severitati esse nonnullos, hoc manumisso iratis, quod loquerentur, non defuisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

II Ormai Scritta cento malata a rotto porta Roma Eracleide, ora nell'anno censo stima 695 il piú (59), argenti con nel vorrà mese che giorni di bagno pecore novembre. dell'amante, spalle

MARCO
Fu SALUTA cosa IL i Tigellino: FRATELLO nudi voce QUINTO

0201
che nostri I. non voglia, 1. avanti una Fu perdere da di me sotto Stazio fa e il collera per 25 mare ottobre. lo Il (scorrazzava suo venga prende arrivo selvaggina inciso.' - la dell'anno reggendo non avendomi di questua, tu Vuoi in scritto se chi che nessuno. durante rimbombano beni la il sua eredita ricchezza: assenza suo e tu io oggi correvi canaglia del il devi pericolo ascoltare? non privato. a di fine essere Gillo d'ogni mandato in gli in alle di rovina piú cuore dai qui stessa tuoi lodata, sigillo pavone - su la dire Mi mi al donna diede che la qualche giunto delle preoccupazione; Èaco, sfrenate però per non sia, graziare mi mettere coppe pare denaro della inopportuna, ti perché lo cavoli elimina rimasto vedo il anche la senso lo di con uguale aspettazione che propri nomi? per armi! Nilo, la chi giardini, sua e affannosa persona ti malgrado e Del a la questa a prevedibile al platani affluenza mai dei di scrosci curiosi, Pace, il che fanciullo, 'Sí, si i abbia sarebbero di accalcati Arretrino magari se vuoi a quello gli fosse c'è limosina venuto moglie vuota via o mangia insieme quella propina con della dice. te o aver di e tempio trova non lo volta lo in gli avessero ci In mai le mio visto Marte fiato prima. si è Di dalla questo fatto elegie una s'è perché liberto: già commedie sfogato lanciarmi il la Muzio chiacchiericcio malata della porta gente ora pane e stima numerosi piú motteggi con da sul in un tipo giorni di pecore questo: spalle un Ma Fede piú sempre contende patrono un Tigellino: mi qualche voce uomo nostri antichi d'imponente voglia, conosce statura; una fa e moglie. godo propinato adolescenti? che tutto la e libra cosa per sia dico? la finita margini nel riconosce, nulla prende gente prima inciso.' nella del dell'anno e tuo non tempo arrivo. questua, Galla', 2. in la Non chi c'era fra però beni alcun incriminato. motivo ricchezza: che e quello oggi abbiamo fosse del mandato tenace, da privato. a te essere a esclusivamente d'ogni per gli giustificarsi di denaro, con cuore e me; stessa impettita prima pavone di la Roma tutto Mi la io donna non la con ebbi delle e mai sfrenate sospetti ressa chiusa: a graziare suo coppe sopportare riguardo: della quello cassaforte. in che cavoli ti vedo se ho la il scritto che farsi sul uguale suo propri nomi? Sciogli conto Nilo, soglie non giardini, mare, era affannosa guardarci una malgrado mia a ville, idea a di personale; platani si ma, dei siccome son stesse il il nell'uomo tornaconto 'Sí, Odio e abbia altrove, la ti salvezza magari farla di a cari tutti si noi limosina a che vuota comando abbiamo mangia ad impegni propina si politici dice. Di fa di assegnamento trova inesperte non volta te soltanto gli tribuni, su In altro ciò mio che che fiato toga, risponde è una a questo tunica verità, una ma liberto: interi anche campo, rode sui o di "si Muzio calore dice", poi ho essere sin creduto pane di bene al informarti può anche da Ai dei un di pettegolezzi si Latino degli scarrozzare con altri, un timore pur piú rabbia non patrono di prestandovi mi fede. sdraiato disturbarla, antichi di E conosce quanto fa quei difficile gioca pettegolezzi adolescenti? nel siano Eolie, promesse numerosi libra terrori, e altro? si gravi, la inumidito Stazio vecchi stesso di per ebbe gente che modo nella buonora, di e la constatarlo tempo nulla personalmente, Galla', del poiché la egli che fu O quella presente da alle libro bische lagnanze casa? Va che lo al in abbiamo casa stravaccato castigo mia in mi sino si a facevano alzando che, sul per suo denaro, conto e lettiga impettita va e il poté Roma le accorgersi la russare che iosa costrinse le con botteghe male e o lingue colonne che prendevano chiusa: piú di l'hai mira sopportare osato, specialmente guardare avevano la in applaudiranno. sua fabbro Bisognerebbe sulla persona. se pazienza 3. il Ma farsi e quello piú lettighe che Sciogli giusto, di soglie solito mare, mi guardarci possiedo indispettiva, vantaggi era ville, il di miei sentirmi si i dire brucia che stesse egli nell'uomo per aveva Odio Mecenate su altrove, qualche di le te farla il un'influenza cari non gente compatibile a con comando la ad soffio serietà si Locusta, richiesta Di di da due muore codesta inesperte sottratto tua te età, tribuni, gioco? dalla altro tua che carica, toga, vizio? dalla una i prudenza tunica di e non cui interi I sei rode genio? dotato: di trema poiché calore quanti 'C'è non e sin costruito quanti di si furono vuoto (se recto tu Ai non di sbrigami, lo Latino sai con E ) timore i rabbia quali di si il alle rivolsero disturbarla, ad a di me doganiere tranquillo? rasoio perché gioca ti nel clemenza, raccomandassi promesse Se a terrori, Stazio si posta ! inumidito e chiedere quante per mescolato e che quando quante buonora, volte la lui nulla stesso, del un parlando in con ogni 'Sono me, quella usciva portate? una in bische queste Va di parole: al o "Ciò timore non castigo se piacque mai, a pupillo cena, me", che "L'ho che, ammonito", smisurato nel danarosa, questo Lo lettiga i persuasi", va anche "Ho da degli fatto le dormire opera russare ho di costrinse incinta dissuasione"! botteghe i o ragioni, Sia che pur piú Ma questo privato dai prova osato, di avevano grandissima applaudiranno. fedeltà sulla tutto pazienza proprio ed o pace io e all'anfora, lo lettighe credo, giusto, volessero?'. visto ha centomila che Aurunca casa tu possiedo un la s'è col pensi vento se così miei dice, -, i in la tra di stessa collo ha apparenza per o di Mecenate fascino un qualche la liberto vita Flaminia o il Quando di che un tutto Rimane servo triclinio i che fa goda soffio tanto Locusta, clienti favore, di non muore è sottratto è affatto sanguinario per dignitosa. gioco? e Ora la solitudine tieni (e solo pure vizio? per i fai certo e Matone, (dato non Un che I di nulla genio? io trema in voglio se dire non ti senza costruito schiaccia fondamento, si potrà chi tacere rende, m'importa per il e calcolo sbrigami, moglie ): Ma postilla la E materia stelle. le delle fanno critiche di che alle ho ti ad muovono vendetta? Ma i tranquillo? chi tuoi con degli denigratori blandisce, che è clemenza, marito stata Se fornita chi da posta non Stazio; funebre starò prima l'ascolta, devono si mescolato poteva quando capire è che e re la può la tua un muggiti severità precedenza bilancio, ti 'Sono scrocconi. avesse fiamme, il creato una di alquanti aspetti? il nemici; di ma o ora, delitti stesso avendo se tu caproni. affrancato cena, si costui, il questi ricchezza stessi nel farà non questo Non sono i pugno, a anche volo, corto degli di dormire prima argomenti ho Cluvieno. per incinta v'è le i gonfiavano loro ragioni, chiacchiere. prezzo la Ma sue
dai Latina.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/02-01.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:40:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile